Concerto Arpe

Italian Quartet Harps & Il Mondo della Luna nell’attesissimo ‘Concerto di Primavera’

Quando:
24 marzo 2017@21:00
2017-03-24T21:00:00+01:00
2017-03-24T21:15:00+01:00
Dove:
Teatro comunale Mendicino
Via Ottavio Greco
87040 Mendicino CS
Italia
Contatto:
333 4764630

MENDICINO (CS) – Tutto pronto per accogliere la primavera a suon di arpe. Nella splendida cornice del Teatro comunale di Mendicino, venerdì 24 marzo, a partire dalle ore 21, l’atteso “Concerto di Primavera” vedrà esibirsi alle arpe gli artisti Albarosa Di Lieto, Rosaria Belmonte, Patrizia Mollica, Emanuela De Zarlo; Soprano: Vittoria DiDonna; Violini: Domenico Masiello ed Elana De Candia; Viola: Giuliana De Siato e al Violoncello: Anita Roshi. Direttore Grazia Bonasia.

L’Orchestra Italiana di Arpe è attualmente formata da circa 50 arpisti provenienti da varie regioni. Si è esibita per la prima volta il 27 Ottobre 2010 nell’Auditorium “Guarasci” di Cosenza per la serata d’inaugurazione del II Concorso Internazionale d’Arpa “Marcel Tournier” e il 30 Ottobre 2010 al Teatro Stabile di Potenza. Ha tenuto un concerto a Portogruaro (VE) insieme a Cecilia Chailly contro la violenza sulle donne dal titolo “A SUON D’ ARPA DICIAMO NO ALLA VIOLENZA” e a Biella presso il Teatro Sociale “Villani”, a Messina per l’Associazione Filarmonica Laudamo e a Cosenza presso il Teatro Tieri. Nello studio di Conversano (BA), ha registrato il brano “Poker per 50 arpe” del M° Stefano Ottomano. Sedici compositori scrivono per l’orchestra. I loro nomi sono: Giorgio Barozzi, Luigi Benincasa, Grazia Bonasia, Paolo Coggiola, Luigi Del Prete, Andrea Ferrante, Oscar Greco, Tommaso Greco, Lodi Luka, Stefano Ottomano, Vincenzo Palermo, Filippo Perocco, Francesco Perri, Nicola Pisani, Rodolfo Saraco, Vincenzo Sorrentino.

Grazia Bonasia
Ha studiato Pianoforte, Canto, Composizione Sperimentale presso il Conservatorio di Bari (Italia) e Direzione d’Orchestra con il M° Piero Bellugi (Firenze – Italia) e il M° Daniele Belardinelli (Matera – Italia). Svolge attualmente l’attività di Direttore d’Orchestra distinguendosi, in particolar modo, per l’intensa ricerca di repertori rari sia in ambito barocco che contemporaneo, affiancando all’attività concertistica quella di critico musicale. Ha portato sul palcoscenico, oltre a quelle considerate tradizionalmente di repertorio, Opere del repertorio italiano del XVIII° secolo che hanno vissuto grandi stagioni di successi nell’Europa del 1700 (Livietta e Tracollo, Intermezzo in musica in due parti di Giovanni Battista Pergolesi; La Serva Padrona, Intermezzo buffo di Giovanni Battista Pergolesi; Il filosofo di campagna, Dramma giocoso di Baldassarre Galuppi su libretto di Carlo Goldoni). Attualmente è impegnata nello studio, nella revisione delle opere inedite del compositore barese Niccolò Piccinni (Bari 1728 – Passy 1800) e nella loro esecuzione e registrazione con l’ensemble “Il Mondo della Luna” (Messa a 5 voci, orchestra e basso continuo, Credo a 3 voci, archi e basso continuo, Pater Noster per soprano, archi e basso continuo, Salmo V per coro, orchestra, soprano e basso continuo, Dixit Dominus per orchestra, voci e basso continuo, Judex ergo per baritono, archi, corni e basso continuo. Ha nel suo repertorio Oratori di rarissima esecuzione: Sant’Elena al Calvario, Oratorio di Leonardo Leo (San Vito dei Normanni, Brindisi, 1694 – Napoli 1744); Esther, di Georg Friederich Händel, tra tutti. E’ attualmente impegnata nella revisione dell’azione scenica sacra in due parti Gionata di Niccolò Piccinni. Per ciò che riguarda la Musica Contemporanea, ha collaborato con compositori del calibro di Luca Francesconi (Compositore e attuale Direttore artistico della Biennale Musica di Venezia) e Vito Palumbo. Inoltre, nel Maggio 2012 collabora con il M° Davide Anzaghi (attuale Presidente della Società Italiana di Musica Contemporanea, SIMC). Lavora stabilmente come Direttore con l’Orchestra Nazionale di Arpe realizzando il cd Poker (2011). Ha inciso le Folk songs di Luciano Berio (Papageno Edizioni, Bari – 2011). Ha pubblicato, inoltre, oltre 800 articoli dedicati alla cultura e alla musica per la testata del quotidiano nazionale E-Polis. Ha pubblicato per la Casa Editrice Lindau, Torino, in collaborazione con cinque Università italiane, il volume Close – Up dedicato al rapporto tra musica e cinema muto. E’ laureata in Scienze Biologiche e ha ottenuto il Dottorato di Ricerca (1998) presso la facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Bari (Dipartimento di Anatomia Patologica) in Morfometria Analitica.IMG-20170314-WA0016