ASCOLTA RLB LIVE
Search

Grandi infrastrutture. La rivoluzione arriva da Catanzaro

CATANZARO – E’ stata dedicata ad una ricognizione sulle grandi infrastrutture la giornata di ieri del sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, che ha ricevuto nel suo studio di Palazzo De Nobili prima il direttore generale del dipartimento lavori pubblici della Regione Giovanni Lagana’, e poi il nuovo Capo Compartimento regionale dell’Anas, Vincenzo Marzi.

 

Al centro del confronto opere di straordinaria valenza per il Capoluogo come il porto di Casciolino, la metropolitana di superficie, la cittadella regionale, il nuovo ospedale, lo stadio “Ceravolo”, la torre-sylos del Musofalo, la nuova statale 106. Con il direttore Laganà, il sindaco Abramo ha affrontato prioritariamente la questione del porto di Casciolino per il cui completamento sono già disponibili 20 milioni di euro provenienti dal Patto per il Sud. L’opera è stata considerata gia’ “cantierabile” sia dal Comune sia dalla Regione per cui si procederà velocemente al suo inserimento nell’elenco delle strutture già pronte per l’appalto integrato. Entro una quindicina di giorni – ha assicurato l’ing. Laganà – il progetto della metropolitana di Catanzaro, che ha già ottenuto la validazione, sarà trasmesso alla SUA per le procedure di appalto. Il finanziamento per il nuovo ospedale è pienamente disponibile e la Regione conta di mandare in appalto l’opera entro la fine dell’anno. Il sindaco Abramo ha suggerito di inserire nell’appalto generale anche la ristrutturazione del “Pugliese” che dovrebbe ospitare un pronto soccorso, l’ampliamento del polo oncologico e, in un’ala dedicata, la Casa dello Studente. 

 

Laganà si è detto ottimista circa il rispetto della scadenza di fine anno per il completamento della cittadella regionale. Il sindaco Abramo ha ribadito l’importanza straordinaria che l’opera riveste nell’organizzazione generale del Capoluogo. Per lo stadio “Ceravolo” c’è già il progetto preliminare per il completamento della struttura, utilizzando i 5 milioni di euro destinati dalla Regione. Bisogna sciogliere alcuni nodi, legati più che altro alla possibilità di realizzare la nuova curva ovest coperta. Con il Capo del Compartimento dell’Anas , venuto a Palazzo De Nobili per una visita di cortesia, il primo cittadino ha velocemente affrontato le questioni più importanti legate alla grande viabilità e alle infrastrutture. Per quanto riguarda il completamento della statale 106 Simeri-Squillace, che attraversa un tratto significativo del territorio di Catanzaro (con lo strategico svincolo di Germaneto a servizio di Università e cittadella regionale), l’ing. Marzi ha confermato che a metà del prossimo mese sarà collaudato il nuovo tratto Borgia-Squillace, mentre il prolungamento fino a Copanello (dovra’ essere realizzata una bretella) sara’ inaugurato prima dell’estate. Abramo ha anche illustrato al direttore il progetto ambizioso della realizzazione della torre-sylos del Musofalo che dovrebbe sorgere su un’area di proprieta’ dell’Anas. Questi ed altri temi saranno approfonditi nel corso di un prossimo incontro tra Comune e Anas.