Consorzi di bonifica, lavoratori da mesi senza stipendi: proclamato lo stato d’agitazione

Consorzio di Bonifica dei Bacini Integrali dello Ionio Cosentino, lavoratori sul piede di guerra: chiedono al Prefetto di Cosenza di risolvere la vertenza.

 

TREBISACCE (CS) – “La vertenza degli impiegati e degli operai addetti all’irrigazione dipendenti del Consorzio di Bonifica dello Ionio Cosentino, con sede a Trebisacce, assume contorni sempre più drammatici. L’impegno di erogazione di due mensilità entro la fine di febbraio, assunto dal Presidente Blaiotta e comunicato al Prefetto e alle Organizzazioni Sindacali, è rimasto ancora una volta disatteso.” E’ quanto fanno sapere le Organizzazioni Sindacali  FAI – CISL e UILA – UIL, in una nota scritta.

“Ad oggi – si legge – i lavoratori sono senza stipendio da 5 mesi, vivono una situazione di gravissimo disagio, con tante famiglie che non riescono più ad onorare gli impegni economici quotidiani e tanti lavoratori che non sono più nelle condizioni di utilizzare la propria auto per il raggiungimento dei cantieri e degli impianti. Per queste ragioni le Organizzazioni Sindacali sollecitano un intervento autorevole di Sua Eccellenza il Prefetto di Cosenza, che possa, anche attraverso il coinvolgimento della Regione Calabria, risolvere tale vertenza, dando prospettive e certezze ai lavoratori ormai allo stremo, al fine di evitare forme di protesta estreme.”

LEGGI ANCHE:

Consorzi di Bonifica: in Calabria sistema fallimentare, che fa cassa con tributi illegittimi

Consorzi di Bonifica in tilt, in provincia di Cosenza agricoltori senz’acqua e lavoratori non retribuiti

 

Consorzi di bonifica, Graziano lancia l’allarme: “Rischiano di sparire, la Regione rilanci i servizi”