Molte regioni gialle, lunedì mezza Italia riapre. La Calabria? Dovrà ancora aspettare - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Molte regioni gialle, lunedì mezza Italia riapre. La Calabria? Dovrà ancora aspettare

Molte le regioni che da lunedì potranno tornare in zona gialla e “sfruttare” le prime riaperture. La Calabria con molta probabilità dovrà ancora attendere

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Lunedì è il giorno tanto atteso per le prime riaperture in Italia. Ritornano le zone gialle (seppur “rafforzate”) e con esse molte delle prime riaperture previste, le scuola superiori in presenza almeno al 60%, i ristoranti aperti anche la sera all’aperto, il ‘certificato verde’ che consentirà di spostarsi anche tra le zone rosse e arancioni, il via libera a teatri, cinema, sale da concerto e musei e con ancora l’incognita sul coprifuoco che per ora resta alle 22 mentre si discute ancora se posticiparlo alle 23 come richiesto dalle Regioni.

Regioni “ristoranti al chiuso, palestre e piscine già da lunedì”

“Consentire, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, i servizi di ristorazione sia al chiuso che all’aperto, senza distinzione di trattamento in base agli orari di somministrazione, la proroga del coprifuoco dalle 22 alle 23, la ripresa delle attività individuali in palestra al chiuso e in piscine all’aperto, già a partire dal 26 aprile“. Sono queste – a quanto si apprende- le ulteriori osservazioni e modifiche alla bozza del decreto-legge che dovrà essere varato e che, a seguito delle interlocuzioni con il Governo, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha trasmesso ai ministri Gelmini e Speranza, nel pomeriggio di oggi. I governatori chiedono anche “la riapertura del settori wedding e l’avvio anticipato, rispetto a quanto disposto in bozza, dei mercati, l’uniformazione delle date di riapertura degli spettacoli all’aperto e degli eventi sportivi all’aperto”

Sicure 13 regioni, Calabria ancora in attesa

Mezza Italia spera venerdì, giorno del consueto monitoraggio settimanale della cabina di Regia, di conquistarsi la fascia di minor rischio e quindi saltare sul treno delle annunciate riaperture. In attesa dei dati di oggi e di domani, che saranno analizzati insieme a quelli del resto della settimana dalla cabina di regia ministero della Salute-Iss-Regioni, sarebbero 13 le Regioni che possono aspirare alla zona gialla. Si tratta di Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Veneto e le Province autonome di Trento e di Bolzano. Tutte avevano già  venerdì scorso l’indice Rt sotto 1 e un’incidenza lontana dalla soglia di rischio di 250 casi settimanali per centomila abitanti, e in questi giorni sono in ulteriore calo, pur differenziato.

Dati ancora da zona arancione

Con molta probabilità resteranno in arancione ancora Calabria, Sicilia, Basilicata e Molise, tutte con incidenza in salita ma, come nel caso della Calabria, il superamento della soglia critica dei posti letto occupati in area medica (circa il 50%), mentre quella delle terapie intensive era al limite la scorsa settimana con il dato che sembra rimasto invariato anche a causa dell’elevato numero di decessi, molti dei quali avvengono proprio nelle rianimazioni. Rispetto a scorsa settimana il trend dei nuovi casi è rimasto sostanzialmente invariato. Venerdì scorso, con i dati riferiti alla settimana dal 5/4/2021 all’11/4 la Calabria era l’unica regione a rischio alto, la percentuale tra positivi e tamponi processati era al 13.5%, e ha rappresentato il dato più alto di tutta Italia, e sono state rilevate 2 allerte di resilienza nelle strutture ospedaliere con l’incidenza salita a 129.19 per 100mila abitanti. Unico dato positivo l’indice Rt sceso 0.9.

Ma c0è chi sta peggio della Calabria. È il caso delle Valle d’Aosta (che ha ancora oggi un’incidenza di 266 casi per centomila) e della Sardegna, che la scorsa settimana aveva un Rt molto alto (1,38, quando il limite per passare in rosso e’ 1,25) e che dovrebbero rimanere ancora in rosso.  Spera di lasciare il rosso invece la Puglia, ma per finire in arancione: l’incidenza è ancora alta (239 casi per centomila), anche se l’Rt la scorsa settimana era sotto 1 e i casi sono in calo del 7% in 7 giorni. Oscilla tra arancione e rosso la Campania, che aveva un Rt intorno a 1 ed è cresciuta ulteriormente questa settimana (+8% di casi positivi) arrivando a un’incidenza di 235 casi per centomila.

