Sanità: è fuga dalla Calabria per farsi curare. Il 43% dei malati oncologici sceglie il Centro-nord

È fuga dal Mezzogiorno per curarsi, mobilità oncologica a lungo raggio al 43% in Calabria. E l'autonomia differenziata aggrava diseguaglianze Nord-Sud. È quanto emerge dal Report Svimez in collaborazione con Save the Children

COSNEZA – Una vera e propria fuga dalla Calabria per farsi curare. Nella nostra regione la più bassa spesa sanitaria per abitante ed siamo ultimi anche per prevenzione oncologica. Queste le principali considerazioni emerse dal Report SVIMEZ “Un Paese, due cure. I divari Nord-Sud nel diritto alla salute”,  presentato oggi a Roma in collaborazione con Save the Children. Il Report, pubblicato nell’ultimo numero di Informazioni Svimez, curato da Luca Bianchi, Serenella Caravella e Carmelo Petraglia, offre una fotografia delle condizioni territoriali del SSN al quale si rivolgono i cittadini per le cure.

Fuga dalla Calabria per farsi curarsi

La “fuga” dal Sud per ricevere assistenza in strutture sanitarie del Centro e del Nord, soprattutto per le patologie più gravi. Nel 2022, dei 629 mila migranti sanitari (volume di ricoveri), il 44% era residente in una regione del Mezzogiorno. Per le patologie oncologiche, 12.401 pazienti meridionali, pari al 22% del totale dei pazienti, si sono spostati per ricevere cure in un SSR del Centro o del Nord nel 2022. Solo 811 pazienti del Centro-Nord (lo 0,1% del totale) hanno fatto il viaggio inverso. È la Calabria a registrare l’incidenza più elevata di migrazioni: il 43% dei pazienti si rivolge a strutture sanitarie di Regioni non confinanti. Seguono Basilicata (25%) e Sicilia (16,5%). Al
Sud, i servizi di prevenzione e cura sono dunque più carenti, minore la spesa pubblica sanitaria, più lunghe le distanze da percorrere per ricevere assistenza.

Mobilità oncologica

Save the Children evidenzia numeri crescenti anche nelle migrazioni sanitarie pediatriche da Sud verso il Centro-Nord, segno di carenze o di sfiducia nel sistema sanitario delle regioni del Mezzogiorno: l’indice di fuga – ovvero il numero di pazienti pediatrici che vanno a farsi curare in una regione diversa da quella di residenza – nel 2020 si attesta in media all’8,7% a livello nazionale, con differenze territoriali che vanno dal 3,4% del Lazio al 43,4% del Molise, il 30,8% della Basilicata, il 26,8% dell’Umbria e il 23,6% della Calabria. In particolare, un terzo dei bambini e degli adolescenti si mette in viaggio dal Sud per ricevere cure per disturbi mentali o neurologici, della nutrizione o del metabolismo nei centri specialistici convergendo principalmente a Roma, Genova e Firenze, sedi di Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) pediatrici.

In Calabria la più bassa spesa sanitaria per abitante

I divari territoriali sono aumentati in un contesto di generalizzata debolezza del Sistema Sanitario che, nel confronto europeo, risulta sottodimensionato per stanziamenti di risorse pubbliche (in media 6,6% del PIL contro il 9,4% di Germania e l’8,9% di Francia), a fronte di un contributo privato comparativamente elevato (24% della spesa sanitaria complessiva, quasi il doppio di Francia e Germania). Dai dati regionalizzati di spesa sanitaria (di fonte Conti Pubblici territoriali) risultano livelli di spesa per abitante, corrente e per investimenti, mediamente più contenuti nelle regioni meridionali.

A fronte di una media nazionale di 2.140 euro, la spesa corrente più bassa si registra in Calabria (1.748 euro), Campania (1.818 euro), Basilicata (1.941 euro) e Puglia (1.978 euro). Per la parte di spesa in conto capitale, i valori più bassi si ravvisano in Campania (18 euro), Lazio (24 euro) e Calabria (27 euro), mentre il dato nazionale si attesta su una media di 41 euro. Il monitoraggio LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), che offre un quadro delle differenze nell’efficacia e qualità delle prestazioni fornite dai diversi SSR, fa emergere i deludenti risultati del Sud: 5 regioni del Mezzogiorno risultano inadempienti.

Lea

700mila persone al Sud in povertà sanitaria

In base alle recenti valutazioni del CREA (Centro per la ricerca economica applicata in sanità), sono il 6,1% le famiglie italiane in povertà sanitaria, perché hanno riscontrato difficoltà o hanno rinunciato a sostenere spese sanitarie. Nel Mezzogiorno la quota la povertà sanitaria riguarda l’8% dei nuclei familiari, una percentuale doppia rispetto al 4% del Nord-Est (5,9% al Nord-Ovest, 5% al Centro).

