Devastano una collina per costruire villette abusive, due denunce

La guardia di finanza e i carabinieri forestali hanno bloccato i lavori. Due persone sono state denunciate ed è stato anche scoperto un lavoratore in nero che percepiva il reddito di cittadinanza

 

CROTONE – Un fondo agricolo di 1.500 metri quadri è stato posto sotto sequestro insieme a due automezzi pesanti ed un escavatore. I finanzieri insieme ai carabinieri forestali sono intervenuti in un fondo agricolo nel territorio comunale di Crotone dove, in spregio a qualunque provvedimento autorizzativo stava avvenendo uno scempio ai danni dell’ambiente, al fine di realizzare un esteso abuso edilizio.

Individuata l’area dei lavori sospetti, finanzieri e carabinieri sono intervenuti bloccando i lavori di escavazione terra in corso. Due i soggetti denunciati ritenuti responsabili della realizzazione delle opere abusive i quali avevano realizzato sbancamenti su di un’area di circa 1.500mq  nel Comune di Crotone, per un’altezza di circa 3 metri, ammassando 700 metri cubi di terra all’interno del sito stesso.

Dalle indagini emerge che i lavori erano finalizzati alla successiva realizzazione di villette, nonostante la caratterizzazione agricola del fondo e in totale assenza di titoli autorizzativi. I militari hanno proceduto al sequestro dell’intera area di due automezzi pesanti da carico e dell’escavatore utilizzato per l’esecuzione dei lavori. A carico del proprietario del terreno e del rappresentante legale dell’azienda proprietaria dei mezzi è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Crotone, per violazione delle prescrizioni autorizzative in materia edilizia. Un lavoratore è stato anche sorpreso sul posto al momento dell’intervento è risultato essere in nero e beneficiario di reddito di cittadinanza.