Gli incidenti che hanno "macchiato" il Natale - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Gli incidenti che hanno “macchiato” il Natale

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – La festa macchiata di sangue. Il tragico incidente costato la vita alla 29enne Valeria Cauteruccio, purtroppo riapre nella memoria

collettiva, due ferite non ancora rimarginate. Due casi simili che hanno, seppur in momenti e in situazioni differenti, sconvolto le feste di famiglie, per le quali il Natale più che un momento di letizia, gioia e serenità, s’è trasformato in un incubo ad occhi aperti. La prima grossa ferita, che ha macchiato di sangue, la strada di Cerisano è stata quella di Giovanni De Luca, il piccolo di 4 anni, morto la sera del 24 dicembre del 2009, mentre era in auto con il padre. Il piccolo perse la vita all’altezza del bivio delle quattro vie di Cerisano. Il piccolo, quella sera era uscito con suo padre. Doveva essere un giro veloce, un paio di tappe per gli ultimi acquisti per il cenone e una fermata veloce alla bancarella di un ambulante per comprare due fuochi da sparare qualche ora dopo. Ma, purtroppo, il destino ha deciso che per il piccolo, Babbo Natale non sarebbe arrivato a portargli nessun regalo. L’impatto fu devastante, tanto che il piccolo, seduto dietro, venne sbalzato davanti, così violentemente da morire sul colpo, sbattendo contro l’airbag. La seconda ferita, ancora più tragica, è quella che ha versato sull’asfalto della Ss 107, diventata purtroppo una strada killer per eccellenza, il sangue di cinque ragazzi di San Giovanni in Fiore. Era il 25 dicembre del 2011. Alla guida della Wolkswagen Lupo occupata dai 5 giovani di San Giovanni in Fiore c’era Robert Laurenzano di 20 anni. Insieme a lui, persero la vita il fratello Frank Laurenzano di 22 anni, Domenico Noce, di appena 20 anni, Samuel Crivaro di 21 anni e Emanuela Palmieri una giovane ragazza di appena 16 anni. In quello stesso incidente altre 4 persone rimasero ferite. Secondo le prime indiscrezioni l’incidente mortale avvenne nelle prime ore del mattino, intorno alle 2,00. Una Wolkswagen Lupo con a bordo 5 giovani tutti di San Giovanni in Fiore e di età compresa tra i 16 e 22 anni si è scontrata frontalmente con un Suv Hyundai Santa Fè con a bordo una famiglia composta dai genitori con 2 figli. Tutti i 5 ragazzi della wolkswagen Lupo morirono sul colpo a causa dell’urto violento. I 4 occupanti la Hyundai Santa Fe vennero tolti dalle lamiere accartocciate dall’auto con numerose ferite e fratture sparse. Sul luogo del tragico incidente si recarono, per restarci fino a quasi l’ora di pranzo del giorno seguente, i vigili del fuoco, i sanitari del 118, i carabinieri e gli agenti delle Polstrada di Cosenza e Crotone, che dovettero accompagnare i familiari sulla scena dell’incidente per le strazianti fasi di riconoscimento dei cadaveri. La Statale Silana 107 venne chiusa dalle 2,00 fino alle 8,00 del 25 dicembre. Il tragico incidente mortale costato la vita a 5 giovani di San Giovanni in Fiore gettò l’intero paese silano nello sconforto e nella disperazione.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza