Santelli, Tajani e Gasparri a Cosenza: “perdita enorme, guardava oltre i confini”

Anche il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani e il senatore del partito Maurizio Gasparri stamattina alla camera ardente a Cosenza della presidente della Regione Calabria Jole Santelli. Parole commosse e di cordoglio

 

COSENZA – «E’ una donna straordinaria, solo nel mese di febbraio aveva festeggiato la sua elezione. L’ho sentita un giorno e mezzo prima che si addormentasse». Sono le parole commosse di Antonio Tajani che è stato al suo fianco durante la campagna elettorale per la Regione Calabria e che stamattina ha preso parte alla camera ardente per salutare la presidente Santelli: «Avevamo fatto una riunione con i presidenti di regioni di Fi e le politiche da adottare nella Conferenza Stato Regioni. È una ferita non comune perché faceva parte della nostra comunità. È stata sempre in Forza Italia ed è una perdita enorme, stiamo soffrendo tutti tantissimo. Ho parlato con il presidente Silvio Berlusconi che era molto affranto l’ha ricordata anche ieri sera».

«In questi mesi di lockdown ci siamo sentiti tantissimo ed era diventata alfiere dei governatori del sud. Un sud che non andava a chiedere l’elemosina ma che guardava aldilà dei propri confini, sarà una perdita per tutta l’Italia. Ricordo ancora la notte di Lamezia quando abbiamo festeggiato la sua vittoria aspettando i risultati. Aveva gli occhi raggianti per un successo meritato. Combattere per la sua Calabria era la cosa che più desiderava e ha finito la sua vita impegnandosi per la Calabria era la cosa che più voleva»

«Ho perso una sorella non solo una collega politica – ha dichiarato invece l’onorevole Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, all’uscita dalla chiesa San Nicola: «Temevo che questo potesse accadere ma speravo come tutti che non sarebbe mai accaduto. Lascia un vuoto enorme – ha poi aggiunto Gasparri – che non ha mai avuto un tentennamento. Persone come lei sono rare. È riuscita a mantenere un equilibrio in realtà politiche dove non sempre è facile, ma era la sua caratteristica da donna forte di temperamento. Ieri avrei dovuto telefonarla per le solite vicende, purtroppo però la notizia della sua morte ha cambiato tutto».