In Calabria vaccinato l'8% del totale. Longo "proviamo a finire tutti per fine estate" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

In Calabria vaccinato l’8% del totale. Longo “proviamo a finire tutti per fine estate”

Ad oggi il 10,5% ha ricevuto almeno una dose, mentre la metà degli over 80 è stata vaccinata. Anche Spirlì rassicura

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Sono circa 2,5 milioni le dosi di vaccini che giungeranno entro la giornata all’hub nazionale della Difesa all’interno dell’aeroporto militare di Pratica di Mare e destinate alle regioni. Si tratta, in particolare, di tre lotti distinti: oltre 2 milioni di Vaxzevria (AstraZeneca), più di 270 mila di Moderna e circa 160 mila di Janssen (Johnson&Johnson), che verranno ripartiti e poi distribuiti nei prossimi giorni a Regioni e Province autonome”, prosegue il comunicato.

Rassicurazioni da Spirlì e Longo “prima

Intanto in Calabria il presidente della Regione Nino Spirlì e il commissario Longo rassicurano sull’andamento della campagna vaccinale il cui “obiettivo – ha  sottolineato Longo – è arrivare a 25mila vaccini al giorno. Tutti ci stanno dando una mano. La speranza è che la campagna finisca prima della fine dell’estate“. “Ci auguriamo che entro il mese di giugno si possa finire il primo turno”, fa eco il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, a margine di un sopralluogo a Villa Bianca a Catanzaro. “Sono molto soddisfatto, noi ormai – ha esordito Spirlì – viaggiamo superando abbondantemente ogni giorno i 10-11mila vaccinati, nell’ultimo fine settimana sono stati quasi 50mila. Abbiamo riorganizzato dall’1 al 4 maggio una sorta di quadrifoglio di Vax Days e lo facciamo proprio per fare aumentare la fiducia dei vaccini e dei vaccinatoti nelle case dei calabresi. I calabresi stanno rispondendo molto, molto bene, sanno che i vaccini si ottengono dietro prenotazione sulla piattaforma. Non ci saranno più furbi o furbetti, su quello che è successo sono aperte delle inchieste anche nostre. andremo a vedere cosa è successo, se c’è qualcuno che ha sbagliato o ha fatto il furbetto lo andremo a stanare fermo restando – ha spiegato il presidente della Regione – che il furbetto si può stanare dopo che ha commesso la furbata e non certamente prima”.

Prima e seconda dose all’8% della popolazione

Ma a guardare i numeri attuali sembra più una speranza quella che tutti abbiamo avuto almeno una dose di vaccino. La Fondazione Gimbe evidenzia che in Calabria la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 8% a cui aggiungere un ulteriore 10,5% solo con prima dose; per gli over 80 la percentuale è pari al 49,7% a cui aggiungere un ulteriore 19,4% solo con prima dose; nella fascia di età 70-79 anni è dell’8% a cui aggiungere un ulteriore 32,1% solo con prima dose; e tra la popolazione di 60-69 anni ha completato il ciclo vaccinale il 9,1% a cui aggiungere un ulteriore 21,4% solo con prima dose.

“In arrivo una seconda unità mobile di vaccinatori”

Spirlì ha quindi aggiunto: “È in arrivo una seconda unità mobile di vaccinatori. Si parte sempre dalla prenotazione sulla piattaforma nel senso che si possono vaccinare solo i prenotati. Partirà adesso la distribuzione definitiva e controllata delle dosi verso i vari punti vaccinali secondo le prenotazioni effettuate sulla piattaforma: se a Catanzaro sono prestati una mattina in 500 saranno consegnate 500 dosi, non una in meno non in più, e questo avverrà a Corigliano Rossano, a Reggio, Crotone, Vibo, il mio stesso paese Taurianova. I vaccini – ha rilevato il presidente facente funzioni della Regione – saranno contati in maniera tale che chi è prenotato sarà vaccinato chi non è prenotato non può essere inserito nell’elenco. Il problema delle vaccinazioni non registrate è stato determinato perché molti l’hanno fatto per velocizzare l’operazione di vaccinazione, qualcuno l’ha fatto con un po’ di leggerezza, pero 23mila vaccinati e non registrati era una cosa davvero abbastanza pesante”.

Spirlì ha quindi concluso: “Ci auguriamo che entro il mese di giugno si possa finire il primo turno, se continuiamo con questi numeri maggio e giugno sicuramente possiamo andare avanti. Mi auguro adesso che i calabresi rispondano in maniera ordinata con la prenotazione sulla piattaforma. Ogni tanto c’è qualche polemica ma a parte qualche problema che c’è su tutto il territorio nazionale, la piattaforma sta funzionando alla grande, altrimenti non avremmo potuto fare 15mila vaccinazioni in un giorno”.

