Fondi europei, circa 100 milioni di euro per progetti sospesi o non funzionanti

L’europarlamentare Ferrara ha presentato una nuova interrogazione alla Commissione europea per la rendicontazione del Por Calabria 2007-2013

 

BRUXELLES – “A circa tre anni dalla scadenza dei termini per la rendicontazione del Por Calabria 2007-2013 rimangono ancora incerti i dati finali relativi alla scorsa programmazione”. Lo sostiene l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Laura Ferrara, che ha presentato una nuova interrogazione alla Commissione europea sulla vicenda. Ferrara parla, in particolare, di “scarsa informazione circa il numero e l’ammontare dei progetti non funzionanti e dei progetti sospesi” e definisce inoltre “lacunose le notizie circa eventuali rettifiche finanziarie che potrebbero incidere sulla scorsa programmazione regionale. Sarebbero circa 100 i milioni di euro, relativi a progetti sospesi o non funzionanti, a rischio di rettifica finanziaria. Ciò significa – rileva l’europarlamentare M5s – che il saldo finale relativo al Por 7-13 potrebbe avere un taglio consistente di risorse”.

Secondo Ferrara “la mancanza di trasparenza e i controlli superficiali sui progetti hanno di fatto determinato l’attuale problematica situazione. A pesare su questo quadro poco esaustivo anche il fatto che alcuni progetti sono attualmente oggetto di indagine giudiziaria, il cui eventuale esito negativo potrebbe incidere ancor di più sulla rendicontazione finale con il rischio del recupero degli importi già versati. Quel che è certo – conclude l’europarlamentare M5s – è che un’eventuale revoca o taglio delle risorse graverà ancora una volta sulle tasche dei beneficiari, spesso si tratta di Enti locali calabresi le cui casse certamente non riusciranno facilmente a coprire tali spese”.