Parghelia, nuovo indagato per la morte di Annamaria Sorrentino

C’è un nuovo indagato per la morte di Annamaria Sorrentino, la 29enne sorda precipitata dal balcone a Parghelia il 16 agosto 2019 durante un periodo di vacanza con il marito e una coppia di amici

 

VIBO VALENTIA – La Procura della Repubblica di Vibo ha indagato n amico della vittima, Gaetano C., per omicidio preterintenzionale a seguito di maltrattamenti, stesso reato che vede indagato anche il marito della donna Paolo Foresta. Secondo quanto ricostruito quel 16 agosto, l’amico Gaetano e la moglie erano ospiti nella casa di Parghelia per trascorrere insieme ad Annamaria e Paolo e ad un’altra coppia di amici Salvatore e la moglie Daniela. Tutti erano insieme nella piccola casa vacanza seppure per poche ore nel corso delle quali si sono registrate liti, urla e persino l’intervento dei carabinieri per una chiamata dei vicini.

Alla base dei litigi, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la relazione extraconiugale tra la vittima, Annamaria e Salvatore, amico di suo marito. I vicini hanno raccontato delle richieste di aiuto della vittima mentre gli altri la insultavano. Gaetano dunque, che risulta ora nuovo indagato per la morte di Annamaria, è apparso subito come una figura centrale nella vicenda. È stato lui a insistere per andare in vacanza fuori dalla Campania con gli amici, tutti sordi, insistendo al punto di prestare i soldi ai compagni di viaggio pur di partire per trascorrere qualche giorni nella provincia di Vibo Valentia.

Gaetano, dopo la drammatica caduta di Annamaria dal balcone, è stato notato per aver tentato di fuggire dalla scena mentre la ragazza giaceva riversa sul selciato agonizzante ma poi è stato bloccato da alcuni residenti. Proprio lui avrebbe dissuaso alcuni amici, della comunità dei sordi, dal partecipare alla fiaccolata per chiedere giustizia per Annamaria. Nell’inchiesta per portare alla verità sulla morte della povera Annamaria sarebbe stata fondamentale una supertestimone, Claudia, anche lei sorda, che negli ultimi mesi si è fatta avanti per testimoniare e che ha raccontato come, durante una videochiamata con Annamaria. La donna avrebbe visto Gaetano spingere forte Annamaria sbattendola contro la balaustra in legno e scioccata avrebbe riagganciato e tenuto per sé quanto aveva visto per timore. Anche suo marito, infatti, le aveva intimato di tacere.