Un eurogoal di Semenzato in pieno recupero piega la resistenza di un brutto Cosenza - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

In Evidenza

Un eurogoal di Semenzato in pieno recupero piega la resistenza di un brutto Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Gara dominata dai padroni di casa che trovano in Perina un muro insuperabile. Il portiere rossoblu para l’impossibile ma deve arrendersi in pieno recupero ad un sinistro al volo di Semenzato con il Cosenza in 10 per un brutto infortunio a Baclet uscito dal campo dopo una rovinosa caduta

 

PORDENONE – Il Pordenone vince con merito la sfida di andata dei quarti di finale play-off superando al Bottechia per 1 a 0 un Cosenza brutto, sempre sulla difensiva, mai veramente pericoloso e salvato in più di un’occasione dalle miracolose parate di Perina in serata di grazia. Match deciso a favore dei “ramarri” in pieno recupero grazie ad un gioiello di Semenzato che indovina l’angolo basso con un sinstro al volo dal limite dell’area di rara bellezza e condanna i rossoblu ridotti in 10 uomini per l’uscita dal campo di Baclet portato via in barella dopo una rovinosa caduta a terra e quando oramai tutti i cambi erano stati effettuati. Attimi di paura per l’attaccante francese immobilizzato alla testa e trasportato subito in ospedale per gli accertamenti del caso.

Pordenone Cosenza tifosi

Il leitmotiv della gara appare chiaro sin dalle prime battute di gioco. Cosenza tutto chiuso dietro e Pordenone ad attaccare alla morte alla ricerca del vantaggio. Non sono passati neppure due minuti che Arma scheggia la traversa con un tiro di sinistro. I rossoblu faticano a manovrare anche perché i neroverdi attaccano con continuità e lo fanno portando nella metà campo del Cosenza molti giocatori che mettono in continua apprensione la retroguardia rossoblu che per salvarsi deve affidarsi alle parate di quel fenomeno che risponde al nome di Pietro Perina. Il numero 1 rossoblu deve superarsi nel primo tempo sulle conclusioni di Arma, Cattaneo, Burrai e Misuraca anche se l’occasionissima capita sui piedi del marocchino Arma che dopo aver superato in velocità Blondett e aggirato Perina, spara incredibilmente sull’esterno della rete a porta sguarnita.

Tifosi Cosenza

Nel secondo tempo i rossoblu provano ad alzare il baricentro e a creare qualche grattacapo alla difesa neroverde ma è sempre Perina il protagonista del match. Il portiere del Cosenza è fenomenale sul diagonale da dentro l’area di Semenzato e su un tiro a filo d’erba di Cattaneo. Arriva la girandola di cambi. Tedino butta nella mischia Padovan e Martignago e il Pordenone spinge con ancora più decisione collezionando corner a ripetizione. De Angelis mette in campo Letizia che rileva Mungo non al meglio e Baclet per Mendicino. Al 68′ il Cosenza crea la sua unica palla goal ma D’Anna smarcato in area da un assist di Letizia è troppo lezioso e prova a superare il portiere Tomei con un pallonetto debole che non inganna il numero 1 friulano che riesce a salvarsi.

Dall’altra parte Perina continua ad esaltarsi e dice no ad un tiro dal limite di Suciu. Ma i minuti passano e il fortino del Cosenza sembra poter resistere. Ma proprio al 90′ Baclet cade rovinosamente a terra battendo la testa dopo uno scontro con il portiere di casa. Attimi di paura e gioco fermo per 5 minuti. L’attaccante francese perse i sensi e viene portato via in barella lasciando i rossoblu in 10 che capitolano al minuto 97′. Cross dalla destra, pallone allontanato che ricade al limite dell’area sui piedi di Semenzato che non ci pensa sue volte e colpisce il pallone al volo insaccandolo nell’angolo basso alla sinistra di Perina (che questa volta non può nulla) facendo esplodere i 2.500 del Bottecchia e regalando una vittoria preziosissima ai “ramarri” in vista del ritorno di domenica dove servirà un Marulla infuocato ma sopratutto un Cosenza con gli attributi per ribaltare il risultato.

Pordenone Cosenza calcio inizio


                                                              logo-Cosenza Calcio

                      Pordenone    –    Cosenza 1 – 0

                    Marcatori: 97′ Semenzato

.
.
.

