Aeroporti calabresi, segnali di ripresa. Cresce il traffico passeggeri: +73,5% nel 2021 - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Aeroporti calabresi, segnali di ripresa. Cresce il traffico passeggeri: +73,5% nel 2021

Il CDA della Sacal ha approvato bilancio consolidato e di esercizio 2021 “performance in generale molto positiva rispetto alla media nazionale”

Avatar

Pubblicato

il

LAMEZIA TERME – “Nel 2021 gli aeroporti calabresi hanno registrato 1.949.728 passeggeri, con un calo del 44,5% rispetto al 2019 ma in crescita del 73,5% rispetto al 2020. I movimenti hanno fatto segnare una crescita del 35% sul 2020 e una riduzione del 28% rispetto al 2019. E’ quanto emerge dai dati resi noti a seguito del Consiglio di Amministrazione di Sacal S.p.A. (Società Aeroportuale Calabrese) che ha esaminato ed approvato il progetto di bilancio consolidato ed il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2021. “La performance in generale – è detto in una nota della società – è molto positiva rispetto alla media nazionale, riportata nella statistica Assaeroporti. Ciò in ragione della tipologia di traffico, nella sua componente domestica e internazionale intra UE. In coerenza con tale dinamica, si registra un’incidenza percentuale del traffico domestico sul totale che è salita nel 2021 all’86%, rispetto al 77,5% dell’anno 2019. In tale contesto ed al fine di poter affrontare la stagione summer su tali presupposti, la Società ha attivato il percorso per l’assunzione di risorse stagionali”.

Per quanto riguarda l’andamento della gestione, “i ricavi consolidati – è detto nella nota – mostrano un incremento dai 12,4 milioni di euro del 2020 ai 20 milioni di euro 60,8%) nel 2021. In particolare, i ricavi commerciali crescono tra il 2020 ed il 2021 da 2,4 milioni di euro a 3,9 milioni di euro, con un incremento del 6 1 Nello specifico, sono da evidenziare le performance dei parcheggi, degli autonoleggi, della ristorazione, risultati a livello di Ebitda e risultato d’esercizio sono in deciso miglioramento sia rispetto all’anno precedente che rispetto a quanto esposto nel Piano Industriale approvato un anno fa. La posizione finanziaria nelle sue componenti mostra una solidità che consente di guardare con fiducia verso lo sviluppo del sistema aeroportuale calabrese”.

“Dopo un 2020 da ricordare come un’icona negativa della crisi dell’industria nel trasporto aereo moderno – afferma Giulio De Metrio, presidente del Consiglio di Amministrazione della Società Aeroporti Calabresi – il 2021 è stato un anno ancora pesantemente caratterizzato dalla pandemia. Tuttavia gli sforzi sul fronte gestionale hanno consentito di mitigare per quanto possibile gli effetti del Covid sui risultati aziendali, tanto da consentire a Sacal di iniziare ad intravedere segnali di ripresa, collegati al sensibile aumento dei livelli di traffico. L’assorbimento straordinario di liquidità, dovuto alla contrazione delle attività nel 2020 e per gran parte del 2021, ha fortemente ridotto i flussi in entrata legati alla gestione corrente e reso necessaria un’operazione di aumento di capitale il cui buon fine ha evitato il ricorso a procedure concorsuali. L’operazione, che ha consentito alla Società di poter disporre dei mezzi economici e finanziari necessari per fare fronte alle proprie obbligazioni nei confronti dei propri dipendenti, fornitori, enti previdenziali e fiscali e, inoltre, di recuperare la continuità aziendale, e che è stata anche all’attenzione dell’ente regolatore, si è conclusa con successo nei suoi esiti finali grazie all’attenzione dimostrata nel maggiore interesse della Società da parte dei principali soci pubblici e privati. Sappiamo bene – ha aggiunto De Metrio – che il percorso di ripresa dipenderà anche da fattori esogeni non controllabili, come nuove evoluzioni del virus o l’appesantimento e l’allargamento al sistema economico e sociale della già tragica situazione in Ucraina. Tuttavia si continuerà ad affrontare le difficoltà con spirito costruttivo, come accaduto negli esercizi precedenti”. Il Cda ha deliberato di convocare per il giorno 26 aprile 2022 e, occorrendo, per il giorno 27 aprile alle 11, in seconda convocazione per l’approvazione del bilancio di esercizio 2021, della proposta di riporto a nuovo della perdita di esercizio e per l’aggiornamento della governance della società.

Calabria

Investito da un’auto mentre attraversa la strada: grave il direttore generale della Reggina

Sul posto è intervenuta la Polizia locale. I primi rilievi e la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza hanno accertato la dinamica dell’incidente

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

REGGIO CALABRIA – Il direttore generale della Reggina, Gabriele Martino, è stato investito oggi da un’auto mentre stava attraversando la strada a Reggio Calabria. Ricoverato in codice rosso al Grande Ospedale Metropolitano, a Martino sono state diagnosticate contusioni multiple e fratture facciali e nasali. Le sue condizioni sono gravi ma non è il pericolo di vita. L’incidente è avvenuto in via S. Caterina di Alessandria, nella zona nord della città. Sul posto è intervenuta la Polizia locale. Dopo i primi rilievi e la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza, è stato accertato che Martino è stato investito da un’auto Fiat Panda, il cui conducente, un 53enne reggino, si è subito fermato prestando soccorso. L’uomo è stato comunque sanzionato per comportamento non conforme agli obblighi in presenza di pedoni. Viste le lesioni subite dal pedone, all’uomo è stata subito ritirata la patente di guida.