Riaperture graduali da lunedì

La bozza del decreto legge che arriva sul tavolo del Consiglio dei ministri conferma sostanzialmente quanto annunciato dal presidente del Consiglio Mario Draghi nella conferenza stampa di venerdì scorso e sarà in vigore fino al 31 luglio, quando scadrà anche lo stato d’emergenza, prorogato dunque per 3 mesi. Il testo, se non cambierà nelle prossime ore, è un compromesso tra le diverse posizioni delle maggioranza, con il centrodestra e la Lega in particolare che continuano a chiedere maggiori aperture da subito e il posticipo del coprifuoco almeno alle 23, e l’ala più prudente del governo, con il ministro della Salute Roberto Speranza che anche oggi ha sottolineato come il decreto rappresenti un “primo messaggio di fiducia al Paese” che però richiede massima “prudenza, per non vanificare gli sforzi fatti finora”. Ed è un compromesso anche tra le Regioni e il governo, soprattutto sulla scuola. Non ci sarà, infatti, il ritorno in presenza da lunedì per tutti gli studenti delle superiori. Una soluzione “tecnicamente impraticabile” secondo i presidenti per due motivi: la capienza dei traporti pubblici ridotta al 50% per le normative anticovid e i limiti strutturali delle scuole italiane, che non consentono di rispettare le restrizioni con la presenza di tutti gli studenti. Nella bozza il governo prevede dunque dal 26 il ritorno in classe almeno al 50% per gli studenti delle superiori nelle zone rose e almeno al 60% e fino al 100% in quelle arancioni e gialle.

SPOSTAMENTI

Da lunedì tornano invece gli spostamenti tra le regioni gialle (e bianche, quando ci saranno), sospesi ormai da quasi 5 mesi. Si potrà andare da un territorio all’altro o muoversi in ambito regionale ma fino al 15 giugno sarà consentito un solo spostamento al giorno per andare a trovare amici o parenti tra le 5 e le 22, in massimo 4 persone oltre ai minorenni su cui si esercita la potestà genitoriale. In zona arancione, invece, si potrà farlo solo in ambito comunale.

CERTIFICATO VERDE

Ma il decreto prevede anche la possibilità di entrare e uscire anche dalle zone arancioni o rosse. Bisognerà avere la ‘certificazione verde’: un documento che potrà essere cartaceo o digitale e sarà valido per sei mesi per coloro che sono vaccinati o che sono guariti dal Covid mentre avrà una durata di 48 ore per chi ha un tampone con esito negativo. A rilasciarlo potranno essere le strutture che effettuano le somministrazioni, gli ospedali in cui si è stati ricoverati per il virus o il medico di base, i centri e le farmacie autorizzati per i test.

CHI LO FALSIFICA RISHIA L’ARRESTO

A proposito di spostamenti. Chi falsifica il certificato verde per gli spostamenti rischia anche il carcere. E’ quanto prevede la bozza del decreto legge con le nuove misure. In particolare, al comma 2 dell’articolo 13 si prevede che per tutti i reati di falso che hanno ad oggetto la certificazione verde Covid-19, le pene previste dagli articoli 476, 477, 479, 480, 481, 482, 489 del codice penale, anche se relativi ai documenti informatici di cui all’articolo 491 bis, sono aumentate di un terzo.

A CENA FUORI ALL’APERTO, DAL 1/6 ANCHE AL CHIUSO

Da lunedì si potrà anche tornare a fare qualcosa che manca da mesi: cenare fuori al ristorante. Almeno nelle regioni gialle e “con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto”. Chi non ha spazi all’esterno dovrà attendere fino al 1 giugno, una decisione contro la quale si sono già schierati oltre la Lega anche i manifestanti di ‘IoApro’: “il 26 apriremo comunque, senza rispettare coprifuoco ne pass” dicono.

TORNANO CINEMA, TEATRI E SPETTACOLI LIVE

Al chiuso si potrà invece andare al cinema o assistere a spettacoli “in teatri, sale concerto, live club e altri locali” sulla base dei protocolli approvati dal Cts: prenotazione obbligatoria, un metro tra le persone, massimo 500 persone al chiuso e mille all’aperto. Per alcuni eventi potranno essere riservati solo a chi avrà il certificato verde.

A GIUGNO ANCHE ALLO STADI

Il cronoprogramma definito dal decreto, sempre se confermato dal Cdm, prevede poi il 15 maggio l’apertura delle piscine all’aperto, dei mercati e dei centri commerciali, anche nei giorni festivi e prefestivi; dall’1 giugno quello delle palestre e anche degli stadi e dei palazzetti, con una capienza non superiore al 25% e comunque non oltre i mille all’aperto e 500 al chiuso; dal 1 luglio delle fiere, dei congressi, dei centri termali e dei parchi a tema.

