Lamezia, bomba contro il negozio della sorella di un pentito - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Lamezia, bomba contro il negozio della sorella di un pentito

Avatar

Pubblicato

il

LAMEZIA TERME – Torna la stagione del terrore. Le cantate che confidenti, collaboratori di giustizia e pentiti hanno spifferato ai magistrati della Dda di Catanzaro, ha permesso al pool dellantimafia di smantellare la cosca Giampà, considerata una delle più pericolose e sanguinarie, disarticolandola nel cuore del suo interno. La raffica di arresti eccellenti e la comparizioni di figure insospettabili, organiche al clan, non è andata giù ai vertici di mamma ndrangheta che, come risposta alle cantate dei pentiti, hanno lanciato un chiaro e inequivocabile messaggio ai parenti delle gole profonde. Nel mirino dellantistato, infatti, è finita la sorella di un collaboratore di giustizia. Stamattina, alle prime luci del giorno, un ordigno è stato fatto esplodere in una zona centrale di Lamezia Terme, in piazza Mercato Vecchio, davanti alla pizzeria di proprietà della sorella di Angelo Torcasio, detto “Porchetta”, uno dei collaboratori di giustizia che ha permesso di arrestare diversi esponenti criminali nell’ambito dell’operazione denominata “Medusa”. L’esplosione ha provocato danni ingenti alla pizzeria, che è gestita anche dal cognato di Torcasio. Colpite dall’onda d’urto dello scoppio anche un’automobile e ad alcune abitazioni vicine. Sull’episodio indagano i carabinieri, ma la matrice dell’attentato sembra inserirsi nello scenario che vede un’offensiva dei clan per intimorire i pentiti e vendicarsi di ciò che hanno comportato le loro dichiarazioni ai magistrati. Nella guerra non dichiarata contro la famiglia di Angelo Torcasio, la bomba alla pizzeria si aggiunge a quella fatta esplodere davanti al bar “Sole e Luna”, di proprietà di un altro cognato del pentito. Ad Angelo, poi, è stata incendiata la villetta nella quale viveva prima di essere trasferito in località protetta. E altri collaboratori di giustizia sono nel mirino. I parenti di Battista Cosentino hanno visto anche loro saltare in aria il bar di loro proprietà. E la famiglia Cappello è stata colpita per due volte dopo che Saverio ha deciso di passare dall’altra parte della barricata, tornando a far “pace” con lo Stato e decidendo di testimoniare davanti ai giudici: ad agosto è esplosa una bomba davanti alla casa del neo pentito, mentre a maggio la stessa sorte era toccata all’abitazione del padre, Rosario.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza