Riaprire subito i 18 ospedali chiusi in Calabria. Tutti i sindaci si incontrano domani

Nuove iniziative sulla riapertura dei 18 ospedali delle province calabresi. Incontro domani a Cosenza dei 18 sindaci dei comuni interessati che chiedono la re-immissione nella rete ospedaliera regionale. All’incontro parteciperà in video conferenza anche Antonio Belcastro, delegato  per l’emergenza Covid-19.

.

COSENZA – Continuare a rafforzarsi l’azione di protesta e di proposta istituzionale, in tutte le sedi competenti e rispetto ai soggetti preposti, a sostegno della urgente re-immissione nella rete ospedaliera regionale dei presidi ingiustamente chiusi a seguito del fallito piano di rientro sanitario del 2010 o non al meglio utilizzati come quelli di area disagiata. Per condividere iniziative ulteriori e più forti. E per proseguire sulla strada proficuamente intrapresa con la manifestazione a Roma del 19 novembre scorso. È con questi obiettivi che i 18 sindaci delle città già sedi di ospedali (Rogliano, San Giovanni in Fiore, Acri, Mormanno, Trebisacce, Praia a Mare, Lungro, Soveria Mannelli, Serra San Bruno, Scilla, Oppido Mamertina, Palmi, Taurianova, Siderno, Chiaravalle, Soriano e San Marco Argentano e Cariati) si incontreranno domani, martedì 1 dicembre, a Cosenza nel Salone degli Specchi del Palazzo del Governo Provinciale.

All’incontro parteciperà in video conferenza anche Antonio Belcastro, delegato della Regione Calabria per l’emergenza Covid-19. A darne notizia sono congiuntamente i sindaci di Cariati Filomena Greco e di Acri Pino Capalbo che nei giorni scorsi hanno promosso l’iniziativa che fa seguito e rilancia le manifestazioni svoltesi nelle scorse settimane nella Capitale insieme all’ANCI Calabria e che – scandiscono Greco e Capalbo – rappresentano ormai un punto di non ritorno nella consapevolezza e mobilitazione coesa di tutti i comuni calabresi per la garanzia del fondamentale diritto alla salute.