SECONDO TEMPO

99′ – FINALE DI GARA
Goal297′ –
GOAL PORDENONE con SemenzatoAll’ennesimo tentativo i padroni di casa trovano la rete con Semenzato che insacca il pallone nell’angolo basso con un sinistro al volo davvero bello e potente scagliato dal limite dell’area
96′Destro di Martignago, ancora Perina bravissimo a respingere
94′Si riprende a giocare. Saranno 5 i minuti di recupero. Cosenza che chiuderà la gara in 10
93′ –
Baclet viene portato via in barella tra gli applausi di tutto lo stadio. Da quello che riusciamo a vedere il calciatore è stato immobilizzato alla testa
91′ –
Capannello intorno all’attaccante del Cosenza che viene soccorso e immobilizzato su una barella mobile. In campo anche De Angelis. Preoccupazione per l’attaccante del Cosenza
88′ –
Attimi di paura per Baclet caduto rovinosamente a terra dopo uno scontro con il portiere Tomei. In campo c’è agitazione con i sanitari del 118 in campo
Ammonizione 87′ –
Parapiglia in campo dopo uno scontro violento che ha coinvolto Baclet che rimane per qualche minuto esanime a terra. Il Pordenone non si ferma e continua a giocare scatenando l’ira dei calciatori del Cosenza. L’arbitro ammonisce Pinna per il Cosenza, De Agostini e Cattaneo per i neroverdi
Sostituzione 82′ –
Ultimo cambio per Pordenone. Esce Marchi che lascia il campo a Martignago. Padroni di casa molto offensivi
81′ –
Letizia recupera un pallone al limite e calcia subito verso la porta di Tomei che blocca a terra 
Sostituzione 80′ –
D’Anna stremato a terra con i crampi non ce la fa e deve uscire. Al suo posto Criaco
78′ –
Suciu stoppa e conclude di destro, Perina risponde ancora presente e vola alla sua sinistra a deviare in calcio d’angolo
Sostituzione 74′ –
Se ne va Mendicino oggi davvero in sofferenza e costretto sempre a rincorrere il pallone, al suo posto Baclet
73′ –
Momento cruciale del match con i padroni di casa che spingono fortissimo e collezionano corner. Cosenza che non riesce ad uscire dalla propria metà campo
71′ –
Corner per il Pordenone battuto dalla sinistra, il pallone schiacciato di testa da De Agostini lasciato tutto solo finisce sul fondo
68′ –
Che occasione per il Cosenza. Letizia serve in area D’Anna che si presenta tutto solo davanti a Tomei. Il calciatore rossoblu prova il pallonetto ma il tiro è troppo debole e il portiere neroverde si salva
Sostituzione 67′ –
Si fa male Ingegneri che si accascia al suolo. Sostituzione inevitabile per il difensore rilevato da Parodi
66′ –
Diagonale velenoso di Cattaneo a filo d’erba deviato con una mano da Perina in angolo
61′ – Cross di sinistro di De Agostini impattato al limite dell’area da Padovan che calcia di prima intenzione, pallone alto sulla traversa
Sostituzione 57′ –
Cambio anche nel Cosenza. Fuori Mungo che non era al meglio e dentro Letizia
Sostituzione 56′ –
Arriva il primo cambio della gara ed è per i padroni di casa. Fuori Misuraca e dentro Padovan. Tedino butta nella mischia un attaccante
50′ –
Grande giocata di Mungo che con una finta manda al bar due difensori, ma sul suo cross forte e teso in area non trova maglie del Cosenza e il pallone si perde
45′ –
Nemmeno un minuto di gioco nella ripresa e ancora Perina deve sfoderare una parata formidabile su Semenzato che prova il diagonale vincente da dentro l’area deviato in angolo con un grande intervento del portierone rossoblu
45′ –
Riparte la contesa al Bottecchia. Nessun cambio nell’intervallo e stessi 22 della prima frazione

 

