Bianchi difende le scuole 'riaperto senza disastri'. Ma molti sindaci chiudono ancora - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Bianchi difende le scuole ‘riaperto senza disastri’. Ma molti sindaci chiudono ancora

La lettera delle mamme al sindaco di Lago Scanga “con soli 25 casi di positività, di cui nessun bambino, si prolunga la chiusura della scuola”

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Ad una settimana dalla riapertura delle scuole, dopo la pausa natalizia, il ministro Patrizio Bianchi difende la scelta fatta dal governo: “Il famoso disastro che ci doveva essere con la riapertura della scuola non c’è stato“, ci sono stati “disagi differenziati zona per zona, ma la scuola ha riaperto e si è affermata la convinzione che la scuola è un elemento fondante, la scuola è la priorità, è un diritto”. Qualche criticità però sembra permanere: dalla mancata distribuzione nelle scuole dell’infanzia delle Ffp2 alle complicazioni burocratiche sulla quarantena e sui rientri per i contagiati, dall’attesa per gli stipendi per il personale chiamato a rafforzare l’organico per l’emergenza Covid alle decisioni locali che vedono scuole chiuse nonostante le indicazioni di diverso indirizzo. È il caso della Sicilia dove si registra un vero e proprio caos mentre nei piccoli e medi centri sono molti i sindaci che hanno deciso di prorogare la chiusura delle scuole, come è accaduto in Calabria con le scuole che restano chiuse in diversi comuni con non poco disappunto da parte di alcuni genitori.

Il ministro Bianchi assicura che le questioni più imminenti verranno affrontate a breve, come la certificazione del rientro a scuola degli alunni che sono stati contagiati dal Covid e hanno superato la malattia. “Semplificheremo”, ha assicurato il ministro. Tra le ipotesi, la certificazione di fine malattia rilasciata dai pediatri, come già avviene per le altre malattie. L’importante per il dicastero è aprire ma di diverso avviso sono come detto i sindaci contro i quali tuona la sottosegretaria Barbara Floridia: “Nessuno continui a privare del diritto allo studio i più piccoli, i nostri giovani, tenendo le scuole chiuse mentre tutto il resto è aperto! “Dobbiamo fare del tutto perché la scuola resti aperta”, concorda la segretaria generale della Cisl Scuola Maddalena Gissi che non nasconde però il “permanere di alcune criticità“. Domani i sindacati inoltreranno al ministero una richiesta formale per verificare i dati, su contagi e presenze, ad una settimana dalla riapertura degli istituti “in attesa della convocazione del tavolo permanente che ancora non è stato convocato”, fa sapere Gissi. C’è un problema da risolvere in tempi brevi: non ci sono le mascherine Ffp2. “Sembra che non siano arrivate da nessuna parte”, sottolinea la sindacalista ricordando che la struttura commissariale le dovrebbe comunque garantire almeno alle scuole dell’infanzia e agli insegnanti di sostegno. La Cisl fa presente anche che “manca la copertura degli stipendi del personale” che era stato assunto per l’emergenza, “parliamo degli stipendi a partire da ottobre, il personale è in difficoltà per questo, in alcuni casi non hanno confermato i contratti, domani ci aspettiamo un’informazione anche su questo”, dice Gissi.

Lago, la lettera delle mamme al sindaco del cosentino “riapra le scuole”

Intanto alla nostra redazione ha scritto un gruppo di mamme del Comune di Lago Florenzo Scanga, con una lettera indirizzata al Sindaco di Lago dove si chiede la riapertura delle scuole “nel nostro Comune con soli 25 casi di positività, di cui nessun bambino, il Sindaco decide di prolungare la chiusura della scuola, lasciando invece invariate tutte le altre attività” scrivono.

Questa la lettera indirizzata la primo cittadino “Egr. Sig. Sindaco, con la presente Le comunichiamo il nostro disappunto e la preoccupazione per il futuro dei nostri figli in seguito alla decisione di chiudere nuovamente le scuole di Lago senza aver accertato nessun caso positivo di Covid-19 tra gli alunni. Reputiamo di fondamentale importanza la salute dei bambini e di tutta la comunità di Lago, ma riteniamo che l’istruzione debba avere la stessa rilevanza. Non essendoci stato, ad oggi, nessun focolaio nella scuola di Lago crediamo che tale decisione sia non solo illegittima in quanto in opposizione alle direttive del Governo, come da Lei stesso affermato, ma anche discriminatoria visto che i focolai sono, invece, emersi in altri contesti, meno educativi e ben più “goliardici”. I bambini sono e saranno i primi ad essere fortemente colpiti da questa pandemia in termini soprattutto morali e psicologici visto che la carenza di affetti, spensieratezza e socialità che stanno vivendo non potrà più essere riscattata. La chiusura della scuola rappresenta, quindi, l’ennesimo fattore che contribuirà ad alimentare tale disagio, ci teniamo a ricordare infatti che la scuola non rappresenta solo un luogo di apprendimento, ma anche e soprattutto di vita sociale e comportamentale. A due anni dall’insorgenza di questa pandemia, molte cose sono cambiate come: l’importante campagna vaccinale arrivata già alla fase booster sulla buona parte della popolazione, la maggiore disponibilità ed efficienza di mezzi di monitoraggio della pandemia, efficaci mezzi di protezione, maggiore conoscenza del virus e di conseguenza più ampli approcci diagnostici e terapeutici associati fortunatamente ad una minore virulenza del virus. In conclusione, riteniamo che la sua decisione di continuare a sospendere le attività didattiche in presenza non abbia nessun tipo di fondatezza se non quella di accumulare consensi sui social da parte di una cittadinanza che non da evidentemente la priorità all’istruzione e al futuro dei propri figli. Chiudere la scuola non è e non potrà essere la soluzione all’incertezza dei tracciamenti cui Lei fa riferimento nelle ordinanze. La ringraziamo anticipatamente per la sua attenta lettura e riflessione in merito alla presente problematica che ci auguriamo possa giungere presto ad una più felice conclusione. Cordiali saluti, Un gruppo di genitori della scuola di Lago”

Calabria

Investito da un’auto mentre attraversa la strada: grave il direttore generale della Reggina

Sul posto è intervenuta la Polizia locale. I primi rilievi e la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza hanno accertato la dinamica dell’incidente

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

REGGIO CALABRIA – Il direttore generale della Reggina, Gabriele Martino, è stato investito oggi da un’auto mentre stava attraversando la strada a Reggio Calabria. Ricoverato in codice rosso al Grande Ospedale Metropolitano, a Martino sono state diagnosticate contusioni multiple e fratture facciali e nasali. Le sue condizioni sono gravi ma non è il pericolo di vita. L’incidente è avvenuto in via S. Caterina di Alessandria, nella zona nord della città. Sul posto è intervenuta la Polizia locale. Dopo i primi rilievi e la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza, è stato accertato che Martino è stato investito da un’auto Fiat Panda, il cui conducente, un 53enne reggino, si è subito fermato prestando soccorso. L’uomo è stato comunque sanzionato per comportamento non conforme agli obblighi in presenza di pedoni. Viste le lesioni subite dal pedone, all’uomo è stata subito ritirata la patente di guida.

Continua a leggere

Calabria

Decreto Calabria approvato in Senato: «stop a procedure esecutive contro Asp e Ao»