CONTROLLI NELLE ZONE DELLA MOVID

Tutte misure che saranno accompagnate da un rafforzamento dei controlli, come ha confermato il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. “Saremo particolarmente rigidi, non possiamo rischiare di buttare a mare quello che abbiamo fatto fino ad ora”

 

 

 

 

Calabria

Minivan precipita in una scarpata, feriti 6 operai e tecnici. Due sono calabresi

Il pick up avrebbe affrontato una salita ripida perdendo poi aderenza dopo una frenata a causa della presenza del fango

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

AREZZO – Dovevano effettuare un sopralluogo al cantiere, sono precipitati con un minivan in una scarpata alta circa sei metri. L’incidente è accaduto a Rofelle, nel comune di Badia Tedalda in provincia di Arezza, in una zona impervia. Sei le persone – cinque quelle a bordo del veicolo, una era sulla strada ed è caduta per prestare soccorso – portate poi in ospedale: si tratta di quattro operai e di due “visitatori speciali”, ovvero tecnici, di un metanodotto in costruzione al confine tra Toscana e Emilia Romagna. Quattro dei feriti sono stati portati in ospedale in codice rosso. Gli operai, secondo quanto spiegato dai carabinieri, lavorano per conto della ditta Salps di Udine che ha in appalto il tratto di metanodotto che la Snam sta realizzando tra le province di Arezzo e Rimini: l’impianto collega quest’ultima città a Sansepolcro per un totale di 74 chilometri e il cantiere a cui i feriti lavorano è al valico di Viamaggio, nel comune di Badia Tedalda. Per due dei feriti non è stata fornita età e residenza, gli altri hanno tra i 29 e i 51 anni; due, originari della Calabria, sono residenti a Livorno, un altro è palermitano, un egiziano 36enne, che vive a Badia Tedalda, il conducente del minivan.

Secondo quanto ricostruito dai militari della compagnia di Sansepolcro, intervenuti insieme ai sanitari e ai vigili del fuoco che hanno operato con ambulanze e pompieri inviati anche dall’Emilia Romagna, il pick up con a bordo tre operai e i due tecnici che dovevano visionare i lavori al metanodotto, mentre procedeva lungo una stretta strada sterrata che conduce al cantiere, avrebbe affrontato una salita ripida perdendo poi aderenza dopo una frenata a causa della presenza del fango poco prima di una curva. Il mezzo avrebbe quindi proceduto all’indietro per circa 27 metri prima di precipitare nella scarpata e finire sul greto di un torrente, ai piedi di una cascata. La dinamica esatta è tuttavia ancora in corso di valutazione. Un altro operaio, che si trovava sulla strada, ha assistito alla scena, si è subito calato per prestare soccorso, ma è scivolato, ferendosi a sua volta. Operai e tecnici sono stati subito soccorsi e trasportati in vari ospedali. I quattro più gravi, con l’elicottero dei vigili del fuoco e con quello del 118, sono stati trasferiti due all’ospedale di Siena, in prognosi riservata, gli altri due al San Donato di Arezzo, in codice rosso, con politraumi. Una quinta persona è stato portata all’ospedale di Sansepolcro, con lesioni minori mentre per un sesto ferito, dopo le prime cure, non è stato necessario il ricovero. I primi soccorritori arrivati sul posto sono stati i vigili del fuoco calati dall’elicottero Drago di Arezzo che hanno provveduto prima a creare una zona di sicurezza per il mezzo, rimasto in bilico, poi a estrarre una persona e prestare i primi aiuti agli altri feriti, successivamente imbracati e trasportati con il verricello sull’elicottero per poi essere affidati al 118.

Continua a leggere

Calabria

“In Calabria le infiltrazioni nella sanità ci sono. Aziende falcidiate dalle inchieste”

Il commissario alla sanità della Calabria Guido Longo sentito in Commissione antimafia sulla presenza della ‘ndrangheta nella sanità calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – “Non da adesso ma da parecchi anni nella sanità calabrese è stata presente e per certi versi lo è ancora e lo dimostrano le indagini delle Dda di Reggio Calabria e Catanzaro sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta. E non si può parlare di casi eccezionali“. Lo ha detto il commissario alla sanità della Calabria Guido Longo sentito in Commissione antimafia sulla presenza della ‘ndrangheta nella sanità calabrese. “Mi stupisce e mi rincresce che si risponda in questo modo quando la Commissione antimafia chiede dei dati e forse si sconosce la normativa che rende la risposta obbligatoria” ha aggiunto Longo riferendosi a quanto detto in apertura dal presidente della Commissione Nicola Morra che alcune Aziende calabresi non hanno risposto al quesito inviato il 9 aprile scorso dalla commissione mirante a sapere di eventuali infiltrazioni delle cosche nel settore delle vaccinazioni. Nel caso dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, ha detto Morra, il dirigente ha opposto un “diniego reciso” motivandolo con motivi di privacy.

