Caro energia, l'allarme dei panificatori "il pane artigianale rischia di scomparire dalle tavole" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Caro energia, l’allarme dei panificatori “il pane artigianale rischia di scomparire dalle tavole”

Assipan Confcommercio “1350 le imprese che potrebbero chiudere con una perdita di circa 5.300 occupati. Il Governo intervenga”

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – L’aumento esponenziale delle utenze del gas e dell’energia elettrica pongono a serio rischio la tenuta delle imprese della panificazione. E’ l’allarme lanciato da Assipan Confcommercio che chiede al Governo “un adeguato e tempestivo credito d’imposta che compensi l’incremento del costo energetico, nonché un tetto massimo a questi costi, già applicato con successo in altri paesi europei come la Spagna e il Portogallo”.

“Abbiamo non più di sessanta giorni davanti – afferma il presidente nazionale Assipan Confcommercio Antonio Tassone – il rischio, dobbiamo dircelo, è che tra un paio di mesi il pane artigianale possa sparire dalle tavole degli italiani. Le piccole e medie imprese di questo passo scompariranno lasciando spazio ai grandi operatori industriali”. “L’analisi dei bilanci delle imprese del settore della panificazione, relativamente al periodo precrisi, evidenziava un impatto dei costi riconducibili alle materie prime energetiche (bollette della luce, bollette del gas, ecc.) pari mediamente al 5% circa del fatturato complessivo aziendale. La situazione attuale disegna uno scenario che configura un balzo eclatante delle stesse voci di costo, mediamente quadruplicate per gli operatori del settore della panificazione. Il quadro che ne consegue rischia di produrre effetti devastanti sul comparto, prevalentemente per coloro che si appoggiano su un numero di addetti più corposo. Le prime stime prudenziali degli effetti della crisi sul settore della panificazione, evidenziano che da qui alla metà del 2023, in assenza di aiuti concreti alle imprese e/o di interventi lineari e strutturali finalizzati a limitare l’impatto negativo della crisi energetica, si rischia di perdere fino a 1.350 imprese dell’intero settore della panificazione che potrebbero chiudere senza essere sostituite da nuove imprese, conb”.

“Assipan Confcommercio pertanto ritiene indispensabile l’immediato inserimento delle imprese della panificazione fra quelle energivore, alla luce soprattutto dell’impatto che tale voce di costo ha sul valore della produzione e, in linea generale, chiede di procedere alla revisione della fissazione dei prezzi del gas sul mercato TTF, ossia l’indice di borsa del gas sul mercato dei Paesi Bassi, dal quale sarebbe opportuno sganciarsi, e di valutare, cioè sulla base dei prezzi all’importazione che sono notevolmente più bassi di quelli del mercato TTF. Inoltre, il contesto economico attuale richiede di riconsiderare l’attivazione della moratoria sui finanziamenti in essere per un periodo di almeno 12 mesi, cosi come avvenuto in piena emergenza pandemica. Senza questi interventi immediati, il pane artigianale, bene primario per eccellenza, potrebbe presto mancare sulle tavole degli italiani”.

Calabria

Covid, in Calabria contagi in calo ma aumentano i ricoveri

Ad oggi le persone risultate positive al Coronavirus sono 603.076 (+270). Il totale dei tamponi eseguiti è invece pari a 4.037.890. Aumentano ricoveri,+3 in reparti cura. Uno in più in intensiva

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sono 270, ieri erano 635, i contagi riscontrati in Calabria nelle ultime 25 ore a fronte di 1.393 tamponi eseguiti. Due i decessi, ieri erano stati quattro, che portano il totale delle vittime dall’inizio della pandemia a 3.142. Aumentano i ricoveri sia nei reparti ordinari, +3 (150), sia nelle terapie intensive, +1 (8). I guariti sono 591.962 (+234), mentre gli attualmente positivi 7.972 (+34) e gli isolati a domicilio 7.814 (+30).

A livello provinciale i dati del contagio sono così distribuiti: Catanzaro: casi attivi 1796 (36 in reparto, 6 in terapia intensiva, 1754 in isolamento domiciliare); casi chiusi 103829 (103433 guariti, 396 deceduti); Cosenza: casi attivi 2515 (57 in reparto, 1 in terapia intensiva, 2457 in isolamento domiciliare); casi chiusi 175652 (174270 guariti, 1382 deceduti); Crotone: casi attivi 290 (6 in reparto, 0 in terapia intensiva, 284 in isolamento domiciliare); casi chiusi 57678 (57407 guariti, 271 deceduti); Reggio Calabria: casi attivi 2724 (39 in reparto, 1 in terapia intensiva, 2684 in isolamento domiciliare); casi chiusi 199528 (198644 guariti, 884 deceduti); Vibo Valentia: casi attivi 452 (12 in reparto, 0 in terapia intensiva, 440 in isolamento domiciliare); casi chiusi 51327 (51137 guariti, 190 deceduti).

Continua a leggere

Calabria

Gioco d’azzardo in Calabria, capigruppo della maggioranza ritirano la firma del ddl

Il punto era all’ordine del giorno nella prossima riunione dell’Assise fissata per lunedì 12 dicembre. Oggi il dietrofront dei capigruppo della maggioranza che ritirano la firma del ddl

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Dopo le polemiche, i dubbi e le prese di posizione di associazioni, movimenti, sindaci (compreso quello di Cosenza Franz Caruso) ed anche vescovi sulla proposta di legge presentata dal centrodestra in consiglio regionale, che sostanzalmente prevedeva modifiche agli orari di apertura di sale gioco e scommesse, cancellazione delle distanze per l’installazione di apparecchi da luoghi ritenuti “sensibili” come scuole, luoghi di culto o impianti sportivi con il rischio che le slot rimanessero aperte giorno e notte, arriva la svolta e il dietofront dei capigruppo della maggioranza che ritirano la firma del ddl.

“La modifica alla proposta di Legge regionale sulla ludopatia nasce dalla necessità di fornire alla Calabria e ai calabresi un nuovo quadro normativo che aggiornasse, di fatto, la Legge del 2018 che in questi anni si era concretamente deregolamentata. Tutto questo puntando, ovviamente, ad un imprescindibile obiettivo: creare una misura normativa massimamente condivisa”. È quanto affermano, i capigruppo della maggioranza nel Consiglio regionale della Calabria Giuseppe Graziano (Udc), Francesco De Nisi (Coraggio Italia), Giuseppe Neri (Fratelli d’Italia), Giacomo Pietro Crinò (Forza Azzurri), Giovanni Arruzzolo (Forza Italia) precisando che il testo della proposta di modifica alla legge regionale 9/2018 è un atto dell’intera maggioranza consiliare sottoscritto e presentato per prassi da tutti i capigruppo.

“Abbiamo verificato con grande spirito di collaborazione – sottolineano  – che le modifiche proposte dalla maggioranza alla Legge regionale 9/2018 non hanno attecchito nell’humus sociale e politico calabrese e di molte motivazioni espresse, come quella della Conferenza episcopale calabra, ne condividiamo anche timori e perplessità. Pertanto abbiamo deciso di ritirare le nostre firme alla proposta di modifica del quadro normativo. Lasciare in vigore gli articoli 16 e 54 della Legge Regionale n. 9 del 26 aprile 2018 (‘Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della ‘ndrangheta e per la promozione della legalità, dell’economia responsabile e della trasparenza’) così come approvata dal Consiglio regionale, senza modificarne il contenuto o emendarne il testo”.

“Anche in scia con le prese di posizione di tanti, fermo restando la convinta convinta condivisione del contenuto della relazione del consigliere Crinò che indicava le proposte di modifica come ‘un compromesso tra esigenze delle aziende e tutela dei cittadini – proseguono i capigruppo di maggioranza – ritirano la firma dalla proposta di legge di modifica delle norme calabresi sulla ludopatia inserita nell’ordine del giorno del prossimo consiglio regionale, in programma il 12 dicembre”.

“Riteniamo opportuno – concludono – lasciare in vigore il testo originario delle due norme in modo da intraprendere un serio e particolareggiato approfondimento sull’argomento, magari coinvolgendo in maniera più incisiva tutti gli attori coinvolti”. Ad ogni modo, confermando il metodo del dialogo costruttivo nell’interesse dei calabresi, i cinque capigruppo annunciano di “rimettersi alle decisioni che scaturiranno dalla riunione di maggioranza convocata dal presidente dell’Assemblea regionale Filippo Mancuso per lunedì prossimo prima dell’inizio dei lavori del Consiglio regionale”.

Continua a leggere

Calabria

Trovato con coltelli addosso e in casa oltre un chilo di droga: arrestato 19enne

La scoperta dei poliziotti ad un posto di blocco. Una successiva ispezione a casa ha fatto emergere l’occultamento dello stupefacente e di pallottole

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

REGGIO CALABRIA – Era in possesso di alcuni involucri di droga e di due coltelli di genere vietato nascosti in un ciclomotore. Un diciannovenne è stato arrestato a Reggio Calabria dalla Polizia di Stato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione abusiva di munizionamento di arma comune da sparo e porto di armi od oggetti atti ad offendere. I poliziotti, dopo avere fermato il diciannovenne per un controllo, gli hanno trovato addosso alcuni involucri contenenti droga.

Successivamente, con l’ausilio di un’unità cinofila, hanno perquisito la sua abitazione e, in diversi luoghi di pertinenza dell’immobile, hanno trovato in totale oltre 1,7 chilogrammi di sostanze stupefacenti di varia natura. All’interno di un computer poi c’erano 5,05 grammi di cocaina mentre nel garage dell’abitazione anche 41 cartucce a palla. Trovata e sequestrata anche la somma di 3.900 euro in contanti custodita in due diversi contenitori.

Continua a leggere

Di tendenza