Continua a leggere

Calabria

Decreto Calabria approvato in Senato: «stop a procedure esecutive contro Asp e Ao»

Soddisfatto il presidente della Calabria: «gli enti sanitari del servizio sanitario potranno ripianare i propri debiti senza il rischio di incorrere in pignoramenti o recupero coatti»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA –  Si  interviene sulla governance delle Aziende sanitarie provinciali e delle Aziende ospedaliere calabresi. “Il decreto Calabria è stato approvato dall’Aula del Senato rispettando i temi che auspicavamo, e adesso andrà alla Camera per il via libera finale”. Lo ha annunciato il governatore della Calabria Roberto Occhiuto. “Nel passaggio parlamentare il provvedimento ha ricevuto, grazie a puntuali emendamenti presentati dai gruppi di maggioranza – che in queste settimane hanno avuto una positiva interlocuzione con il mio governo regionale -, importanti miglioramenti che ci permetteranno di cogliere al meglio le opportunità messe in campo da questa norma. Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria. Il testo uscito dal Consiglio dei ministri permetteva al commissario ad acta di nominare i commissari delle Asp e delle Ao; adesso, con le modifiche introdotte, sarà possibile nominare anche i direttori generali delle aziende”.

Ma la novità più importante – precisa Occhiuto – riguarda la possibilità di intraprendere azioni esecutive a carico degli enti del servizio sanitario regionale. Qualche settimana fa una sentenza della Corte Costituzionale aveva dichiarato illegittimo l’articolo 16 septies, comma 2, lettera g), del decreto fiscale del 2021, che stabiliva la sospensione delle azioni esecutive nei confronti degli enti del servizio sanitario calabrese fino al 31 dicembre 2025. Ma il dispositivo depositato dalla Consulta riconosceva comunque la validità della norma, stigmatizzandone solo l’eccezionale durata.

Per queste ragioni il Senato è intervenuto con una specifica modifica, approvata quest’oggi nel passaggio in Aula del decreto Calabria, stabilendo che le azioni esecutive – escluse quelle riguardanti crediti da lavoro e crediti risarcitori – nei confronti delle Asp e delle Ao saranno sospese fino al 31 dicembre del 2023. Le Aziende sanitarie provinciali e le Aziende ospedaliere calabresi potranno dunque ripianare i propri debiti – così come vogliamo fare, entro qualche mese – senza il rischio di incorrere in operazioni di pignoramento o di recupero coatto da parte dei creditori.

Una buona notizia che ci permetterà di concludere con tranquillità ma anche con tanta determinazione l’azione intrapresa dal governo regionale, con la fattiva collaborazione della Guardia di Finanza, per l’accertamento del debito della sanità calabrese, per sanare i bilanci, pagare coloro che devono essere pagati, e ripartire con programmazioni e investimenti. Ringrazio – conclude il Presidente Occhiuto – per il supporto e per il prezioso lavoro governativo e parlamentare, il ministro della Salute, Orazio Schillaci, il sottosegretario Marcello Gemmato, la capogruppo di Forza Italia a Palazzo Madama, Licia Ronzulli e il senatore azzurro Francesco Silvestro – che hanno seguito l’iter del testo in Commissione -, e la relatrice del provvedimento, la senatrice della Lega Tilde Minasi”.

 

Continua a leggere

Calabria

Scattano le multe ai No Vax over 50, maglia nera per la Calabria

La nostra Regione, insieme a Friuli e Abruzzo, ha le maggiori percentuali di coloro non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Scattano a partire da dicembre le sanzioni anche per gli over 50 che non hanno fatto il vaccino anti Covid. Le regioni con le maggiore percentuali di over 50 che non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale, rispetto alla popolazione del proprio territorio, sono Friuli, Calabria e Abruzzo. La sanzione di 100 euro scatta perché sono scaduti i termini fissati (180 giorni) per giustificare il mancato adempimento all’obbligo vaccinale dovuto a motivi sanitari, come ad esempio l’aver contratto il Covid in quel periodo.

Puglia, Lazio, Toscana e Molise sono le regioni con la maggiore percentuale di persone over 50 che, rispetto alla popolazione del proprio territorio, si sono vaccinate con il siero anti-Covid. È quanto emerge dai dati sulle vaccinazioni nelle varie regioni. Nello specifico, nella fascia 50-59 anni le persone vaccinate almeno con due dosi sono il 94,4% nel Molise, il 94,3% nel Lazio, il 92,3% in Puglia e il 92,2% in Toscana.

Continua a leggere

Di tendenza