‘Ndrangheta stragista, giudici in camera di consiglio: attesa sentenza Graviano e Filippone

Dopo due anni oggi si concluderà il processo che vede imputati il boss Graviano e Filippone, espressione della cosca Piromalli

REGGIO CALABRIA – La Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria si è appena ritirata in camera di consiglio al termine della quale emetterà la sentenza del processo “‘Ndrangheta stragista”. Dopo due anni di udienze, quindi, oggi si concluderà il processo che vede imputati il boss di Brancaccio Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone, espressione della cosca Piromalli. Entrambi, in primo grado, sono stati condannati all’ergastolo. Il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo, applicato alla Procura generale, ha chiesto la conferma della sentenza e quindi il carcere a vita per Graviano e Filippone accusati di essere i mandanti del duplice omicidio dei carabinieri Antonino Fava e Vincenzo Garofalo, consumato il 18 gennaio 1994 sull’autostrada, all’altezza dello svincolo di Scilla.

Secondo la Dda, quel delitto e altri due agguati avvenuti a Reggio Calabria ai danni di altrettante pattuglie dei carabinieri rientrano nelle cosiddette stragi continentali, in quella strategia stragista messa in atto da Cosa nostra e ‘Ndrangheta nella prima metà degli anni ’90. Prima che i giudici togati e i giudici popolari si ritirassero in camera di consiglio ci sono state le dichiarazioni spontanee di Giuseppe Graviano, collegato in video conferenza dal carcere di Terni. Il boss di Brancaccio ha detto che “riguardo all’imprenditore del Nord io ho sempre riferito che i miei contatti erano solamente per i soldi che aveva consegnato mio nonno. E ho detto tutte le date. La Procura di Firenze ha riscontrato quello che ho detto io.

È che non si vuole indagare”. Graviano ha aggiunto pure di non conoscere i Piromalli. “Non li conosciamo – ha affermato – e io li ho conosciuti in carcere. Io vi ringrazio a tutti e vi dico che se si volesse scoprire la realtà io ho dato i punti dove andare a cercare“. Dopo di lui è intervenuto, per la prima volta durante il processo, anche Rocco Santo Filippone: “Sono innocente. – ha sostenuto – non conosco e non ho mai visto Graviano. Io non ho mai parlato con un siciliano. Io ho lavorato 40 anni in un’azienda. Sono pensionato“. La sentenza della Corte d’Assise d’Appello, presieduta dal giudice Bruno Muscolo (a latere il giudice Giuliana Campagna), è prevista in serata.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Cosenza: al via il concorso letterario di narrativa breve ‘Riccardo Sicilia’

COSENZA - E' stato bandito dall’Associazione Biblioteca delle donne Fata Morgana e dall’Associazione culturale Il Filo di Sophia, la seconda edizione del concorso letterario...

Praia a Mare: Italia Nostra «a rischio un altro platano monumentale su viale della...

PRAIA A MARE (CS) - Italia Nostra - sezione Alto Tirreno Cosentino - lancia l'allarme su un altro grande platano monumentale del Viale della...

Autonomia differenziata, Ciacco «la battaglia di Rosaria Succurro è ipocrita propaganda»

COSENZA - "Evidentemente la sconfitta che qui, a Cosenza, quindici giorni fa, in occasione delle elezioni per il parlamento europeo, ha sonoramente subito Forza...

Il libro di Emanuele Trevi ha chiuso, a Camigliatello, la XII edizione del Premio...

CAMIGLIATELLO SILANO - Con il dialogo tra il presidente della Fondazione Premio Sila, Enzo Paolini e l’autore del libro “La Casa del Mago”, Emanuele...

Cosenza, al via la campagna abbonamenti: curva Sud a 240 euro, 16 euro il...

COSENZA - Sono previste promozioni per vecchi abbonati, famiglie e giovani; novità per la Tribuna B e la Rao. Chiusa la stagione ne inizia...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Autonomia differenziata, il Pd contro Occhiuto: “l’ipocrisia populista del governatore”

CATANZARO - Il gruppo regionale del Pd evidenzia «l’ipocrisia populista del governatore e degli altri rappresentanti forzisti» all’indomani dell’approvazione alla Camera del testo sull’Autonomia...

‘Ndrangheta: droga e armi, omicidi ed estorsioni. “Piena luce sulla strage...

VIBO VALENTIA - Nell’area delle “Preserre” vibonesi, la cosca di ‘ndrangheta ricompresa nel “locale dell’Ariola” aveva proiezioni economico-criminali in Piemonte, Abruzzo, Svizzera e Germania....

Incendiano un’auto e poi scappano, denunciate due persone

SAN FERDINANDO (RC) -  I carabinieri della Stazione di San Ferdinando hanno deferito in stato di libertà due cittadini del posto perché ritenuti colpevoli dell’incendio...

Agostino Sestino è il nuovo commissario capo del carcere di Cosenza

COSENZA - Cambio al vertice del comando della Polizia Penitenziaria impegnata nella casa circondariale di Cosenza. Da oggi a dirigere gli agenti sarà il...

Nascondeva in casa 400 grammi di eroina, 34enne arrestato

CROTONE - Personale della Squadra Mobile, impegnato in servizi straordinari di controllo in alcuni quartieri periferici del capoluogo,  finalizzati al contrasto dello spaccio di...

Autonomia differenziata, Succurro annuncia una nuova protesta dei sindaci

CATANZARO - «Noi sindaci calabresi siamo molto preoccupati per la spedita approvazione dell’autonomia differenziata, che nella forma attuale può compromettere il futuro dei nostri...