Appalti per i lavori del nuovo Tribunale di Catanzaro, 8 indagati. Giuseppe e Fabio Gatto accusati di truffa aggravata - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Appalti per i lavori del nuovo Tribunale di Catanzaro, 8 indagati. Giuseppe e Fabio Gatto accusati di truffa aggravata

Avatar

Pubblicato

il

Il sequestro per circa un milione di euro ha interessato l’impresa “Gatto costruzioni” nell’ambito dell’inchiesta sui presunti illeciti nella realizzazione del nuovo tribunale di Catanzaro.

CATANZARO – Giuseppe (ex presidente di Confindustria Catanzaro) e Fabio Gatto dovranno rispondere delle accuse di truffa aggravata e inadempimento di contratto di pubbliche forniture. Oltre ai fratelli Gatto, nell’ambito del procedimento sono indagati i membri della commissione di gara del Comune di Catanzaro, Giovanni Ciampa, Biagio Cantisani e Luigi Franco; gli imprenditori vibonesi Ilario Morelli e Michele Fusca, il dirigente della Regione Calabria Massimo Nistico’. Tra le ipotesi d’accusa sono contestate anche la turbativa d’asta, l’abuso d’ufficio e il falso. Gli imprenditori Giuseppe e Fabio Gatto si sarebbero aggiudicati i lavori per l’ampliamento del nuovo tribunale di Catanzaro con “la somma piu’ alta in gara, con il minore ribasso e con un progetto senza nessun reale pregio sia sotto il profilo estetico sia sotto il profilo qualitativo” scrivono i sostituti procuratori Fabiana Rapino e Alessandro Prontera nell’avviso di garanzia notificato oggi agli otto indagati.

Dopo l’aggiudicazione della gara, i Gatto avrebbero posto in essere “condotte e atti che decretavano la stasi completa dei lavori e la dolosa inesecuzione dell’opera”. Nel contempo avrebbero aperto una linea di affidamento bancario, finalizzato alla cantierizzazione dell’opera, per l’importo di un milione e mezzo “utilizzandone 1.250.000 per scopi estranei a tal fine e senza effettuare mai alcuna attivita’ materiale”. Non solo, i due imprenditori catanzaresi avrebbero poi, secondo l’accusa, stipulato una cessione di ramo d’azienda, concernente proprio l’esecuzione dei lavori al palazzo di giustizia, alla societa’ cooperativa Costruzioni Calabresi. Per la Procura, quindi, Giuseppe (in foto) e Fabio Gatto avrebbero lucrato “sul finanziamento ministeriale un ingiusto profitto” di circa un milione e mezzo di euro “consistente nel risparmio che si sarebbe ottenuto se la gara fosse stata correttamente aggiudicata”.

giuseppe-gatto-confindustria-catanzaro-ok

Giuseppe Gatto

I tre membri della commissione di gara Ciampa, Cantisani e Franco sono accusati di turbata liberta’ degli incanti perche’ avrebbero giudicato l’appalto alla Gatto costruzioni “con mezzi fraudolenti, rappresentati dalla falsificazione ideologica dei verbali di gara”. In pratica, avrebbero “supervalutato arbitrariamente la qualita’ del progetto”. I fratelli Gatto e i due imprenditori vibonesi Fusca e Morelli devono rispondere di inadempimento di pubbliche forniture poiche’, sempre secondo l’accusa, avrebbero sospeso “i lavori chiudendo il cantiere senza fornire giustificazione alcuna al Comune di Catanzaro”. L’abuso d’ufficio e’ contestato, invece, al solo Nistico’, dirigente del servizio Vigilanza opere pubbliche della Regione Calabria, che avrebbe rilasciato l’autorizzazione sismica “procurando cosi’ un ingiusto vantaggio patrimoniale” a Giuseppe e Fabio Gatto.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza