Bloccato il profilo Tik Tok che inneggiava ai detenuti di ‘ndrangheta

Il profilo contava 34mila follower e augurava un ritorno in libertà di boss del clan Mancuso, oltre che del boss Giuseppe Accorinti

CATANZARO – E’ stato bloccato il profilo TikTok in cui si inneggiava ai detenuti di ‘ndrangheta, mafia e camorra. Gli utenti che cercano il profilo “broker detenuti 78” adesso trovano la scritta “account bloccato”. Non è chiaro chi sia stato a oscurare la pagina. Secondo quanto si è appreso, i carabinieri avevano appena iniziato gli accertamenti quando il profilo è sparito.

Profilo chiuso prima che si potesse risalire all’autore

Oltre 34mila persone si erano iscritte ad un profilo su Tik Tok che inneggiava ai detenuti di ‘ndrangheta, camorra e mafia, con migliaia di commenti caratterizzati dalla frase “una presta libertà” e insulti ai collaboratori di giustizia. Una pagina social che aveva già provocato le prime sconcertate reazioni e l’interesse dei carabinieri che avevano avviato i primi accertamenti per risalire all’ideatore. Ma neanche il tempo di iniziare ad approfondire l’attività che la pagina “broker detenuti 78” è stata bloccata. Chi abbia preso la decisione non è chiaro.

Non i carabinieri di Vibo Valentia che si sono interessati alla vicenda – riportata dal Corriere della Calabria – in quanto negli ultimi post largo spazio era dedicato alla maxi operazione contro le cosche vibonesi Rinascita Scott che nei giorni scorsi ha portato a centinaia di anni di carcere inflitti in primo grado a presunti boss e gregari. Nel canale, però, non mancavano riferimenti ad operazioni condotte in Sicilia, Campania e Puglia contro mafia, camorra e sacra corona unita. Non è escluso quindi che possano essere intervenuti investigatori o inquirenti di altre regioni o che la pagina sia stata rimossa da colui che l’aveva aperta o dagli amministratori.

Fino a quando è stato aperto, oltre al largo numero di iscritti, vi erano state circa 345 mila interazioni. Nel profilo erano pubblicate le foto di arrestati con in sottofondo canzoni che inneggiano alla mala. Sotto la foto del profilo si potevano leggere le parole “indulto e amnistia” precedute e seguite dall’emoticon delle catene. Gli ultimi post in ordine temporale riguardavano soprattutto il vibonese.

Sotto le foto di Giuseppe, Diego, Giovanni e Francesco Mancuso, ritenuti dagli investigatori esponenti dell’omonimo clan di Limbadi, c’era la scritta “Una presta libertà zii”. Analogo il commento – “Presta libertà” anche per “Zio Peppone”, presunto capo clan degli Accorinti. Sotto le foto dei collaboratori di giustizia, accusati di avere “tradito i loro fratelli”, insulti di vario genere.

Sulla vicenda, erano subito intervenuti il vice capogruppo di Fdi alla Camera e componente della commissione Antimafia Antoniozzi che aveva chiesto di oscurare “il vergognoso profilo, e l’imprenditore e testimone di giustizia Pino Masciari, per il quale il profilo “è chiaramente frutto della subcultura mafiosa che è riuscita ad insinuarsi in tutte le pieghe della società civile e affascina le nuove generazioni, al punto da far considerare la viltà e la violenza dei mafiosi come eroismo”. Anche i carabinieri si erano mossi ma la pagina è stata chiusa prima che potessero risalire all’autore.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...
posto blocco guardia di finanza

Sequestrati oltre 11 mila prodotti non sicuri: articoli destinati anche a minori

SELLIA MARINA (CZ) - Oltre 11.000 articoli non sicuri e privi delle indicazioni di provenienza e delle caratteristiche informative minime relative alla loro composizione...

Derby, Associazione nazionale funzionari polizia: “deliberato attacco, colpito alla testa dirigente”

COSENZA - " Ieri sera, al termine della disputa calcistica Cosenza-Catanzaro si sono registrati disordini, ed in particolare i tifosi del Catanzaro si sono...
vincenzo chindamo sabrina garofalo

“Donne, violenza e ‘ndrangheta”, a Rende il fratello di Maria Chindamo «siamo qui per...

RENDE - Lea Garofalo, Simona Napoli, Maria Concetta Cacciola, Giuseppina Pesce, Denise Cosco, Barbara Corvi e Maria Chindamo. Donne che hanno provato ad alzare...
Ambulanza generico

I soccorsi arrivano in ritardo, muore 74enne in attesa dell’ambulanza

MESORACA (KR) - Un 74enne si sente improvvisamente male in mezzo alla strada, poco distante dalla postazione del 118 di Mesoraca, e muore. Il...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila...

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...

Derby, scontri tra tifosi e polizia fuori dal Marulla e a...

COSENZA - Fortissime tensioni dopo il derby Cosenza-Catanzaro (perso in casa dai lupi ) che si è tenuto allo stadio Marulla questo pomeriggio. Al...

Negli enti locali più laureate rispetto ai maschi ma dirigenti solo...

ROMA - La storia non cambia ed è sempre la stessa. Negli enti locali regioni, province e comuni italiani le donne laureate soano quasi...

Caserta amaro: “Dispiace la città. Puniti dagli episodi e il goal...

COSENZA - Una sconfitta amara e un derby perso per 2 a 0 come all'andata (con gli stessi marcatori) che lancia il Catanzaro nelle...

Pioggia per tutta la settimana: nuova perturbarzione in arrivo sull’Italia

ROMA - E' una settimana di pioggia, quella che sta per cominciare: alla perturbazione appena arrivata, martedì ne seguirà un'altra che porterà maltempo su...

Sguardi di donne sulle migrazioni, per l’8 marzo al museo civico...

CARIATI (CS) - Le migrazioni costituiscono uno dei temi più rilevanti del mondo contemporaneo, e ci riguardano da vicino, come popolazione in perenne cammino...