Incidente sul lavoro: schiacciato da un albero, denunciato titolare non rispetta normative sicurezza

Controlli sul territorio dai Carabinieri di Rende: bilancio di quattro persone denunciate nel cosentino negli ultimi due giorni

ROSE (CS) – Ieri sera, a Rose, i militari della Stazione Carabinieri di Rose, al termine degli accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà, un 30enne cosentino, per il reato di “Lesioni personali colpose”. I militari operanti, dopo gli accertamenti, hanno constatato che, nella mattinata di ieri, a Rose in contrada Cutura, nel corso di lavori di disboscamento in area privata, uno degli operai alle dipendenze della ditta di proprietà del denunciato, è rimasto schiacciato a seguito della caduta di un albero.

L’uomo è stato trasportato in elisoccorso presso l’ospedale civile dell’Annunziata di Cosenza, ove tuttora ricoverato, con prognosi riservata. Le successive verifiche effettuate dai militari operanti, unitamente a personale dell’ASP di Cosenza, hanno consentito di appurare responsabilità a carico del titolare della ditta poiché, in qualità di responsabile protezione e prevenzione dell’azienda, non ha vigilato sul rispetto delle normative in materia di sicurezza sul lavoro.

Nel pomeriggio dello scorso 28 novembre a Rende, i militari dell’Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rende, al termine degli accertamenti, hanno deferito in stato di libertà, un 28enne e una 40enne di nazionalità russa, per il reato di “Detenzione di armi e oggetti atti ad offendere”. I militari operanti, nel corso di servizio di controllo del territorio, hanno feramto l’autovettura con a bordo i predetti rinvenendo, celati nel cofano dell’autovettura, diversi oggetti atti ad offendere tra cui 2 pinze, 1 tronchesina, 3 cacciaviti e 1 attrezzo multiuso con relativi accessori.

Inoltre, dalle successive verifiche, è emerso che l’uomo era alla guida del veicolo, nonostante non avesse mai conseguito la patente di guida e pertanto è stato denunciato anche per il reato di “Guida senza patente”. L’autovettura e il materiale rinvenuto sono stati posti sotto sequestro.

Sempre nel pomeriggio del 28 a Lattarico, i militari della Stazione Carabinieri di Lattarico, al termine degli accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà un 61enne cosentino, per il reato di “Inosservanza degli obblighi derivanti dalla custodia di bene sequestrato”. I militari operanti hanno verificato che l’uomo, incurante del provvedimento di sequestro ai fini di confisca della propria autovettura, poiché priva di copertura assicurativa, dava fuoco al veicolo e lo abbandonava in aperta campagna. Nella circostanza veniva elevata una sanzione amministrativa, a carico del predetto, di 1.660,00€.