PRIMO TEMPO

45′ – FINALE DI PRIMO TEMPO
45′ –
Pordenone ancora ad un passo dal goal. Perina respinge di pugno un cross dalla destra, il pallone finisce al limite proprio sui piedi di Misuraca che calcia al volo. La sfera passa tra una selva di gambe e sulla linea Tedeschi riesce a intercettarlo
43′ –
Occasione Cosenza con Mungo che lanciato in area da un lungo lancio riesce a controllare la sfera ma Ingegneri riesce a deviare in angolo il suo tiro
Ammonizione 41‘ – Giallo per Stefani che si aggrappa alla maglia di Mungo
40′ – Super Perina chiamato nuovamente in causa da un tiro al volo da dentro l’area di Misuraca che il portiere rossoblu riesce a deviare
36′ – Si rivede in avanti il Pordenone. Arma stoppa e area e appoggia per l’accorrente Burrai che dal limite però calcia male. Pallone che scivola sul fondo alla destra di Perina
Ammonizione 29‘ – Intervento in ritardo di Mungo su Cattaneo. Cartellino giallo per il giocatore del Cosenza
27′ – Si ripete il duello Arma-Perina, con il portiere del Cosenza che volta a deviare in angolo un colpo di testa dell’attaccante marocchino
26′ – Statella lancia in profondità Mendicino anticipato dall’uscita di Tomei
22′ – Grande pressione del Pordenone che attacca con forza, costringendo il Cosenza nella propria metà campo
19′ – Incredibile il goal sbagliato da Arma che servito da un assist al bacio di Burrai supera in velocità Blondett, salta anche Perina ma a porta vuota spara incredibilmente sull’esterno della rete
15′ –
Grandissimo intervento di Perina che toglie letteralmente dall’incrocio un missile ad incrociare del solito Cattaneo
12′ – Bella combinazione dei rossoblu chiusa da un cross di D’Anna dalla destra per Mungo che in scivolata riesce solo a sfiorare il pallone che finisce docile nelle braccia di Tomei
11′ – Ancora Calami prova la conclusione dalla distanza. Il centrocampista questa volta inquadra la porta ma il suo tiro viene bloccato a terra da Tomei
9′ – Semenzato vede un pertugio in area piccola per Cattaneo chiuso da una provvidenziale scivolata di Blondett che manda in angolo
6′ – Replica del Cosenza con Calamai che servito da D’Anna calcia dalla distanza, palla che non si abbassa e finisce alta sulla traversa
2′ – Pronti via e Pordenone che sfiora subito il vantaggio con l’uomo più atteso, Rachid Arma. L’attaccante servito in profondità lascia partire un siluro dalla sinistra che scheggia la traversa e si spegne sul fondo
1′ – Il Cosenza da il via alla contesa. Rossoblu che attaccheranno da sinistra verso destra

Le due formazioni fanno il loro ingresso sul terreno del Bottecchia. Cosenza in campo con la maglia e i pantaloncini da trasferta bianchi. Padroni di casa in divisa neroverde

 

——————————————————————————————————————–

PORDENONE CALCIO (4-2-3-1): Toemi, Ingegneri (67′ Parodi), Stefani, Marchi, De Agostini, Semenzato, Suciu, Burrai, Misuraca (56′ Padovan), Cattaneo (82′ Martignago), Arma
Panchina: D’Arsiè, Pellegrini, Padovan, Martignago, Parodi, Zappa, Buratto, Gerbaudo, Pietribiasi, Bulevardi
Allenatore: Bruno Tedino

COSENZA CALCIO (4-4-1-1): Perina, Corsi, Pinna, Blondett, Tedeschi, Statella, Mendicino (74′ Baclet), Ranieri, D’Anna (80′ Criaco), Mungo (57′ Letizia), Calamai
Panchina:
Saracco, Quintiero, Capece, Criaco, Caccetta, Letizia, Cavallaro, Meroni, Bilotta, Baclet, D’Orazio
Allenatore
Stefano De Angelis

Arbitro: Signor Antonello Balice di Termoli

Assistenti: Daniele Marchi di Bologna e Francesco Gnarra di Siena

Quarto Ufficiale: Signor Giampaolo Mantelli di Brescia

Ammoniti: Mungo (C), Stefani (P), Pinna (C), Cattaneo (P), De Agostini (P)

Espulsi

Angoli: 10-2

Note: Serata estiva, terreno di gioco in perfette condizione. Stadio “Bottecchia” praticamente esaurito. Presenti 2.400 spettatori, 350 di questi sono tifosi rossoblu sistemati in gradinata

