bevacqua

Bevacqua ai medici: “Vi chiedo scusa, ma la sanità in Calabria è allo sbando”

Il consigliere regionale del Pd è intervenuto nel corso del convegno regionale del sindacato dei medici Cimo.
 

CATANZARO – “La sanità, in Calabria, è allo sbando e la colpa è di tutti”. Lo ha detto il consigliere regionale Mimmo Bevacqua intervenendo al convegno regionale del sindacato dei medici Cimo. “Lo scorso anno – ha proseguito l’ex vice di Mario Oliverio alla Provincia di Cosenza – ho partecipato alla vostra iniziativa con entusiasmo e ottimismo perché stavamo iniziando un percorso. Dopo un anno invece, sono costretto a ricredermi e sono qua per chiedervi scusa, manifestando tutta la mia amarezza”.
 

Crisi gravissima

“Una situazione di crisi gravissima – ha aggiunto – in cui, alle problematiche strutturali e organizzative, si aggiunge l’assoluta mancanza di confronto e concertazione dei soggetti responsabili, ai quali è demandata la gestione. Il Consiglio regionale ha perso le sue prerogative e il Commissario straordinario continua a propinare soluzioni ‘sulla carta’ completamente avulse e scollegate dai contesti territoriali. È indispensabile, invece una programmazione seria che proceda attraverso la riorganizzazione della rete ospedaliera e il potenziamento dei servizi territoriali. Ma tutto questo non sarà sufficiente se, nel contempo, la medicina generale non riconquisterà un ruolo centrale, nel sistema complessivamente inteso. Abbiamo bisogno, insomma – ha concluso Bevacqua – di un sistema sanitario che sappia gestire le emergenze ma, soprattutto che, in maniera preminente, sappia offrire prevenzione”.