Nas: controlli in una clinica privata. Sequestrate 120 confezioni di liquido per sigarette

Due attività di controllo, a Reggio Calabria e a Catanzaro, da parte dei carabinieri dei Nuclei Antisofisticazione e Sanità. La clinica reggina Villa Aurora, a seguito alla procedura fallimentare è stata acquistata dal “gruppo Crispino” che gestisce altre cliniche private in provincia di Cosenza

 

REGGIO CALABRIA – I militari del Nas ieri hanno eseguito un’ispezione nei locali di “Villa Aurora” a Reggio Calabria, clinica privata convenzionata con la Regione Calabria. Una serie di controlli che hanno riguardato tutti reparti dove sono ricoverati i pazienti ma anche le sale operatorie, gli uffici amministrativi della clinica e il deposito dei farmaci. I carabinieri, guidati dal maggiore Giacomo Moschella, hanno anche interrogato alcuni dipendenti di “Villa Aurora” presenti sul posto, e verificato il rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sullo smaltimento dei rifiuti sanitari.

Una particolare attenzione i Nas l’hanno prestata alla corretta custodia e somministrazione dei medicinali e al regolare funzionamento delle apparecchiature medico-diagnostiche. In seguito alla procedura fallimentare, un paio d’anni fa la struttura sanitaria è stata acquistata dal “gruppo Crispino” che gestisce altre cliniche private in provincia di Cosenza. Al momento, da parte dei carabinieri dei Nas c’è il massimo riserbo sulle condizioni della clinica e sull’esito dell’ispezione

A Catanzaro infine, il Nas ha eseguito un controllo presso un esercizio commerciale specializzato nella rivendita di tabacchi e sigarette elettroniche, rilevando l’abusiva preparazione, al fine della commercializzazione, di confezioni di liquido per sigarette elettroniche prive delle previste indicazioni di legge. Nella circostanza i militari hanno sottoposto a sequestro amministrativo 120 confezioni da 70 ml, per un valore commerciale di circa 2.000 euro.