Area Urbana

Rende, grave intimidazione con ordigno davanti una concessionaria di auto. “Atto vile”

È accaduto in piena notte dove un ordigno è esploso distruggendo le vetrine della concessionaria Cupra della famiglia Ionà

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Un atto intimidatorio ai danni di una concessionaria di auto di Rende. È accaduto in piena notte dove un ordigno è esploso distruggendo le vetrine della concessionaria Cupra dell’imprenditore Emanuele Ionà. Questa mattina, anche attraverso i video delle telecamere di sorveglianza, l’amara scoperta dei titolati e l’immediata denuncia ai carabinieri che ora stanno indagando per risalire ai responsabili immortalati dai video di sicurezza e seguono la pista estorsiva. Acquisite le riprese dell’impianto di videosorveglianza dell’azienda, in cui si vede un uomo, col viso coperto, scavalcare la recinzione del cortile della concessionaria e piazzare la bomba che poco dopo esplode davanti la vetrina. Centinaia i messaggi di solidarietà alla famiglia Ionà. Il gruppo, nato a Lamezia Terme, vanta diversi punti vendita di marchi famosi come Bmw, Audi, Cupra e Seat in diverse città della Calabria.

La solidarietà del sindaco di Rende Manna

“L’ordigno che ieri sera ha danneggiato le vetrine della nuova concessionaria d’auto Cupra a Rende è una chiara intimidazione in piena estate che colpisce la famiglia Ionà. A loro va la mia vicinanza e solidarietà, inoltre come amministrazione vogliamo mantenere alta l’attenzione, in collaborazione con le forze dell’ordine, per cercare di mettere freno a questi vili gesti criminali”. Così in un post su Facebook il sindaco di Rende Macello Manna.

Furgiuele (Lega) “La Calabria non si piega alla tracotanza criminale”

Colpire un imprenditore sano è da vigliacchi! Solidarietà vicinanza umana all’amico Emanuele Ionà che ha subito un attacco alla sua attività a Rende – ha scritto Domenico Furgiuele (Lega)” La Calabria non si piegherà alla tracotanza criminale di chi vuole ostacolarne lo sviluppo anche attraverso l’iniziativa imprenditoriale. Questo vile atto renderà ancora più forte il gruppo Ionà. Ad Emanuele e alla sua famiglia l’invito a non farsi scoraggiare. Non sei solo, non siete soli, la Calabria sana è con voi”.

Mangialavori: “stare vicini a chi ha il coraggio di denunciare”

“La mia solidarietà alla famiglia Ionà, destinataria dell’ennesima intimidazione a opera della malavita. È dovere di tutte le istituzioni stare vicini agli imprenditori che fanno crescere la Calabria, che hanno il coraggio di denunciare i criminali e di non abbassare la testa davanti alle loro inaccettabili richieste”. Così in una nota il senatore azzurro Giuseppe Mangialavori. “Sono certo  – spiega – che la famiglia Ionà continuerà a lavorare per la crescita del proprio gruppo e per il benessere dei propri dipendenti, senza lasciarsi abbattere da questo atto vile e intollerabile”.

Cannizzaro: “una vigliaccata”

Dello stesso avviso il deputato Cannizzaro “Le intimidazioni sono una vigliaccata, non c’è altro modo per definirle. A prescindere da chi e da come vengono perpetrate, sono un atto vile e sporco, che merita l’indignazione e la risposta ferma di tutta la Calabria perbene, vale a dire quel 99,9% stanco di questo modus operandi che per troppo tempo ha danneggiato pesantemente la serenità di onesti lavoratori e l’immagine di un’intera regione. Motivo per cui sono e sarò sempre in prima fila a sostenere chi subisce gli arroganti tentativi di prepotenza da parte del malaffare, come in questo caso la famiglia Ionà. Conosco personalmente l’azienda e la famiglia Ionà, Emanuele in particolare, a cui mi lega un forte legame di stima ed amicizia. Credo proprio che questo genere di episodi anziché scalfire il gruppo lo abbia invece fortificato”.

