Covid: dal 15 si torna a sciare anche in Sila, ma il turismo è in ginocchio

Da lunedì anche in Sila via libera agli impianti da sci, in un anno drammatico per il turismo. Commercianti, albergatori e operatori turistici divisi tra la voglia di normalità e la preoccupazione che nulla sarà più come prima. E quando tutto sarà finito, occorrerà ripensare e rimodulare il concetto di turismo montano, per dare nuovo slancio ad un territorio dalle bellezze uniche, ma praticamente mai valorizzato.

COSENZA – Pochi giorni fa il via libera del CTS alla riapertura degli impianti di sci il 15 febbraio, esclusivamente nelle zone gialle con il contingentamento degli accessi alle piste e agli impianti ritenuto “necessario”. Un provvedimento atteso, che non riguarda solo le rinomante piste alpine, ma interessa anche la “piccola” Calabria, dove gli effetti della pandemia hanno messo in ginocchio il turismo montano. Il ritorno alla zona gialla e il via libera agli impianti di risalita in quest’ultima parte dell’inverno (sempre se si riuscirà a riorganizzare il tutto), sono una boccata d’ossigeno, ma è evidente che la riapertura non contribuirà a salvare una “stagione drammatica”, con perdite anche dell’80/90% del fatturato per quanto riguarda principalmente gli alberghi, rimasti chiusi dalla scorsa estate e fino al 50-60% per ristoratori e commercianti. Per non parlare dell’indotto e di quelle piccole aziende che sopravvivono solo grazie al turismo. Una crisi acuita dal divieto di spostamento tra le regioni, con effetti devastanti per l’intero comparto turistico-ricettivo. Tanto nel periodo autunnale, quando a farla da padrona sono le sagre, quanto alle festività natalizie e ai mesi invernali, oltre l’80% delle presenze nei territori montani è rappresentato dal turismo extra-regionale, letteralmente scomparso a causa dei divieti imposti dalla pandemia.

Commercianti, albergatori, ristoratori e operatori turistici sono divisi tra la voglia di normalità e la preoccupazione che nulla sarà più come prima. Proprio le incognite su una possibile proroga al divieto di spostamenti tra regioni, che potrebbe impedire l’arrivo dei turisti da fuori regione, lasciano tutto in sospeso mentre le località che attendono anche di conoscere nel dettaglio i protocolli per la ripartenza. Anche perché  si rischia di viaggiare nuovamente “a corrente alternata” se si passasse nuovamente da zona gialla ad arancione e viceversa. Una preoccupazione forte per tutti. Occorre erogare con rapidità ristori e compensazioni, che siano proporzionali alle perdite subite. Liquidità immediata per dare ossigeno al comparto che ha finora perso il 90% dei flussi e in alcuni casi il 95% del fatturato rispetto a due stagioni invernali fa, visto che già la stagione scorsa era stata compromessa, nella sua coda, dalla pandemia e dal lockdown.

Ma per la Sila è soprattutto necessario avere certezze sulle strategie per la ripartenza, mettendo in pratica quel “famoso” piano di riqualificazione atteso da decenni per diversificare e rilanciare definitivamente il turismo di tutto il comprensorio montano, che può rappresentare davvero la locomotiva dell’intera Regione. Quando tutto questo sarà finito, per la Sila potrebbe passare davvero l’ultimo treno.

- Pubblicità Sky-

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Categorie

  • Ultimi Articoli in ⟶
  • video

Correlati

Chi si rivede! Dal 25 aprile torna l’Anticiclone africano. Ultime 24...

COSENZA - Anticiclone africano: imminente il suo ritorno sulla Calabria. Mentre in pianura si susseguono rovesci e acquazzoni, sulle vette più alte di Sila...

Medicina, Veterinaria e Odontoiatria: finisce l’era del numero chiuso. Iscrizione al...

ROMA - "Esrpimo molta soddisfazione per l’adozione, da parte del comitato ristretto, del testo base che verrà ora esaminato in commissione Istruzione al Senato". Così...

Cosenza, segnalati tentativi di truffa con l’SMS: “mamma ho rotto il...

COSENZA - "Ciao mamma! Il mio telefono è rotto. Questo è il mio nuovo numero di cellulare, mandami un messaggio su Whatsapp! Grazie mille‘....

Redditi 2023: Portofino è il comune più ricco d’Italia. In Calabria,...

COSENZA - Portofino, in provincia di Genova, è il comune italiano più ricco del territorio. Lo si apprende dai dati sui redditi italiani, dichiarati...

Piero Fassino denunciato per il tentato furto di un profumo da...

ROMA - Piero Fassino è stato denunciato per il tentato furto di un profumo da 100 euro all'interno dell'area duty free dell'aeroporto di Fiumicino...

Processo “Overture”: estorsioni, intimidazioni e spaccio a Cosenza: 22 condanne e...

COSENZA - Sentenza di primo grado del processo Overture. Il tribunale di Cosenza, in composizione collegiale, ha emesso la sentenza di primo grado sul...