Nuova ordinanza della Santelli: vaccini antinfluenzali obbligatori per gli over 65

L’ordinanza è la numero 47 del 27 maggio 2020 e prevede la somministrazione del vaccino antinfluenzale per i soggetti che hanno superato 65 anni ma anche per medici e operatori sanitari

 

CATANZARO – Il vaccino antinfluenzale obbligatorio dovrà essere somministrato dal 15 settembre al 31 gennaio. E’ quanto prevede la nuova ordinanza della presidente Jole Santelli «Disposizioni in merito alla campagna di vaccinazione antinfluenzale e al programma di vaccinazione anti-pneumococcica per la stagione 2020-2021». La 47^ ordinanza della governatrice dall’inizio della pandemia prevede l’obbligo di vaccinazione antinfluenzale per:

a) soggetti di età superiore 65 anni (l’obbligo decorre dal 15 settembre 2020, o dalla data di compimento dei 65 anni, se successiva, previa acquisizione della disponibilità dei vaccini);
b) medici e personale sanitario, sociosanitario di assistenza, operatori di servizio delle strutture di assistenza, anche se volontario.

Il provvedimento di Santelli, prevede inoltre che «l’obbligo decorre dal 15 settembre 2020, previa acquisizione della disponibilità dei vaccini e deve essere assolto entro il 31 gennaio 2021, salvo proroghe dettate dai provvedimenti di attuazione in relazione alla curva epidemica». Viene infine disposta «l’introduzione di una forte raccomandazione a sottoporre alla vaccinazione antinfluenzale tutte le persone nella fascia d’età tra 60 e 65 anni; l’introduzione di una forte raccomandazione per tutti i bambini di età compresa tra 6 mesi e 6 anni ad essere sottoposti alla vaccinazione antinfluenzale; il rafforzamento della raccomandazione alla vaccinazione anti-pneumococcica» per i soggetti di età superiore ai 65 anni».

Il motivo di rendere obbligatoria la vaccinazione è legato al report epidemiologico del Dipartimento Tutela della Salute e Politiche sanitarie, aggiornato al 17 maggio 2020, dal quale viene fuori che circa il 33,3% dei casi confermati Covid-19 nella regione Calabria ha un’età superiore a 60 anni. Per questo motivo è necessario introdurre una forte raccomandazione a sottoporre alla vaccinazione antinfluenzale tutte le persone nella fascia d’età tra 60 e 65 anni, da assolversi nell’ambito della prossima campagna di vaccinazione antinfluenzale, ed è, altresì, necessario ribadire l’obbligo di sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale per tutte le persone di età superiore 65 anni. E’, inoltre, necessario ribadire l’obbligo di sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale per tutti gli operatori sanitari delle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private, ivi incluso il personale con rapporto di lavoro convenzionale con il Ssr».