ASCOLTA RLB LIVE
Search

FOTONOTIZIA – La spazzatura domina la Presila cosentina

Da Rovito a Celico una lunga distesa di rifiuti accoglie residenti e visitatori. Ecco il biglietto da visita della Sila Patrimonio dell’Unesco.

 

CELICO (CS) – Non bastava la discarica ‘legale’ del patron del Crotone ad allietare le giornate dei presilani. Ai rifiuti abbancati in contrada San Nicola si aggiungono quelli sparsi tra le strade che da Rovito portano a Celico. Cumuli di spazzatura sparsi ai lati della carreggiata danno l’impressione di essere all’interno di una discarica abusiva a cielo aperto. Un panorama che poco si addice ad una Presila che dovrebbe essere il punto d’accesso al Parco Nazionale nominato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Le foto di seguito sono state scattate in via Stazione, una strada interna tra Pianette di Rovito e Celico, quella sotto il famigerato ponte del Cannavino noto per i problemi strutturali denunciati dai residenti. Non si tratta però di un fenomeno isolato dato che anche in contrada Cavallo Morto ed in altre zone del circondario lo scenario è sempre uguale: distese di sacchetti abbandonati a ciglio strada. I cittadini più volte hanno chiesto ad entrambi i Comuni di prendere provvedimenti senza sortire alcun tipo di effetto. Numerose infatti pare che siano le famiglie che, pur di non fare la raccolta differenziata, preferiscono lanciare quotidiamente la spazzatura dal finestro dell’auto nella vallata certi di essere impuniti.

20161102_142634

20161102_142635

20161102_1426560

20161102_142656