Denunciati turisti tedeschi a spasso nella cittadina della Certosa

A Pizzo Calabro, invece, denunciata una persona che aveva trasgredito al provvedimento di quarantena obbligatoria

 

VIBO VALENTIA  – Continuano in tutto il vibonese i controlli da parte delle forze dell’ordine per far rispettare i decreti del presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, in relazione agli spostamenti delle persone e alle misure sul contenimento del contagio da coronavirus. A Serra San Bruno, gli agenti del locale di polizia hanno denunciato alcuni turisti tedeschi che si trovavano in giro nel paese cittadina della Certosa. La loro presenza non è sfuggita ai poliziotti che, non ravvisando lo stato di necessità negli spostamenti e il rischio di assembramenti, li hanno denunciati alla Procura di Vibo Valentia per il reato di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

A Pizzo Calabro, invece, è stato il commissario prefettizio a denunciare all’autorità giudiziaria una persona che aveva trasgredito al provvedimento di quarantena obbligatoria e che è stato trovato in giro per il paese anziché nel proprio domicilio. A Vibo Valentia, infine, la polizia ha sottoposto a controllo un cinquantanovenne appiedato residente in altro comune. Sprovvisto di autocertificazione, agli agenti che gli chiedevano ha risposto di avere cenato nella mensa dell’ospedale. La struttura non è però provvista di mensa e da qui la denuncia per l’art. 650 del codice penale.

Immagine di repertorio