Calabria

Ricerca: torna in Calabria Roberto Crea, dirigerà il “Renato Dulbecco Institute”

Scienziato di fama mondiale, Roberto Crea, è considerato il padre delle biotecnologie. Tornerà in Calabria per dirigere il Renato Dulbecco Institute dopo aver trascorso 40 anni in California

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

LAMEZIA TERME – Reggino di nascita, Roberto Crea andrà incontrerà Giuseppe Nisticò, commissario dell’Istituto che porterterà il nome del premio Nobel per la medicina nato a Catanzaro per visitare con il presidente della Regione Nino Spirlì e l’assessore all’Agricoltura Giancarlo Gallo i locali della Fondazione Terina e conoscere lo stato dell’arte del progetto esecutivo per la realizzazione dei laboratori del nascente Renato Dulbecco Institute.

Si tratta di un centro di eccellenza scientifica a respiro internazionale per lo studio e la produzione di nanoanticorpi – detti anche pronectine – in grado di debellare il covid e le sue varianti, nonché forme di cancro resistenti alle terapie attuali. Dopo 40 anni di successi internazionali, Roberto Crea, che ha conquistato oltre 100 brevetti scientifici, ritorna nella sua Calabria per dare un contributo con la sua eccezionale esperienza al progresso scientifico, tecnologico e sociale della regione, ricca di risorse umane e del territorio ma troppo spesso trascurata e dimenticata.

«Si tratta – ha dichiarato all’Agi Nisticò – di un centro di eccellenza scientifica a respiro internazionale per lo studio e la produzione di nanoanticorpi (detti anche pronectine) in grado di debellare il Covid e le sue varianti, nonché forme di cancro resistenti alle terapie attuali. Dopo 40 anni di successi internazionali (è detentore di oltre 100 brevetti scientifici), Roberto Crea ritorna nella sua terra per dare un contributo con la sua eccezionale esperienza al progresso scientifico, tecnologico e sociale della Calabria. Una regione ricca di risorse umane e del territorio, però da sempre trascurata e dimenticata».

La struttura di Lamezia Terme «darà a centinaia di ricercatori delle Università di Cosenza e di Catanzaro, di poter crescere, formarsi e lavorare nella propria terra su progetti di biotecnologia che il mondo intero vorrà adottare nella lotta alle pandemie e alle patologie ancora incurabili. Il prof. Crea – continua Nisticò – è il simbolo, il modello del cosiddetto “rientro” dei cervelli italiani in patria: un emigrato partito 40 anni fa in cerca di lavoro e che ritorna, forte della sua esperienza e della sua professionalità, a dare il proprio contributo al Paese e, soprattutto, alla sua Calabria».

 

Continua a leggere

Calabria

Regionali: al via la campagna elettorale di Occhiuto con Salvini, Tajani e Meloni

Al via ufficialmente martedì la campagna elettorale a sostegno del candidato Roberto Occhiuto con i ‘big’ del centrodestra

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Si apre martedì in Calabria la campagna elettorale del candidato del centrodestra in Calabria per le prossime regionali con una convention al T-Hotel di Lamezia Terme in programma alle 11. La coalizione presenterà in conferenza stampa, il candidato alla presidenza della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e il candidato indicato per la vice presidenza, Nino Spirlì.

All’incontro con i giornalisti parteciperanno i leader di Forza Italia, Lega e Fratelli Italia, Antonio Tajani, Matteo Salvini e Giorgia Meloni (in collegamento via Zoom), e la responsabile azzurra per i rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli. Saranno, inoltre, presenti i coordinatori regionali dei tre partiti, Giuseppe Mangialavori (Forza Italia), Giacomo Francesco Saccomanno (Lega), e Wanda Ferro (Fratelli d’Italia), ed esponenti delle altre formazioni politiche del centrodestra: Udc, Noi con l’Italia e Coraggio Italia.

 

Continua a leggere

Calabria

Anziano disperso ritrovato in fondo ad una scarpata. La gioia dei soccorritori

VIDEO – È stato ritrovato e affidato ai sanitari del 118, l’83enne del quale si erano perse le tracce da venerdì quando era uscito di casa per gettare i rifiuti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO –  E’ stato affidato al personale del 118 giunto sul posto con un’ambulanza dopo il ritrovamento stamattina intorno alle 10.15 da parte di una squadra dei vigili del fuoco Cesarino Pristerà di 83 anni scomparso da Catanzaro da venerdì. L’uomo era uscito di casa per buttare la spazzatura e di lui si erano perse le tracce. Subito erano partite le ricerche dei vigili del fuoco e del Soccorso Alpino Calabria. L’uomo sta bane e al momento del ritrovamento ha anche risposto alle domande dei soccorritori che dopo averlo raggiunto gli hanno prestato le prime cure. L’anziano è stato notato in fondo ad una scarpata in una zona impervia a monte della Statale 280 e della galleria Sansinato, area nella quale da ieri si erano concentrate le ricerche.

Continua a leggere

Di tendenza