“Rinascita-Scott”, dopo gli interrogatori 7 persone ritornano in libertà

Domani entrerà nel vivo il secondo step rappresentato dal giudizio del Tribunale del Riesame e nel frattempo il gip distrettuale di Catanzaro ha rivisto una ventina di posizioni

 

CATANZARO – Tornano in libertà 7 persone coinvolte nella maxi operazione “Rinascita-Scott” che lo scorso 19 dicembre ha fatto scattare le manette ai polsi per 330 persone, di cui 260 finite in carcere e le restanti 70 ai domiciliari. I provvedimenti sono stati presi al termine degli interrogatori di garanzia davanti al Gip distrettuale di Catanzaro.

Si tratta di: Paola Rella e il figlio Tommaso Pugliese. Stesso provvedimento per Salvatore Mandaradoni. Stop ai domiciliari e nuovamente liberi Francesco Valenti, Ornella Galeano e Vittoria Artusa, detta “Mirella”. Il gip del Tribunale dei minori di Catanzaro ha invece rimesso in libertà il 20enne Francesco Angelieri. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria invece per Diana Pugliese e obbligo di firma per Antonio Profeta.

Domani entrerà nel vivo il secondo step rappresentato dal giudizio del Tribunale del Riesame e nel frattempo il gip distrettuale di Catanzaro ha rivisto una ventina di posizioni.