Gazzella Carabinieri

(VIDEO) Operazione contro la ‘ndrangheta in Brianza: 9 arresti per droga e tentato omicidio

I carabinieri sgominano una cosca radicata in Lombardia. Le accuse vanno dal traffico di droga al tentato omicidio, dalle lesioni personali fino al porto abusivo d’armi

 

MONZA BRIANZA – Aveva ramificazioni in provincia di Milano, di Como, Monza e Brianza la banda di malviventi legata alla ‘Ndrangheta individuata e smantellata dai carabinieri tra la notte e le prime luci dell’alba. Il blitz ha portato all’arresto di 9 persone e ben 22 perquisizioni domiciliari e personali emesse dalla locale procura distrettuale, che hanno permesso di scoprire preziosi elementi di indagine. L’attività, infatti, ha consentito di disarticolare un’agguerrita struttura criminale organizzata, gravitante nell’ambito di una cosca di ‘ndrangheta della Brianza, con base nella province di Milano, Como e Monza e Brianza, responsabile di traffico di sostanze stupefacenti, porto e detenzione di armi comuni da sparo, tentato omicidio e lesioni personali aggravate.

Gli arrestati sarebbero tutti affiliati alla cosca dei Cristello, in parte già smantellata nelle in precedenti operazioni antimafia. Le persone finite in manette oggi erano dedite al traffico di droga a Seregno e Giussano, e a Mariano Comense. Approfittavano del loro cognome, Cristello, per intimorire gli avversari di spaccio e garantirsi il monopolio dello stupefacente in Brianza e nel capoluogo lombardo. La base logistica per il commercio di droga era appunto la casa del defunto Rocco Cristello, capo della locale di Seregno: nella sua abitazione i carabinieri hanno trovato sia cocaina pronta alla vendita, sia delle armi. Altra base logistica era un bar e una sala giochi di Seregno, di proprietà e gestiti da due indagati.

Tra i 9 arrestati ci sono vari parenti stretti del boss della ‘ndrangheta Rocco Cristello. La sorella Domenica, 50enne, con il marito e il figlio, Stefano e Matteo Zibra di 48 e 26 anni. Anche altri due nipoti di Cristello sono in manette, figli del fratello Umberto: Emanuele di 20 anni e Simone di 21. La persona ritenuta il capo dell’organizzazione sgominata è il cugino di Cristello, il 40enne Valeriano Siragusa, i restanti arrestati sono il responsabile per l’approvvigionamento di cocaina Generoso Capasso, di 43 anni, i due 20enni Cristian Lombardo e Dylan Berlingeri, di origini rom.

Gli arresti di questa mattina sono in risultato di un’indagine condotta fra aprile 2014 e gennaio 2015, aperta a seguito di un atto intimidatorio verificatosi a marzo 2014 nei confronti di un socio di una discoteca della Brianza, quando sette colpi d’arma da fuoco furono sparati contro l’automobile dell’uomo. Per i carabinieri i responsabili e mandatari dell’intimidazione erano persone legate alla famiglia Cristello.

GUARDA IL VIDEO