Domani la Pro Loco di Strongoli organizza l’iniziativa “Salviamo la tartaruga Caretta Caretta”

Si terrà domani, lunedì 24 agosto alle ore 18,30 presso il lungomare di Strongoli, la manifestazione “Salviamo la tartaruga Caretta Caretta” organizzata dalla Pro Loco di Strongoli in collaborazione con il WWF Calabria .

STRONGOLI (KR) – Si tratta di una giornata dedicata alla tartaruga marina Caretta Caretta, la più comune del mar Mediterraneo che rischia l’estinzione. All’interno dell’evento saranno coinvolti alunni e docenti delle scuole in vacanza a marina di Strongoli con disegni e dipinti realizzati al momento con tecniche e supporti liberi a scelta. Sono previsti anche soggetti inerenti al tema con tecniche di riciclo creativo. La Pro Loco di Strongoli presenterà inoltre la maglietta ufficiale della tartaruga caretta caretta che negli scorsi anni ha fatto tappa sul litorale strongolese per deporre le proprie uova dando alla luce i propri piccoli. La specie è fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo ed è ormai al limite dell’estinzione nelle acque territoriali italiane.

In estate, nei mesi di giugno, luglio ed agosto, maschi e femmine si danno convegno nelle zone di riproduzione, al largo delle spiagge dove le seconde sono probabilmente nate. Hanno infatti un’eccezionale capacità di ritrovare la spiaggia di origine, dopo migrazioni in cui percorrono anche migliaia di chilometri. Alcuni studi hanno dimostrato che le piccole appena nate sono capaci di immagazzinare le coordinate geomagnetiche del nido ed altre caratteristiche ambientali che consentono un imprinting della zona di origine. Obiettivo della manifestazione è quella di ridurre la mortalità della tartaruga mediterranea dovuta anche alla pesca professionale. Ogni anno 130 mila vengono catturate dai pescatori professionisti; 70 mila abboccano agli ami per la pesca al pesce spada; 40 mila intrappolate nelle reti a strascico e 23 mila in quelle da posta, per un totale di 133 mila catture con 40 mila casi di decesso.

caretta caretta design francesco cuverà