Aziende falcidiate dalle inchieste giudiziarie

“Da quando sono arrivato a Catanzaro, il primo dicembre 2020, ho assistito a depauperamenti forzati delle Aziende causate da provvedimenti dell’autorità giudiziaria. Abbiamo l’Asp di Cosenza falcidiata da una recentissima inchiesta della procura di Cosenza che ha estromesso ex dirigenti, ex dg e anche del personale amministrativo. L’indagine ha riguardato soltanto una falsità di bilanci ed una gestione assolutamente falsata da risultanze iscritte a bilancio inesistenti” ha detto il commissario alla salute della Calabria Guido Longo aggiungendo che “sarà difficile a meno di miracoli tanto che ho chiesto una proroga al tavolo del Mef per presentazione i bilanci 2018, ’19 e ’20 e non so se me la daranno altrimenti andrebbe a decadenza l’attuale commissario che non ha obiettivamente responsabilità. Per non dire dell’Asp di Reggio, sciolta per mafia. Dopo l’11 marzo, dalla nomina fatta da me del commissario per la scadenza della terna commissariale, c’è stata un’operazione con l’arresto di medici e dirigenti perché responsabili di essere intranei alla cosca Piromalli, che non è cosa da poco. Uno di questi dirigenti era proprio colui che aveva il compito di valutare il fabbisogno sanitario della provincia di Reggio ai fini della fissazione dei budget”. “Con i sub commissari – ha aggiunto – stiamo cercando di realizzare piano operativo nuovo che sostituisca il precedente. Stiamo anche valutando di fare controlli più serrati alle aziende. Con commissari straordinari abbiamo incontri 3-4 volte”.

Continua a leggere

Calabria

Ponte sullo Stretto, Spirlì “va fatto, non serve un referendum”. Vono “occasione storica”

Presentazione del Patto per il Ponte. Spirlì “Eviterei anche di perdere tempo attorno alla questione delle campate: il progetto c’è, esiste, è approvato e cantierato”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Quello che è urgente e necessario nasce da sé, senza bisogno di essere spinto da partigianerie“. Lo ha detto in occasione della presentazione del Patto per il Ponte, il governatore della Calabria, Antoni Spirlì a chi gli domandava se non fosse il caso di indire un referendum consultivo sul ponte sullo Stretto. “Dobbiamo de-provincializzare questo progetto, che deve essere naturalmente considerato un progetto europeo: se volessimo pensare ad un referendum dovremmo fare un referendum europeo” ha detto Spirlì che taglia corto: “questo è’ il tempo delle poche chiacchiere e dei grandi fatti. Eviterei anche di perdere tempo attorno alla questione delle campate: il progetto c’è, esiste, è approvato e cantierato. C’è solo da giare di nuovo la chiave. Magari va rivisto e risistemato, va giusto fatto un controllo, e dopo si parta con qualcosa che però abbiamo già in mano”.

Vono “serve solo il via libera del Governo”

“Il Patto del Ponte è al centro di un progetto più ampio per un sud protagonista che vuole agganciarsi allo sviluppo dell’Italia e dell’Europa nella fase post pandemica. Siamo di fronte ad un passaggio epocale e non possiamo perdere questa occasione storica per rilanciare il mezzogiorno creando migliaia di posti lavoro assicurando un riscatto morale e sociale per i nostri giovani”. Così la senatrice di Italia Viva Silvia Vono, vice presidente della Commissione Trasporti di palazzo Madama e coordinatore dell’ Intergruppo parlamentare per la realizzazione del Ponte sullo Stretto, in occasione della presentazione della Conferenza stampa sul “Patto per il Ponte”. “Abbiamo un progetto non cantierabile ma già cantierato al quale dobbiamo assicurare di poter posare la prima pietra entro la fine della legislatura. Tutti pareri tecnici sono favorevoli, siamo ad un passo, serve ‘solo’ il via libera del Governo” insiste la senatrice che ricorda :”abbiamo preso atto della relazione del Gruppo di Lavoro, che arriva con quasi un anno di ritardo, casualmente dopo la presentazione del PNRR all’Europa. Quest’opera è importante, fondamentale: lo dice la politica ma lo dicono anche i tecnici. Perciò si proceda in tempi brevissimi, e lo chiederemo al presidente Draghi”.

Continua a leggere

Di tendenza