Appalti: gare per 1,5 miliardi - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Appalti: gare per 1,5 miliardi

Avatar

Pubblicato

il

CATANZARO –  462 milioni e 557 mila euro, ma anche un risparmio per 145 milioni di euro. Sono queste le cifre della Stazione unica appaltante per il triennio

2010-2012, illustrate dal commissario Salvatore Boemi nel corso di una conferenza stampa che si e’ svolta a Catanzaro. Una conferenza di bilancio definitivo dell’attivita’ dell’ex magistrato che ha concluso il suo mandato. Boemi ha sottolineato che, rispetto alla gare bandite, “si tratta di una cifra superiore a quella realizzata dai Dipartimenti regionali nel triennio precedente, pari a un miliardo 451 milioni.

 E’ stata superata cosi’ una delle preoccupazioni avvertite da alcuni Dipartimenti regionali secondo cui l’istituzione della Sua avrebbe comportato ritardi nell’espletamento delle procedure di gara”. Altro obiettivo raggiunto, ha ricordato Boemi, e’ quello che “la Sua ha dato immediata attuazione al principio di autofinanziamento sancito dalla legge regionale che ha istituito la struttura e che prevedeva il contributo dell’1 per cento dell’importo delle procedure di appalto gestite per le spese gestionali.

Dai dati emerge che le spese di gestione sono state pari a un milione 44 mila euro, a fronte di entrate non pervenute per la sospensione dell’art. 10 dovuta alla situazione del Piano di rientro in sanita’, di 14 milioni 630 mila euro. La Sua, per come era stata ideata e prevista dal legislatore, non doveva e non e’ costata ai calabresi un solo euro, quindi resta dimostrato che, anche in Calabria, e’ possibile coniugare trasparenza amministrativa e risparmio.

Abbiamo agito sulle gare aggregate o centralizzate individuate come priorita’ dalla Giunta regionale e dallo stesso Tavolo Massicci: un obiettivo positivamente conseguito attraverso la predisposizione e pubblicazione di 15 diverse gare che hanno poi consentito risparmi ed economie per 145 milioni di euro. Un risultato migliore di quello previsto dalla Giunta, che era di 51 milioni e 945 mila euro”.

 Tutti questi risultati sono stati conseguiti “da un gruppo di dipendenti che non ha mai superato le 25 unita’, a fronte delle 140 previste dalla dotazione organica, senza mai utilizzare un collaboratore o consulente esterno puntando invece esclusivamente sul ‘gruppo di lavoro’ regionale”. “Abbiamo creduto nelle gare centralizzate – ha spiegato Salvatore Boemi – con alcune Asp che ci hanno affiancato e altre no, dimostrando che un ritardo in qualche caso decennale se si fosse intervenuto prima avrebbe consentito di evitare la vergogna del piano di rientro. Il risultato e’ la dimostrazione che siamo in grado di fare fronte all’impegno del mutuo trentennale di 900 milioni di euro con un risparmio di 30 milioni l’anno.

Cosi’ come siamo orgogliosi, avendo agito sull’informatizzazione della sanita’ e sulla trasparenza dei bilanci, di avere messo a disposizione della Regione una piattaforma telematica Suatel per la gestione delle gare”. Nel chiudere la propria attivita’, indicata anche in una relazione annuale trasmessa al presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e al presidente del Comitato di sorveglianza della Sua, Ubaldo Multari, il commissario ha chiesto di aprire un tavolo di lavoro perche’ “questa realta’ amministrativa calabrese non rimanga malinconicamente una occasione sprecata o perfino perduta”. 

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza