Gianluca Mech: “l’alimentazione post quarantena all’insegna del Made in Calabria” – AUDIO

Durante il periodo di isolamento forzato a causa dell’emergenza Coronavirus, per molti la quotidianità è cambiata radicalmente: pochi hanno avuto la possibilità di fare esercizio fisico ed è capitato di abbandonarsi a esagerazioni ed errori alimentari per cercare un po’ di conforto e soddisfare un bisogno emotivo

 

COSENZA  – Rimettersi in forma dopo il lockdown è possibile e a dare qualche consiglio ci pensa l’imprenditore e divulgatore scientifico Gianluca Mech, protagonista su Rete4 con “Ricette all’italiana” e su La7 con “L’ingrediente perfetto”. “Il mio consiglio è quello di cercare di seguire i principi della nostra dieta mediterranea in quanto emblema di buona cucina e di benessere a tavola. Abbiamo la fortuna di vivere in un Paese che vanta fra i migliori prodotti al mondo, originali e di qualità. Non rinunciamo, quindi, a certe materie prime Made in Italy: tra queste, sicuramente, quelle calabresi sono garanzia di genuinità e piacere per il palato, riconosciute per la loro elevatissima qualità nella coltivazione, produzione e preparazione.

ASCOLTA i consigli di Gianluca Mech su Rlb

 

Dalle cipolle di Tropea alle olive schiacciate

Proviamo ad aggiungere alle insalate di stagione le ‘cipolle rosse di Tropea’, ricche di quercitina, un prezioso antiossidante che stimola il sistema immunitario e che, in sinergia con la vitamina C contenuta nell’ortaggio, aiuta a proteggere i capillari; il loro consumo previene l’infarto e l’invecchiamento cellulare, riduce la quantità di colesterolo e di trigliceridi nel sangue, stimola la digestione e il metabolismo.

Ottime abbinate al pomodoro di Belmonte – povero di grassi e ricco di vitamine A e C e del gruppo B e E, utilissimo per prevenire numerose patologie legate all’ipertensione – e ad un buon formaggio di pecora come il caprino dell’Aspromonte, che ha molte sostanze nutritive tra cui potassio, ferro, calcio, riboflavina, fosforo e taurina, una sostanza molto importante nello sviluppo celebrale dei bambini.

Come dimenticare, poi, le deliziose olive schiacciate da servire anche come antipasto con fette di pane tostato, condite da un filo d’olio extravergine d’oliva, o un paté al peperoncino , le cui proprietà sono numerose: migliora la circolazione sanguigna, protegge il sistema cardiovascolare, ha notevoli proprietà antinfiammatorie ed è in grado di difendere dalle infezioni.

La frutta made in Calabria, farmaci della natura

La frutta calabrese offre una ricca varietà: le arance di San Giuseppe e i cedri calabresi sono i farmaci della natura ricchi di vitamina C, utile per cercare di mantenere alte le proprie difese immunitarie – passando per l’annona, un frutto ancora poco conosciuto ricco di antiossidanti tra i quali è possibile individuare un polifenolo noto come annonacina che sembrerebbe potenziare le capacità antiossidanti dell’organismo, ed in particolare proteggere il sistema nervoso e cardiovascolare dai danni indotti dai radicali liberi dell’ossigeno.

Quando poi prevale la fame per noia, il mio consiglio è di tenere a portata di mano delle tisane, meglio se prive di caffeina, o delle bevande comunque calde perché possono farci sentire meglio. Via libera, quindi, all’infuso di tarassaco, o cicoria selvatica, molto diffusa nelle campagne calabresi: un vero regalo della natura in quanto ricca di sali minerali, potassio, calcio e ferro, grandi quantità di vitamina C, vitamina B, P e K e soprattutto contiene l’acido cicorico dalle grandi proprietà depurative e disintossicanti.

Ed ancora alla tisana alla liquirizia che cresce spontaneamente in questa area: le sue proprietà curative e lenitive la vedono come protagonista nell’impiego come antinfiammatorio nella cura delle affezioni tonsillari e antiulcera.