Soddisfatto il presidente della Calabria: «gli enti sanitari del servizio sanitario potranno ripianare i propri debiti senza il rischio di incorrere in pignoramenti o recupero coatti»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA –  Si  interviene sulla governance delle Aziende sanitarie provinciali e delle Aziende ospedaliere calabresi. “Il decreto Calabria è stato approvato dall’Aula del Senato rispettando i temi che auspicavamo, e adesso andrà alla Camera per il via libera finale”. Lo ha annunciato il governatore della Calabria Roberto Occhiuto. “Nel passaggio parlamentare il provvedimento ha ricevuto, grazie a puntuali emendamenti presentati dai gruppi di maggioranza – che in queste settimane hanno avuto una positiva interlocuzione con il mio governo regionale -, importanti miglioramenti che ci permetteranno di cogliere al meglio le opportunità messe in campo da questa norma. Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria. Il testo uscito dal Consiglio dei ministri permetteva al commissario ad acta di nominare i commissari delle Asp e delle Ao; adesso, con le modifiche introdotte, sarà possibile nominare anche i direttori generali delle aziende”.

Ma la novità più importante – precisa Occhiuto – riguarda la possibilità di intraprendere azioni esecutive a carico degli enti del servizio sanitario regionale. Qualche settimana fa una sentenza della Corte Costituzionale aveva dichiarato illegittimo l’articolo 16 septies, comma 2, lettera g), del decreto fiscale del 2021, che stabiliva la sospensione delle azioni esecutive nei confronti degli enti del servizio sanitario calabrese fino al 31 dicembre 2025. Ma il dispositivo depositato dalla Consulta riconosceva comunque la validità della norma, stigmatizzandone solo l’eccezionale durata.

Per queste ragioni il Senato è intervenuto con una specifica modifica, approvata quest’oggi nel passaggio in Aula del decreto Calabria, stabilendo che le azioni esecutive – escluse quelle riguardanti crediti da lavoro e crediti risarcitori – nei confronti delle Asp e delle Ao saranno sospese fino al 31 dicembre del 2023. Le Aziende sanitarie provinciali e le Aziende ospedaliere calabresi potranno dunque ripianare i propri debiti – così come vogliamo fare, entro qualche mese – senza il rischio di incorrere in operazioni di pignoramento o di recupero coatto da parte dei creditori.

Una buona notizia che ci permetterà di concludere con tranquillità ma anche con tanta determinazione l’azione intrapresa dal governo regionale, con la fattiva collaborazione della Guardia di Finanza, per l’accertamento del debito della sanità calabrese, per sanare i bilanci, pagare coloro che devono essere pagati, e ripartire con programmazioni e investimenti. Ringrazio – conclude il Presidente Occhiuto – per il supporto e per il prezioso lavoro governativo e parlamentare, il ministro della Salute, Orazio Schillaci, il sottosegretario Marcello Gemmato, la capogruppo di Forza Italia a Palazzo Madama, Licia Ronzulli e il senatore azzurro Francesco Silvestro – che hanno seguito l’iter del testo in Commissione -, e la relatrice del provvedimento, la senatrice della Lega Tilde Minasi”.

 

Continua a leggere

Calabria

Scattano le multe ai No Vax over 50, maglia nera per la Calabria

La nostra Regione, insieme a Friuli e Abruzzo, ha le maggiori percentuali di coloro non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Scattano a partire da dicembre le sanzioni anche per gli over 50 che non hanno fatto il vaccino anti Covid. Le regioni con le maggiore percentuali di over 50 che non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale, rispetto alla popolazione del proprio territorio, sono Friuli, Calabria e Abruzzo. La sanzione di 100 euro scatta perché sono scaduti i termini fissati (180 giorni) per giustificare il mancato adempimento all’obbligo vaccinale dovuto a motivi sanitari, come ad esempio l’aver contratto il Covid in quel periodo.

Puglia, Lazio, Toscana e Molise sono le regioni con la maggiore percentuale di persone over 50 che, rispetto alla popolazione del proprio territorio, si sono vaccinate con il siero anti-Covid. È quanto emerge dai dati sulle vaccinazioni nelle varie regioni. Nello specifico, nella fascia 50-59 anni le persone vaccinate almeno con due dosi sono il 94,4% nel Molise, il 94,3% nel Lazio, il 92,3% in Puglia e il 92,2% in Toscana.

Continua a leggere

Di tendenza