ASCOLTA RLB LIVE
Search

Reggio, la Procura archivia le accuse contro Cisterna

REGGIO CALABRIA – Via quella “macchia” d’infamia dalla toga. Dopo un lungo calvario (ben 478 giorni, ndr) di inquietanti sospetti e infamanti accuse, la figura dell’ex procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria, Alberto Cisterna, torna a splendere di limpidezza.

Il verdetto d’innocenza, da quelle pesanti accuse mosse al magistrato dal pentito Nino Lo Giudice, porta la firma del procuratore aggiunto Ottavio Sferlazza e del pm Beatrice Ronchi, che, al termine delle concluisini d’indagine sulla delicata inchiesta, autntico terremoto di catastrofica magnitudo all’interno della magistratura, hanno trasmesso al gip competente la richiesta di archiviazione, nei riguardi del giudice “smacchiato” dall’onta di essere “complice” dell’Antistato. Pesantissime accuse che, avevano spinto il Consiglio superiore della magistratura ad aprire un fascicolo contro Cisterna davanti alla Commissione disciplinare che, aveva deciso, senza possibilitĂ  di ripensamenti o proroghe temporanee, il trasferimento di uno dei magistrati, considerati piĂš attivi ed accaniti nella lotta alla ‘ndrangheta, dalla Dda reggina al tribunale di Tivoli, come giudice. La richiesta di archiviazione non richiederĂ  la fissazione di un’udienza. Il perchĂŠ la Procura è giunta a chiedere il proscioglimento del magistrato sta scritto nelle poco meno di 500 pagine che compongono l’atto inviato al gip. Un documento corposo nel quale i pm spiegano perchĂŠ non hanno creduto al boss pentito della ‘ndrangheta Antonino Lo Giudice, che con le sue dichiarazioni aveva portato all’apertura dell’inchiesta e ad una nuova pagina della stagione dei veleni in riva allo Stretto. Lo Giudice è il pentito che si è autoaccusato di essere l’ideatore degli attentati compiuti nel 2010 ai danni della sede della Procura generale di Reggio Calabria e dell’abitazione del procuratore generale Salvatore Di Landro e dell’intimidazione compiuta ai danni dell’ex procuratore di Reggio Giuseppe Pignatone, oggi a capo della Procura di Roma, con un bazooka lasciato davanti alla sede della Dda reggina come “regalo” per il procuratore, come disse uno sconosciuto in una telefonata al 113. Il pentito, in un memoriale successivo all’inizio della sua collaborazione inviato ai giudici del Tribunale del riesame di Catanzaro, aveva sostenuto di avere saputo dal fratello Luciano che Cisterna si era interessato per la scarcerazione di un altro loro fratello Maurizio in cambio di un “regalo”, lasciando intendere che si trattasse di soldi. Dopo queste affermazioni, Cisterna finĂŹ nel registro degli indagati ed il 17 giugno del 2011 fu interrogato, nel suo ufficio alla Dna, dall’allora procuratore Pignatone e dal pm della Dda reggina Beatrice Ronchi. Cisterna ha sempre negato ogni addebito, affermando che i contatti con Lo Giudice erano finalizzati alla cattura dell’allora super latitante Pasquale Condello, detto il “supremo” e che i suoi superiori erano informati di tutto. E adesso, a distanza di oltre un anno, giunge la parola fine alla vicenda giudiziaria che lo ha visto coinvolto. Ma le dichiarazioni di Lo Giudice hanno comunque lasciato il segno su Cisterna, 52 anni, in magistratura dal 1986 ed alla Dda di Reggio Calabria fino al 2002, anno in cui è passato alla Procura nazionale antimafia.