I soldi dei calabresi al Festival di Spoleto, chiuse le indagini per Oliverio

Oliverio, accusato di peculato, avrebbe perseguito finalità privatistiche di promozione politica con fondi destinati alla promozione della Calabria

 

CATANZARO – La Procura di Catanzaro ha chiuso le indagini sull’inchiesta che vede coinvolto il governatore Mario Oliverio, riguardante l’utilizzo di soldi pubblici destinati alla promozione turistica della Calabria. Nell’inchiesta, insieme ad Oliverio accusato di peculato, era coinvolto Mario Luchetti, legale rappresentante della società “Hdra Spa” (società romana che si occupa di comunicazione e organizzazione di eventi) che ha realizzato quel talk show presente all’interno della manifestazione il Festival di Spoleto, svoltasi nel luglio 2018. Secondo l’accusa, in quell’occasione, Oliverio avrebbe perseguito finalità privatistiche di promozione politica. Una somma intorno ai 100 mila euro che, secondo la tesi degli inquirenti, sarebbe stata spesa dalla Regione ufficialmente per promuovere la Calabria al Festival di Spoleto, ma in realtà per finalità tutt’altro che collettive. Gli inquirenti contestano dunque che con quella somma, si sarebbero pagati uno spot di due minuti sulla nostra regione, ma“senza possibilità di riproduzione televisiva”, e l’intervista che Paolo Mieli condusse con Oliverio ma che, sempre secondo gli inquirenti, avrebbe trattato di temi generali di carattere politico, senza riferimento a scopi promozionali ella Calabria.

Nell’ambito dell’inchiesta, nel luglio scorso, la Guardia di finanza aveva eseguito un provvedimento di sequestro preventivo per 95.475 euro nei confronti di Oliverio. La procura aveva indicato anche l’ex parlamentare del Pd Ferdinando Aiello che avrebbe messo in contatto Oliverio con la Hdra’, “istigandone la partecipazione e partecipando lui stesso, sebbene privo di titolo, a spese della Regione Calabria”; ma la sua posizione è stata stralciata. Gli indagati hanno ora venti giorni per chiedere di essere ascoltati e poi si deciderà se procedere con il rinvio a giudizio o una richiesta di archiviazione.

 

Soldi dei calabresi al Festival di Spoleto, Oliverio si dice ”perseguitato”