I Vescovi calabresi "la vigilia di Natale sarà celebrata una sola messa vespertina" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

I Vescovi calabresi “la vigilia di Natale sarà celebrata una sola messa vespertina”

Avatar

Pubblicato

il

Il messaggio dei vescovi calabresi ai presbiteri ed ai fedeli “la vigilia di Natale sarà celebrata solo la messa Vespertina”. E l’orario d’inizio può variare tra le 17 e le 20
.

COSENZA –  Gli arcivescovi e vescovi della Calabria, in un messaggio rivolto ai presbiteri ed ai fedeli, hanno comunicato che il 24 dicembre sarà celebrata solo la “Messa vespertina (comunemente chiamata “prefestiva”), nella vigilia”. “L’orario di inizio – sottolineano i prelati – può variare in considerazione di realtà locali e secondo le varie esigenze, ma quello tra le 17 e le 20 sembra il più conveniente“. La Messa vespertina fu introdotta dal Pontefice Pio XII attraverso due decreti: La Costituzione Christus Dominus nel 1953 e il Motu porprio Sacram Communionem nel 1957. Nel 1972, i Vescovi italiani, durante il pontificato di Paolo VI, stabilirono che si potesse anticipare la Messa domenicale e festiva al giorno precedente.

Nell’attuale condizione pandemica, come previsto dall’ultimo Dpcm che ha stabilito il “coprifuoco” alle 22.00, la Messa della notte, infatti, non può essere celebrata per il rispetto delle norme anticovid. Secondo quanto evidenziano i vescovi, tuttavia, è possibile comunque rientrare in questa logica seguendo e le indicazioni liturgiche. Nel contesto dell’attesa della celebrazione del Natale i vescovi avvertono, si legge nel messaggio “la responsabilità di continuare a mantenere vivo il senso autentico dello spirito cristiano. Lo facciamo senza sottrarci alle leggi civili che, in questo contesto pandemico, sono state previste per il bene della collettività. Ma siamo anche ben convinti, che l’obbedienza alle leggi dello Stato, come buoni cittadini, possa essere inglobata all’osservanza delle norme liturgiche che, provenienti dalla sapienza e dalla tradizione della Chiesa, ci permettono di viverne pienamente lo spirito”. I prelati approfondiscono la liturgia natalizia nella storia cristiana, sottolineando che “la Chiesa, come madre e maestra, per aiutare i fedeli ad entrare meglio nel mistero della nascita di Gesù, nella solennità del Natale ha quattro formulari per la Celebrazione Eucaristica, Messa vespertina nella vigilia, Messa nella notte, Messa dell’aurora e Messa del giorno, e che niente vieta che queste ultime tre possano essere riunite in un’unica celebrazione nel giorno di Natale”.

“Le prossime festività natalizie ci trovano ancora coinvolti in una situazione sanitaria preoccupante e seria – aggiungono –  e la pandemia, in corso ormai da mesi, ha attraversato quest’anno che volge al termine, scombinando abitudini e mettendo in discussione convinzioni che sembravano ormai radicate in ciascuno, sia livello sociale sia a livello ecclesiale. Il Natale è stato “considerato strettamente legato alla Pasqua”, – scrive ancora la Conferenza episcopale calabra – “quasi una sua anticipazione, il suo punto di partenza” e “proprio a partire dalla venuta di Cristo, questo tempo si trasforma in un kairòs, cioè in una speciale grazia“. I vescovi rammentano che “la Messa nella notte, non può essere celebrata per il rispetto delle norme rituali“. Una condizione che però, specificano i vescovi calabresi, non è avvertita “né come limitazione né come mortificazione di una consuetudine vissuta da sempre e ben radicata: purtroppo la fase pandemica ci sta portando a seguire scelte alternative, con un potenziale di flessibilità che non dispiace ad una capacità di adattamento a situazioni nuove e impreviste. La liturgia ci permette, però, di vivere la solennità di Natale anche nella Messa vespertina nella vigilia. A conferire un tono consono alla solennità, la celebrazione può essere preceduta da un’introduzione comunitaria di preghiera, come, ad esempio, la celebrazione dei Primi Vespri o il canto dell’antica Kalenda del Martirologio”.

“Il contenimento negli orari scelti potrebbe rendere anche possibile di partecipare, mediante i mezzi di comunicazione, – sottolineano i vescovi – alle celebrazioni presiedute da Papa Francesco nella Basilica Vaticana, per vivere in comunione di spirito e preghiera con Lui”. I vescovi invitano anche a momenti di preghiera in famiglia, magari davanti al tradizionale presepe o davanti all’albero di Natale, “un simbolo fortemente evocativo, assai diffuso negli ambienti cristiani; evoca sia l’albero della vita piantato al centro dell’Eden, sia l’albero della croce, ed assume quindi un significato cristologico: Cristo è il vero albero della vita, nato dalla nostra stirpe, dalla vergine terra santa Maria, albero sempre verde, fecondo di frutti. Tra i doni posti sotto l’albero di Natale non dovrà mancare il dono per i poveri: essi fanno parte di ogni famiglia cristiana“.

Calabria

Occhiuto “norme e paletti sull’assunzione degli specializzandi lasciano poco margine”

La replica di Occhiuto a Anaao Assomed “assumere gli specializzandi non è bere un bicchier d’acqua come qualche sindacalista vorrebbe far credere”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Continua a far discutere (tra favorevoli e contrari) l’accordo siglato dal Governatore e commissario della sanità in Calabria Roberto Occhiuto sul reclutamento 500 medici cubani. Scelta duramente contestata dalle associazioni dei Medici Anaao Assomed che ha parlato di scelta sconcertante e “fantasia creativa delle Regioni che si illudono di trovare soluzione a problemi strutturali attraverso provvedimenti estemporanei, dal vago sapore elettorale. L’associazione ha criticato soprattutto il fatto che 500 medici specializzandi, con un know-how di conoscenze già integrate nel SSN, sarebbero ben lieti di lavorare stabilmente in Calabria coronando il loro cammino professionale e assicurando una boccata d’ossigeno al sovraccarico di lavoro dei medici calabresi e ponendo fine a situazioni vergognose.

Nel pomeriggio è arrivata la replica di Occhiuto che difende la scelta evidenziando le grandi difficoltà burocratiche che ci sono in Italia .

“Secondo Anaao Assomed e Anaao Giovani in Calabria ci sono ‘oltre 500 medici specializzandi, con un know-how di conoscenze già integrate nel Ssn, che sarebbero ben lieti di lavorare stabilmente’. Ma purtroppo  – spiega Occhiuto – questi giovani non possono essere tutti assunti dalle strutture del sistema sanitario regionale. La nostra Regione, nei mesi scorsi, grazie ad accordi specifici con le Università di Catanzaro, di Messina e di Roma Tor Vergata, ha assunto decine di medici specializzandi del terzo, quarto e quinto anno, ma le maglie abbastanza strette della legislazione vigente non ci permettono di sopperire solo con questi innesti alla carenza di personale dei nostri ospedali. E non è vero che i 500 medici di cui parlano Anaao Assomed e Anaao Giovani sono tutti assumibili, anzi è esattamente il contrario: solo pochi di loro possono essere reclutati”.

“Il decreto Calabria (art. 1, c. 547 ess., I. 145/2018) – spiega ancora Occhiuto -, infatti, ci dà l’opportunità di coinvolgere i nostri giovani, ma il successivo accordo quadro, emanato con D.I. n. 1276 del 10.12.2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 20.04.2022, disegna la cornice all’interno della quale le Regioni possono operare. In particolare gli specializzandi possono essere assunti a partire dal terzo anno solo ed esclusivamente nei presidi sanitari che risultano accreditati come strutture formative collegate per le diverse Scuole di Specializzazione. A tal proposito è necessario che queste strutture posseggano definiti volumi assistenziali. Il collegamento di una Scuola di Specializzazione con le strutture ospedaliere si basa su precisi criteri stabiliti dal DI 402/2017 ed è una scelta delle singole Scuole di Specializzazione. Proprio per questo motivo solo alcune delle strutture del sistema sanitario regionale possono fare parte della rete formativa. E solo queste possono assumere i medici in formazione con contratto a tempo determinato e per un monte orario ridotto (per tanti ospedali è, dunque, impossibile accedere a queste opportunità)”.