Speranza di vita minore al Sud: più alta anche la mortalità per tumore

Il Mezzogiorno, secondo gli indicatori BES (Benessere Equo e Sostenibile) sulla salute, è l’area del Paese caratterizzata dalle peggiori condizioni di salute. Gli indicatori relativi alla speranza di vita mostrano un differenziale territoriale marcato e crescente negli anni: nel 2022, la speranza di vita alla nascita per i cittadini meridionali era di 81,7 anni, 1,3 anni in meno del Centro e del NordOvest, 1,5 rispetto al Nord-Est. Analoghi differenziali sfavorevoli al Sud si osservano per la mortalità evitabile causata da deficit nell’assistenza sanitaria e nell’offerta di servizi di prevenzione. Il tasso di mortalità per tumore è pari al 9,6 per 10 mila abitanti per gli uomini rispetto a circa l’8 del Nord. È
cresciuto il divario per le donne: 8,2 al Sud con meno del 7 al Nord; nel 2010 i due dati erano allineati.

emigrazione-sanitari

La Calabria regione con meno prevenzione oncologica

Secondo le valutazioni dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), nel biennio 2021-2022, in Italia circa il 70% delle donne di 50-69 anni si è sottoposta ai controlli: circa due su tre lo ha fatto aderendo ai programmi di screening gratuiti. La copertura complessiva è dell’80% al Nord, del 76% al Centro, ma scende ad appena il 58% nel Mezzogiorno. La prima regione per copertura è il Friuli-Venezia Giulia (87,8%); l’ultima è la Calabria, dove solamente il 42,5% delle donne di 50-69 anni si è sottoposto ai controlli. I dati relativi agli screening organizzati dai SSR confermano i profondi divari regionali nell’offerta di servizi che dovrebbero essere garantiti in maniera uniforme in quanto compresi tra i LEA. La quota di donne che ha avuto accesso a screening organizzati oscilla tra valori compresi tra il 63 e il 76% in Veneto, Toscana, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, P.A. di Trento,
Umbria e Liguria e circa il 31% in Abruzzo e Molise. Le quote più basse si registrano in Campania (20,4%) e in Calabria, dove le donne che hanno effettuato screening promossi dal Servizio Sanitario sono appena l’11,8%, il dato più basso in Italia.

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Corigliano Rossano, allarme Schlein (Pd) su tagli ai comuni che hanno fondi Pnrr

CORIGLIANO ROSSANO - La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, nel corso del suo tour elettorale in Calabria, ha fatto tappa a Corigliano Rossano,...
accoltellato morelli 2

Accoltellato e abbandonato davanti all’ospedale, muore 30enne: l’ipotesi di una rapina andata male

REGGIO CALABRIA - È di Catania l'uomo deceduto ieri davanti all'ospedale "Morelli" di Reggio Calabria. L'identità è stata accertata dalla squadra mobile e dai...
Ospedale di Paola

Ospedale di Paola, il reparto di chirurgia verso la chiusura. Presentato ricorso al Tar

PAOLA (CS) - Il Comitato per la difesa del diritto alla salute ha depositato un ricorso al Tar Calabria contro il piano di riordino...

Cosenza, siglato il protocollo “Codice rosso” fra Uepe e Csm

COSENZA - Siglato protocollo d’intesa fra il Dipartimento Giustizia minorile e di comunità – Ministero della Giustizia, Ufficio locale di esecuzione penale esterna di...
protesta-unical-per-Palestina

Unical, il Senato Accademico prende posizione: «cessate il fuoco in Palestina»

RENDE (CS) - Dopo le forti tensioni che hanno coinvolto diverse università italiane - tra cui anche l'Unical - il Senato Accademico della Calabria...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Tragico incidente nel cosentino. Perde il controllo dell’auto e finisce fuori...

CORIGLIANO - ROSSANO (CS) - Avrebbe perso il controllo della sua auto, per cause in corso di accertamento, finendo fuori strada. È morto così,...

Unical, Anna Maria Napoli riconfermata direttrice del dipartimento di Chimica e...

RENDE -  Anna Maria Napoli è stata riconfermata alla guida del dipartimento di Chimica e tecnologie chimiche (CTC) dell’Università della Calabria. Gli aventi diritto erano 47 e...

Autovelox, domani in vigore le nuove regole. Quelli che non rispetteranno...

COSENZA - Con la pubblicazione in gazzetta ufficiale, entreranno ufficialmente in vigore da domani le nuove regole sugli autovelox. Un decreto annunciato e fortemente...

Approvato il decreto salva-casa. Dal soppalco alla veranda, fino alle tende...

ROMA - Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto "salva-casa" voluto dal vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini....

Cosenza: “le modifiche alla viabilità non sono la causa del traffico....

COSENZA - Un’accurata analisi ed un contributo sulla situazione della viabilità e in generale sulla mobilità a Cosenza arriva da Giuseppe Lo Feudo, Socio...

Cosenza: prosegue la bonifica delle auto abbandonate. Una cinquantina già rimosse,...

COSENZA – Auto abbandonate a Cosenza: come annunciato nelle scorse settimane è iniziato e sta proseguendo a ritmo serrato il lavoro di decoro di...