Continua a leggere

In Evidenza

Poste, dai dati da aggiornare agli accessi anomali. Attenti alle truffe “svuotaconto”

Contro i tentativi di smishing, phishing e vishing Poste italiane ha stilato poche e semplici regole per evitare spiacevoli sorprese quando si opera online con il proprio conto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Tramite SMS arriva un messaggio di Posteinfo che recita “è stata rilevata un’anomalia sul proprio conto. La preghiamo di aggiornare i dati tramite questo link“. L’ignaro utenti clicca sul link che accompagna l’SMS e viene dirottato su un sito che che chiede ogni informazione relativa al conto con Poste Italiane. Inserisce le sue credenziali e i malfattori hanno libero accesso al conto corrente che viene così riupulito. Un truffa online partita nel 2020, ma che ciclicamente si ripropone sui cellulari di migliaia di ignare vittime.

Contro i tentativi di smishing, phishing e vishing  Poste italiane ha stilato poche e semplici regole per evitare spiacevoli sorprese quando si opera online con il proprio conto. Una serie di consigli da tenere a mente, illustrati nella sezione dedicata alla sicurezza del sito www.poste.it, dove alcuni video mostrano le principali tipologie di truffe portate a termine non solo sul web ma anche tramite le app per smartphone e tablet. Tecniche di acquisizione indebita di dati sensibili quali lo smishing, il phishing, il vishing messe in pratica anche attraverso finti siti di e-commerce e i social network.

Queste le indicazioni che Poste Italiane rivolge ai propri utenti:

  • Ricorda che Poste Italiane S.p.A. e PostePay S.p.A. non chiedono mai, in nessun modo (e-mail, sms, chat di social network, operatori di call center) e per nessuna finalità i tuoi dati riservati(nome utente, password, codici di sicurezza come quelli OTP ricevuti via sms);
  • Se qualcuno, anche presentandosi come un operatore di Poste Italiane S.p.A. o PostePay S.p.A., ti dovesse chiedere tali informazioni, si tratta certamente di un tentativo di frode, quindi non fornirli a nessuno;
  • Non rispondere mai a e-mail, chiamate, messaggi via chato sms nei quali vengono richiesti i tuoi codici personali (nome utente, password, codici di sicurezza, dati delle carte di pagamento);
  • Controlla sempre l’attendibilità di un’e-mail prima di aprirla: verifica che il mittente sia realmente chi dice di essere e non qualcuno che si finge qualcun altro (ad esempio, controlla con attenzione l’indirizzo e-mail dal quale questa ti è arrivata);
  • Non scaricare gli allegati delle e-mail sospetteprima di aver verificato che il mittente sia noto o che rappresenti effettivamente un’istituzione, un ente o un’azienda;
  • Non cliccare sui link contenuti nelle e-mail sospette. Se per errore dovesse accadere, non inserire i tuoi dati per l’autenticazione sul sito falso e chiudi subito il web browser;
  • Segnala a Poste Italiane eventuali e-mail di phishing, inoltrandole all’indirizzo [email protected]. Immediatamente dopo, cestinale e cancellale anche dal cestino;
  • Digita direttamente l’indirizzo Internet https://www.poste.it/nella barra degli indirizzi del web browser per visitare il sito di Poste Italiane;
  • Utilizza l’app per usufruire del servizio di notifiche push ed essere informato in tempo reale sulle operazioni di pagamento effettuate con il tuo conto corrente e le tue carte di pagamento. In alternativa, attiva il servizio di notifica tramite SMS sul tuo telefono cellulare, gratuito per i pagamenti su siti internet e su app. Per ulteriori informazioni sul servizio, consulta i fogli informativi nella sezione Trasparenza Bancaria del sito Poste.it.

Le informazioni messe a disposizione da Poste Italiane hanno l’obiettivo di promuovere la cultura della sicurezza e contribuire alla prevenzione dei fenomeni di microcriminalità, in linea con il tradizionale ruolo sociale di Poste Italiane e con i valori di inclusione e vicinanza che da sempre ne ispirano l’azione.

Continua a leggere

In Evidenza

Criptovalute: conviene puntare su Ripple? Le previsioni degli esperti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Creata con l’obiettivo di migliorare la tecnologia di Bitcoin, Ripple è oggi la criptovaluta più controversa del momento, soprattutto in merito alla diatriba legale con la SEC, l’Autorità di vigilanza per i mercati finanziari degli Stati Uniti (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza