La verità dopo 18 anni - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

La verità dopo 18 anni

Avatar

Pubblicato

il

ROSARNO – Tre donne: Maria Teresa Gallucci,37 anni,  la madre Nicolina Celano ,72 anni, e la cugina Marilena Bracalia ,22 anni , uccise a colpi di pistola la mattina del  19 marzo del 1994 nel loro appartamento di Genova . Un delitto rimasto senza colpevole per 18 lunghi anni. Ora la Dda di genova ha riaperto il caso e dietro la loro morte ci sarebbe la “longa manu” della cosca Pesce . Sono le dichiarazioni  di Giuseppina Pesce a rivelarlo, collaboratrice di giustizia, che nell’ambito del processo ha indicato due “fedelissimi” della famiglia di ‘ndrangheta . Si tratta di Domenico Leotta e Francesco Di Marte .Le dichiarazioni rilasciate dalla pentita, sono state trasmesse alla Dda del capoluogo ligure e si stanno cercando riscontri con quanto affermato dalla Pesce .Sarebbe stato un delitto d’onore quello in cui le tre donne sono rimaste coinvolte . Infatti la Gallucci, rimasta vedova a soli 25 anni, a causa di un incidente sul lavoro  di cui fu vittima il marito, tentò di rifarsi una vita iniziando una relazione con un uomo di rosarno ,Francesco Arcuri . Secondo alcuni anche lui uomo di ‘ndrangheta . Ma la relazione tra i due , non fu digerita da qualcuno ,tanto che il 5 novembre del ’93 Arcuri venne ferito in un agguato che ne causò la morte alcuni giorni dopo. I sospetti caddero inizialmente sul figlio maggiore della donna ,Francesco Alviano, ma gli inquirenti non raccolsero elementi sufficienti . La Gallucci decise quindi di trasferirsi a Genova, dove vivevano altri parenti . La paura che in Calabria potesse succedere qualcosa di terribile, si faceva sempre più forte e di fatti la famiglia di Arcuri aveva chiesto la testa di uno dei tre figli della donna per vendicare la morte del loro congiunto . L’allora boss di Rosarno però ,Peppino Pesce , non acconsentì alla vendetta . A pagare ,invece, sarebbero state Maria Teresa e le altre due donne quella tragica mattina,e come unico indiziato ancora una volta fu Francesco Alviano , arrestato a Rosarno dopo che la sua presenza venne segnalata  Genova nei giorni dell’omicidio . Questa volta però non c’erano prove a suo carico . Oggi, a distanza di diciotto anni , le dichiarazioni di giuseppina pesce , hanno fatto riaprire il caso .Toccherà ai magistarti genovesi cercare tutti le prove necessarie per chiudere finalmente il cerchio che ha visto massacrate tre donne in Liguria.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza