Ponte sullo Stretto, parte lo studio di fattibilità. Il ministro "ecco le azioni necessarie" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Ponte sullo Stretto, parte lo studio di fattibilità. Il ministro “ecco le azioni necessarie”

Il Ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini ha reso oggi al Consiglio dei Ministri un’informativa per la procedura di realizzazione dell’opera

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha reso oggi al Consiglio dei Ministri un’informativa sulle azioni necessarie per avviare la realizzazione di uno studio di fattibilità tecnico-economica per la realizzazione di un sistema di attraversamento stabile dello Stretto di Messina, ai sensi dell’articolo 23, comma 5, del D. Lgs. n. 50 del 2016.

Ponte Stretto, si valutano diversi aspetti

Lo studio dovrà prendere in esame la soluzione progettuale del “ponte aereo a più campate“, in relazione ai molteplici profili evidenziati nella relazione presentata il 30 aprile 2021 dall’apposito Gruppo di Lavoro istituito nel 2020 presso il Mims, valutandone la intrinseca sostenibilità sotto tutti i profili indicati, mettendola a confronto con quella del ponte “a campata unica” e con la cosiddetta “opzione zero”. Inoltre, lo studio deve fornire gli elementi, di natura tecnica e conoscitiva, occorrenti per valutare la realizzabilità del sistema di attraversamento stabile dello Stretto di Messina, anche sotto il profilo economico-finanziario.​

All’acquisizione del documento di fattibilità tecnico-economica provvederà, tramite procedura di evidenza pubblica, la società RFI Spa, in quanto capace di garantire la più appropriata continuità e interconnessione dell’intervento con quelli ferroviari progettati nei territori calabresi e siciliani. Per questo, in data odierna è stato dato mandato alla Direzione Generale competente di avviare il processo amministrativo, a valere sui fondi stanziati a tale scopo dalla Legge di bilancio per il 2021.

Già stanziati 510 milioni di euro

Si ricorda che nei mesi scorsi il Governo ha provveduto a potenziare l‘attraversamento dinamico dello Stretto di Messina, anche grazie ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e del Piano complementare, destinando a tale scopo 510 milioni di euro. Gli interventi messi in atto vanno nella direzione di migliorare e velocizzare l’attraversamento dello Stretto, favorendo la transizione ecologica della mobilità marittima e la riduzione dell’inquinamento.

Tra le iniziative adottate figurano, tra le altre, la riqualificazione del naviglio per il trasbordo ferroviario con la messa in esercizio di due nuove navi e l’ibridizzazione di tutta la flotta, il rinnovo del materiale rotabile ferroviario per velocizzare le manovre di carico/scarico dei treni, la riqualificazione del naviglio veloce per i passeggeri e delle stazioni ferroviarie di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni. Sono previsti anche interventi per migliorare l’accessibilità stradale ai porti.

 

Calabria

Altri +1.351 contagi in Calabria. Aumentano i ricoveri in area medica

Il bollettino registra +7 nuovi ingressi nei reparti mentre sono 3 le vittime accertate e il tasso di positività stabile al 26,54%

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Sono 1.351 i nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Calabria, per un tasso di positività del 26,54% (ieri era al 26.76%). I tamponi processati sono +5.090, tra rapidi e molecolari. Il dato emerge dal bollettino della Regione, che nelle ultime 24 ore registra 3 decessi (+1 Cosenza, +1 Catanzaro, +1 Crotone) e 566 guariti. In Calabria sono ad oggi 33.617 i positivi. Aumentano i ricoveri in reparto (+7, per un totale di 156), diminuiscono i ricoveri in terapia intensiva (-1, per un totale di 5).

I casi totali sono così distribuiti: Cosenza (+499), Reggio Calabria (+413), Catanzaro (+267), Crotone (+92), Vibo Valentia (+67). Altra Regione o Stato Estero (+13)

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 3215607. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 408562 rispetto a ieri. Questi sono i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria.

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

Catanzaro: CASI ATTIVI 3894 (46 in reparto, 2 in terapia intensiva, 3846 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 60902 (60577 guariti, 325 deceduti).

Cosenza: CASI ATTIVI 23395 (51 in reparto, 2 in terapia intensiva, 23342 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 85834 (84709 guariti, 1125 deceduti).

Crotone: CASI ATTIVI 843 (11 in reparto, 0 in terapia intensiva, 832 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 41506 (41272 guariti, 234 deceduti).

Reggio Calabria: CASI ATTIVI 4041 (38 in reparto, 1 in terapia intensiva, 4002 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 144946 (144157 guariti, 789 deceduti).

Vibo Valentia: CASI ATTIVI 718 (10 in reparto, 0 in terapia intensiva, 708 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 39634 (39460 guariti, 174 deceduti).

