ASCOLTA RLB LIVE
Search

parlamentari M5S

“Calabria in ginocchio per melma di potere creata dal Pd”

Duro attacco dei parlamentari del Movimento 5 stelle al partito di Oliverio e Magorno: “L’isolamento dell’ex ministro Lanzetta è emblematico”.
 
ROMA – Movimento 5 Stelle all’attacco del Pd calabrese. I parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle Dalila Nesci, Paolo Parentela, Federica Dieni e Nicola Morra non risparmiano critiche al partito guidato dal governatore Mario Oliverio. “Il Pd mangia con Verdini – dichiarano i pentastellati – benedice i suoi arrestati, permette a ex consiglieri regionali calabresi come Nino De Gaetano di frequentare il ‘Palazzo’ senza alcun motivo e abbandona chi, come Maria Carmela Lanzetta, contrasta l’affarismo e l’immoralità dilagante nel partito”.
 

L’isolamento dell’ex ministro Lanzetta

“L’isolamento dell’ex ministro Lanzetta, che non accettò di sedere insieme a De Gaetano nella giunta regionale della Calabria – aggiungono – è emblematico del costume e del metodo in casa Pd, i cui vertici si mostrano pronti a tutto, pur di mantenere il potere. Prima il Pd ha usato Lanzetta per accreditarsi come forza politica in lotta contro la ‘ndrangheta, poi l’ha confinata nel suo privato non tollerandone i tentativi di moralizzare il partito, ormai alla deriva e, a partire dalla Calabria, diventato un’accozzaglia di riciclati, portatori di grandi interessi e soggetti sponsorizzati da imprenditori vicini alla criminalità organizzata. Se la Calabria è in ginocchio e non riparte in alcun settore – affermano i parlamentari 5 Stelle – ciò dipende da quella melma di potere creata dal Partito democratico, il cui obiettivo è restare al comando sempre, a prescindere dai dati economici, che in questo pezzo del Sud italiano sono oggi i peggiori di sempre, per la volontà di perpetuare la miseria, la dipendenza dalla politica e la cultura della sottomissione, garanzia di voti e poltrone”.
 

Foto tratta da www.dalilanesci.it