Arrestati due pusher nel Cosentino, trovati in possesso di mille dosi di hashish

I due sono stati fermati nel corso di alcuni controlli nei parchi vacanza della cittadina dell’alto tirreno. Si tratta di un uomo e una donna, scoperti con numerose dosi di hashish.

 

SCALEA (CS) – La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Scalea, nel corso di un servizio finalizzato alla repressione dello spaccio di stupefacenti, hanno controllato alcuni parchi estivi della città di Scalea. Il servizio si è concluso con l’arresto di due pusher che detenevano in due appartamenti diversi, dosi di hashish pronte per essere confezionate per la vendita al dettaglio.

I militari, dopo un prolungato servizio di osservazione, hanno fatto ingresso nel primo appartamento dove hanno scoperto, al termine di perquisizione personale e domiciliare a carico di un ragazzo proveniente dall’Isole d’Elba di 28 anni, sostanza stupefacente che se immessa sul mercato avrebbe permesso di vendere circa 200 dosi di hashish. Successivamente i Carabinieri hanno localizzato una seconda abitazione nella quale è stato rinvenuta una maggior quantità di hashish e materiale vario per il confezionamento al dettaglio. Più di 800 le dosi di hashish rinvenute e sequestrate di proprietà di una donna campana di 31 anni, tra l’altro incinta. L’uomo e la donna sono stati arrestati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e sono rimasti presso i rispettivi domicili in stato di arresto in attesa di direttissima.