L’Asp di Catanzaro comunica: “oggi 271 positivi di cui 4 fuori regione.

 

L’Asp di Cosenza comunica:”Nel setting fuori regione si registrano 9 nuovi casi a domicilio”.

Continua a leggere

Calabria

In arrivo circa 16 milioni di euro per oltre 2500 aziende agricole calabresi

La conferma arriva dall’assessore regionale Gianluca Gallo. Arcea ha elaborato i mandato di pagamento di due kit decreti relativi al Psr

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – In arrivo circa 16 milioni di euro per gli imprenditori agricoli calabresi. La conferma arriva dall’assessorato regionale all’Agricoltura, guidato da Gianluca Gallo, all’indomani dei lavori del Comitato di Sorveglianza che ha certificato l’ottimo livello di avanzamento della spesa dei fondi europei per la ruralità, segnalando l’importanza e l’opportunità, ancor più nel particolare momento storico attuale, di garantire liquidità al principale comparto produttivo calabrese.

A tal riguardo, l’organismo pagatore Arcea – in collaborazione con il Dipartimento Agricoltura – ha elaborato e mandato in pagamento due diversi kit decreti relativi al Psr, per un valore di 15.971.959,60 euro.

Nello specifico, con il decreto 132 saranno 1.081 i beneficiari del Psr che riceveranno complessivamente 4.316.675,34 euro per misure a superficie: 660 imprenditori zootecnici regionali riceveranno (in totale) 3.471.276,58, in riferimento alla misura 14 “Benessere degli animali”; rispetto alla misura 10 “Pagamenti agro-cimatici-ambientali”, saranno liquidati 834.294,58 euro in favore di 412 beneficiari; per la 11“Agricoltura biologica”, 4 beneficiari riceveranno 4.902,39 euro; infine 5 beneficiari della misura 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici” percepiranno 6.201,79 euro.

Il kit decreto n. 133, invece, coniuga pagamenti relativi alle misure sia a superficie sia strutturali. L’importo complessivo è pari a 11.655.284,38 euro e i beneficiari sono in tutto 1.462.

La fetta più cospicua di risorse andrà ai beneficiari della misura 4 “Investimenti in immobilizzazioni materiali”: 65 imprenditori agricoli riceveranno 2.977.442,47 euro. In ordine alla misura 6 “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese”, 18 beneficiari avranno diritto a 362.000 euro; per la misura 8 “Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste”, 18 i progetti finanziati, per un valore di 379.749,66 euro.

A 7 beneficiari della misura 1 “Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione” sono riservati 35.426,01 euro, mentre all’unico beneficiario della misura 3 “Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari” saranno erogati 46.464,86 euro. Per la misura 19 “Sostegno allo sviluppo locale Leader” saranno liquidati 344.426,36 euro in favore di 12 beneficiari; 2.458.494,43 euro, invece, andranno a 6 beneficiari della misura 20 “Assistenza tecnica”.

In ultimo, le misure a superficie: 2.670.519,63 euro a 582 beneficiari della misura 11; 1.124.264,99 euro a 129 beneficiari della misura 14; 700.745,73 euro a 151 beneficiari della 10 e 555.750,24 euro a 473 beneficiari della 13.

Continua a leggere

Calabria

Controlli in mare in Calabria, scatta il pattugliamento costiero dei poliziotti

Tali servizi, particolarmente utili per garantire la sicurezza dei bagnanti in mare, saranno effettuati da personale specializzato

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CROTONE – Con l’inizio della stagione estiva ed il conseguente notevole afflusso di bagnanti sulle spiagge del capoluogo e della provincia, a partire da oggi iniziano i servizi di pattugliamento costiero svolti dai poliziotti della Questura di Crotone a bordo degli acquascooter.

Tali servizi, particolarmente utili per garantire la sicurezza dei bagnanti in mare, saranno effettuati da personale specializzato che ha frequentato uno specifico corso di formazione per la conduzione degli acquascooter, mezzi che possono svolgere attività fino a 500 metri dalla costa.

Gli acquascooter, infatti, avendo una grande facilità di manovra, rispetto alle imbarcazioni, sono particolarmente utili per garantire la sicurezza dei bagnanti, il rispetto delle regole di navigazione nelle zone costiere, il salvataggio nelle acque prossime alla spiaggia, quindi sia in ottica di prevenzione che di repressione dei comportamenti scorretti a mare.

Gli acquascooter,  per la loro duttilità di impiego, saranno utili anche per garantire la sicurezza in occasione di manifestazioni che si svolgeranno nei prossimi mesi  negli specchi acquei, come ad esempio gare di nuoto, regate veliche e altre varie tipologie di  manifestazioni a mare.

Continua a leggere

Di tendenza