Stop chirurgia oculistica, Calabria indietro. 5mila pazienti in lista d'attesa - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Stop chirurgia oculistica, Calabria indietro. 5mila pazienti in lista d’attesa

È la denuncia del chirurgo oculista Giovanni Tedesco, professionista in forze alla sede operativa Sacro Cuore iGreco Ospedali Riuniti

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Con il ridimensionamento del budget per le prestazioni chirurgiche oculistiche, imposto per circa il 55% (2 milioni e mezzo di euro in meno rispetto al 2020), la Calabria ha fatto 100 passi indietro. Di fatto è stata incentivata la migrazione sanitaria. Strutture private convenzionate che fino ad oggi presentavano liste d’attesa vicine allo zero, hanno già accumulato un elenco di prenotazioni notevole, destinato ad allungarsi di giorno in giorno e che difficilmente a gennaio 2022, potranno essere recuperati in tempi celeri. Al momento si parla già di 5000 pazienti in tutta la Calabria.

È la denuncia del chirurgo oculista Giovanni Tedesco, professionista in forze alla sede operativa Sacro Cuore iGreco Ospedali Riuniti sottolineando come questi tagli, di cui non si conoscono le motivazioni, rappresentino per la sanità territoriale e calabrese un autentico autogol dagli effetti boomerang: il paziente che necessita di essere operato con un urgenza si sarà spostato fuori regione, con una spesa extraregionale che supera quella che si sarebbe potuta contenere sul territorio regionale.

“Servono strutture per contrastare i viaggi della speranza”

Al Sacro Cuore nel 2020, nel clou della pandemia, in un regime di massima sicurezza e prevenzione, senza arrestare la corsa, sono stati effettuati tremila interventi, se non per l’intera regione, sicuramente per la provincia cosentina. Sono questi – spiega il chirurgo – numeri importanti che fanno capire quanto può essere fondamentale per la Calabria avere delle strutture che contribuiscono a contrastare i cosiddetti viaggi della speranza, oggi impensabili con i livelli che siamo riusciti a raggiungere.

Dalle maculopatie alla cataratta, gli interventi più richiesti, dalle iniezioni intravitreali alla secchezza oculare, fino al distacco di retina. Tra questi interventi ce ne sono alcuni che hanno il carattere di urgenza. Chi si sente rispondere che potrà essere curato tra 10 o 12 mesi è chiaro che si rivolgerà altrove per non rischiare di avere conseguenze irreversibili.

Questa situazione cozza anche con la cultura della prevenzione che piano piano sta crescendo tanto nelle famiglie per i bambini, quanto nei giovani, negli adulti e nelle persone anziane che spesso non ricorrono allo specialista ma si rivolgono al medico curante perché avvertono la sensazione di vedere una mosca volante (possibile rottura retinica che va diagnosticata in pochi giorni) o hanno gli occhi rossi e ricevono come indicazione, l’utilizzo di un collirio. Il glaucoma è tra le altre patologie silenti, che portano alla cecità che non vanno trascurate.

Calabria

Calabria con un piede in zona gialla e l’obbligo di mascherina per la “sanità fatiscente”

Aumentano i ricoveri sia in area medica che in terapia intensiva e schizza il tasso di positività al 9,2%. Il presidente “ho emanato l’ordinanza per lo stato della nostra sanità”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – “Da oggi in Calabria c’è anche l’obbligo della mascherina all’aperto. Ho emanato un’ordinanza due giorni fa perché mi interessava far capire ai calabresi che con il sistema sanitario che abbiamo bisogna stare più attenti che altrove”. Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, intervenendo a “Oggi è un altro giorno”, su Rai1. “Sono commissario della sanità da poche settimane e sono riuscito ad aumentare i posti di terapia intensiva, però la pressione sulla rete ospedaliera in una Regione che ha una sanità così fatiscente come la mia, mi preoccupa molto” ha aggiunto.

Aumentano i ricoveri, schizza il tasso di positività

Nel giorno in cui scattano le nuove norme per il contrasto alla diffusione del Covid 19 – con il super green pass e la certificazione verde necessaria anche per salire sul bus – e torna l’obbligo di mascherina anche all’aperto, la Calabria si trova con i dati che potrebbero portare, già da lunedì prossimo, alla zona gialla. Anche oggi, infatti, sono in aumento i ricoveri, sia in area medica (+6) che in terapia intensiva (+1) con il totale che raggiunge, rispettivamente, i 152 e i 20 degenti. Cifre che hanno alzare ancora di più la percentuale di occupazione dei posti letto che già ieri, secondo i dati Agenas, erano già al limite delle soglie di rischio, fissate al 15% per l’area medica ed al 10 per le intensive. Nelle ultime 24 ore, i nuovi positivi sono stati 224, ma per l’effetto fine settimana, con un minor numero di tamponi fatti, il tasso di positività è schizzato dal 5,99 al 9,2%. Due le vittime, con il totale salito a 1.509.