“Infine – ma forse è l’aspetto più importante – bisogna rispettare il vincolo disciplinare d’interesse: ad esempio, chi è iscritto alla scuola di igiene deve essere assunto da un Dipartimento di prevenzione, non può trovare impiego nei pronto soccorso o in altri reparti, chi è iscritto alla scuola di cardiologia può lavorare solo in un reparto di cardiologia, e così via. Da come scrive Anaao sembrerebbe, invece, che in Calabria sia presente una flotta di specializzandi da poter assumere nell’immediato e da mandare in qualsiasi reparto di qualunque presidio ospedaliero. Non è così. Insomma, assumere gli specializzandi non è bere un bicchier d’acqua come qualche sindacalista vorrebbe far credere. Ed è anche per questo che abbiamo deciso di firmare l’Accordo di cooperazione con i medici cubani. Ovviamente si tratta di un’intesa emergenziale, e ci auguriamo che il prossimo governo possa intervenire celermente per semplificare il quadro normativo e permetterci nuove e cospicue assunzioni. La Calabria, in questo momento, non ha un problema di deficit, potrebbe assumere subito fino a 2mila medici, ma ha le mani legate”.

Continua a leggere

Calabria

L’allarme – FenealUil Calabria “La salute dei ponti e viadotti non ci lascia tranquilli”

“chiediamo l’avvio di una seria campagna di ripristino e manutenzione di queste opere pubbliche che sembrano cadute nel dimenticatoio”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Lo stato di salute dei nostri ponti e dei nostri viadotti non ci lascia tranquilli. Anni di mancata o scarsa manutenzione hanno finito per indebolire strutturalmente queste importanti opere viarie, spesso unico punto di collegamento e passaggio obbligato per i residenti delle aree interne della nostra regione. Da tempo stiamo segnalando questa problematica, da sempre chiediamo l’avvio di una seria campagna di ripristino e manutenzione di queste opere pubbliche che sembrano cadute nel dimenticatoio di una classe dirigente troppo spesso in altre faccende affaccendata”. È quanto afferma in una nota Maria Elena Senese Segretario generale FenealUil Calabria

“E’ necessario, infatti, procedere all’avvio di una seria campagna di manutenzione, ordinaria e straordinaria di ponti e viadotti che, purtroppo, stanno mettendo in risalto i danni i un tempo troppo lungo di incuranza e indifferenza e riduca i rischi per gli automobilisti e ripristini un normale stato di sicurezza infrastrutturale. Alla Regione Calabria – prosegue la Senese – , poi, chiediamo di farsi interlocutrice pressante nei confronti di tutti quegli enti che avrebbero dovuto avere a cuore la manutenzione di queste infrastrutture viarie. Ai vertici della Cittadella regionale, ancora, chiediamo che fine abbia fatto il censimento di queste opere infrastrutturali che, dopo un primo clamore mediatico, pare essere sparito nei cassetti di una burocrazia distratta e insipiente. In Calabria è tempo di fare e non di annunciare. La nostra regione non può attendere, non può finire ingabbiata in una campagna elettorale senza fine, i calabresi pretendono che i loro problemi, dalla manutenzione delle infrastrutture viarie all’erogazione di qualsiasi tipo di servizio, vengano affrontati e risolti”.

Continua a leggere

Calabria

Altro sbarco di migranti in Calabria: in 28, tutti provenienti dal Bangladesh

Con quello di oggi pomeriggio è salito a 40 il numero degli sbarchi che finora si sono verificati nella sola striscia di costa della Locride nel 2022

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROCCELLA JONICA – Altro sbarco di migranti nel porto di Roccella Jonica. Dopo l’arrivo di martedì scorso di 244 profughi tra cittadini egiziani e siriani e tutti maschi, oggi, a seguito di un’operazione di soccorso in mare compiuta dai militari della Guardia Costiera di Roccella diretta dal tenente di vascello Tommaso D’Arpino, sono giunti 28 migranti, tra cui una donna, tutti provenienti dal Bangladesh.

Prima di essere trasferiti, per motivi di sicurezza viste le condizioni non buone del mare, sulla motovedetta della Guardia costiera, i migranti si trovavano a circa 10 miglia di distanza dalla costa calabrese, al largo di Capo Spartivento, a bordo di una piccola barca alla deriva partita circa 6 giorni fa dalle coste della Libia. Al porto roccellese, su una delle banchine più grandi dello scalo, i 28 profughi, poco dopo lo sbarco, sono stati sottoposti al test del tampone molecolare anticovid e successivamente e temporaneamente sistemati in una tensostruttura gestita dai volontari della Croce Rossa e della Protezione civile.

Con quello di oggi pomeriggio è salito a 40 il numero degli sbarchi che finora si sono verificati nella sola striscia di costa della Locride nel 2022. Dei 40 sbarchi con oltre 8mila arrivi, 33 si sono verificati nel solo porto di Roccella.

Continua a leggere

Di tendenza