In Calabria solo il 3% dei bimbi frequenta un nido pubblico

È l’allarme lanciato da Save the children, che chiede maggiori investimenti in servizi per l’infanzia, per superare il divario tra Nord e Sud

 

COSENZA – Nel giorno in cui il Governo presenta il Piano Sud 2030, Save the Children sottolinea come “in regioni come Calabria e Campania solo il 2,6% e il 3,6% dei bambini frequenta un nido pubblico, contro la media nazionale del 12,3%, che sale al 24% se si considerano anche i servizi integrativi. Così come carente, specialmente al Sud è l’offerta del tempo pieno a scuola, un servizio essenziale per la crescita dei bambini ma che nelle regioni meridionali è presente solo in poco più di una scuola primaria su 10 (11,9%), contro il 37,7% del nord-ovest”.

“Per ridurre i divari territoriali che persistono nel nostro Paese e dare nuove prospettive al Mezzogiorno non si può prescindere dalla necessità di investire in modo efficace e duraturo nell’infanzia. Occorre garantire a tutti i bambini servizi educativi di qualità nonché misure a sostegno delle loro famiglie e della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare. Solo così potremo contrastare i fattori che alimentano il divario tra nord e sud, rischiando di farlo diventare un baratro incolmabile, e che continuano a privare ancora troppi minori, specialmente coloro che vivono nel Mezzogiorno, di opportunità educative indispensabili per il loro futuro”. Così Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children.  “A fronte di una grave carenza di servizi di supporto della famiglia, è chiaro che per una mamma che vive nelle regioni del Sud è ancora molto difficile conciliare la vita professionale, con Sicilia come fanalino di coda in termini di occupazione femminile preceduta, nell’ordine, da Calabria, Campania, Puglia e Basilicata”. “Il Sud – ha proseguito Raffaela Milano – vive un’emergenza nell’emergenza: la povertà minorile. Si concentra nelle regioni del sud il più alto tasso di povertà minorile, con oltre mezzo milione di bambini e adolescenti in povertà assoluta, cioè senza il necessario per condurre una vita quotidiana dignitosa. Operando come Save the Children nelle aree più difficili del Mezzogiorno, sappiamo come la povertà materiale per i bambini facilmente si trasformi in povertà educativa, cioè nell’impossibilità di far fiorire i propri talenti e costruire liberamente il proprio futuro. Per lo sviluppo del Sud è indispensabile intervenire per spezzare questo circolo vizioso tra povertà materiale e povertà educativa che oggi pesa come un macigno sul futuro dei bambini del Sud”.