Controlli Green Pass in Calabria

Sul fronte green pass, intanto, il primo giorno di applicazione delle nuove regole sembra essere scivolato via senza tanti problemi. Su bus e pullman di linea, in gran parte della città calabresi, i controlli sono stati fatti a campione e dalle prime ore non sono state segnalate criticità particolari. “Rispetto ai controlli sul green pass e sul super green pass – ha sottolineato il presidente della Regione Roberto Occhiuto – in Calabria siamo messi come nel resto d’Italia. I riscontri che ho sul territorio mi dicono che i cittadini calabresi hanno capito che questa è una necessità, e si sono recati sui mezzi di trasporto muniti di green pass”.

Ma oggi, per i calabresi, è stato anche il giorno del ritorno alla mascherina obbligatoria anche all’aperto, disposta da Occhiuto. Nelle principali città, non tutti hanno indossato il dispositivo di protezione individuale ed a fare rispettare l’obbligo ci hanno pensato gli appartenenti alle forze dell’ordine, dislocate nei punti strategici e più frequentati. Una scelta che il Governatore ha motivato col fatto che una pressione sulla rete ospedaliera “in una Regione che ha una sanità così fatiscente come la mia, preoccupa molto”.

 

Continua a leggere

Calabria

Covid: (+224) nuovi contagi ma pochi tamponi. Aumentano i ricoveri e le terapie intensive

Si registrano anche due decessi, uno a Cosenza e uno a Reggio Calabria. Il tasso di positività raggiunge il 9,20%

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Sono 224 i nuovi casi Covid in Calabria su 2.435 tamponi effettuati. I dettagli sono contenuti nel bollettino quotidiano della Regione nel quale vengono riportarti anche due decessi, uno a Cosenza e uno a Reggio Calabria, i guariti sono 134. Aumentano i ricoveri in area medica (+6) di cui 2 a Cosenza, 2 a Catanzaro e 2 a Reggio. In terapia intensiva invece si registra un solo ingresso a Reggio Calabria. Il tasso di positività raggiunge il 9,20%. 

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1.463.849. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 94.799.

Nel dettaglio, nelle ultime 24 ore, sono 37 nuovi casi in provincia di Catanzaro, 9 Cosenza, 11 Crotone, 140 Reggio Calabria e 26 di Vibo Valentia, altra regione o Stato estero 1. L’Asp di Catanzaro comunica: “oggi 38 positivi di cui 1 fuori regione”.

La situazione provincia per provincia

– Catanzaro: casi attivi 494 (19 in reparto, 10 in terapia intensiva, 465 in isolamento domiciliare); casi chiusi 11894 (11727 guariti, 167 deceduti)
– Cosenza: casi attivi 1991 (77 in reparto, 5 in terapia intensiva, 1909 in isolamento domiciliare);casi chiusi 28131 (27450 guariti, 681 deceduti)
– Crotone: casi attivi 220 (4 in reparto, 0 in terapia intensiva, 216 in isolamento domiciliare); casi chiusi 8971 (8851 guariti, 120 deceduti)
– Reggio Calabria: casi attivi 2086 (44 in reparto, 5 in terapia intensiva, 2037 in isolamento domiciliare); casi chiusi 31777 (31353 guariti, 424 deceduti)
– Vibo Valentia: casi attivi 478 (8 in reparto, 0 in terapia intensiva, 470 in isolamento domiciliare); casi chiusi 7246 (7139 guariti, 107 deceduti).

Continua a leggere

Calabria

Green pass sui bus, Occhiuto chiede una deroga per gli studenti “è buon senso”

Il presidente della Calabria si accoda alla richiesta che hanno fatto anche altre Regioni al Governo in modo tale da far prendere i mezzi pubblici agli studenti anche senza Green Pass

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – “Le Regioni hanno chiesto al governo una deroga per gli studenti, affinché possano ancora per qualche giorno prendere i mezzi pubblici senza il green pass: ci sembra una richiesta di buon senso”. Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, intervenendo a “Oggi è un altro giorno”, su Rai1. “Diamoci ancora un po’ di tempo per mettere a regime il sistema ed evitiamo di far perdere giorni di scuola agli studenti. Lo abbiamo chiesto al governo insieme agli altri presidenti di Regione, speriamo che l’esecutivo se ne faccia carico”.

Green pass: Occhiuto, in Calabria riscontri positivi

“Un anno e mezzo fa siamo stati travolti dalla pandemia e siamo stati costretti a chiudere il Paese. Adesso siamo nelle condizioni di anticipare il virus. Dobbiamo spingere sulle vaccinazioni, e dire ai cittadini di mantenere i comportamenti virtuosi che possono frenare la progressione dei contagi. Rispetto ai controlli sul green pass e sul super green pass, in Calabria siamo messi come nel resto d’Italia. I riscontri che ho sul territorio mi dicono che i cittadini calabresi – conclude il governatore – hanno capito che questa è una necessità, e si sono recati sui mezzi di trasporto muniti di green pass”.

Continua a leggere

Di tendenza