ASCOLTA RLB LIVE
Search

In carcere senz’acqua, detenuti protestano mentre agenti minacciano sciopero mensa

Da quasi ventiquattrore nel penitenziario che ospita trecento detenuti è stata sospesa l’erogazione idrica.

 

VIBO VALENTIA – Dalle ore 15 di ieri pomeriggio nella casa circondariale di Vibo Valentia manca l’acqua, sia per i detenuti, sia per il personale di polizia penitenziaria. Lo affermano, in una nota, Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe, e Damiano Bellucci, segretario nazionale. “Non è la prima volta – proseguono – che si verificano situazioni di questo tipo, ma sono ormai tanti anni che, periodicamente, soprattutto nel periodo estivo, manca l’acqua. I detenuti hanno inscenato una protesta attraverso la battitura delle inferriate, per cui il personale ha dovuto gestire una situazione imprevista è che ha creato notevoli disagi. Lo stesso disagio è stato vissuto dal personale di polizia penitenziaria, soprattutto quello che vive in caserma è che deve anche pagare l’uso delle stanze.

 
 

Tra l’altro, ci riferiscono gli stessi colleghi, che la pulizia delle camere non è adeguata e viene fatta saltuariamente. Inoltre, molte lamentele ci sono giunte dal personale di polizia penitenziaria, per quanto riguarda il servizio mensa. Sembra che non venga rispettato il menĂą previsto dalla tabella settimanale. Gravi problemi riguardano anche gli automezzi, ormai vecchi e fatiscenti. Ricordiamo che nel carcere di Vibo Valentia ci sono oltre 300 detenuti e circa 140 poliziotti penitenziari in servizio. Stiamo valutando l’opportunitĂ  – concludono Durante e Bellucci – di effettuare una protesta, con astensione dalla mensa di servizio da parte del personale di polizia penitenziaria, a partire da lunedì prossimo”.