I carabinieri chiudono il "Bazar": sedici arresti - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

I carabinieri chiudono il “Bazar”: sedici arresti

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Un mega puzzle investigativo. E’ quello che hanno risolto i carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, incastrando alla perfezione i mosaici d’intelligence che hanno permesso di ricostruire l’operazione “Bazar”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Rossano.

Il capitano Paolo Rubbo e i suoi uomini, in stretta collaborazione con i detective della Benemrita del Comamdo provinciale di Cosenza, coordinati dal colonnello Francesco Ferace, hanno, sin dal’alba, effettuato una raffica di arresti. La “retata” ha permesso allo Stato di “chiudere il cerchio su 15 persone. componenti, a vario titolo, di un’organizzazione dedita a furti, rapine, estorsioni e danneggiamenti. Durante l’intensa attività d’intelligence, i detective hanno accertato che i componenti dell’organizzazione hanno compito numerosi episodi di furto. Esattamente ventiquattro. Nel corso del blitz, è stata sequestrata anche una gioielleria, nella quale veniva riciclato oro rubato. Oltre ai quindici arrestati, nell’inchiesta figurano anche cinquantasette indagati. L’aspetto più inquetante dell’inchiesta, come hanno evidenziato i carabinieri, nel corso della conferenza stampa, di oggi, tenuta presso il Comando provinciale di Cosenza, è legato al fatto che tra gli arrestati, non ci sono elementi di picco, nè “manovalanza” della criminalità organizzata. I profili delle persone finite nei guai, sono giovani ed incensurati. Gli arrestati sono Pietro Vincenzo Montalto, Davide Rosario Innacco e Antonio Longobucco, Giovanni Battista Fino, titolare della gioielleria sequestrata, Carmelina Scarcella, Marco Leo, Arturo Leo, Domenico Corina e Salvatore Pisano, Luigi Sabino, Vincenzo Sabino, Angelo Caravelli e Giuseppe Morrone, Lorenzo Sposato e Romina Bevilacqua. Durante l’operazione sono stati controllati più di sessanta esercizi commerciali di “Compro Oro” ed è stata recuperata numerosa refurtiva, tra cui un migliaio di litri di gasolio, targhe di autoveicoli, mezzi agricoli, un furgone e un’auto. Rinvenuti anche numerosi passamontagna, armi giocattolo prive di tappo rosso, grimaldelli e attrezzature per lo scasso. Nel corso delle indagini è stata anche scoperta un’estorsione, per una imposta guardiania, compiuta ai danni di un agricoltore. L’estorsione che i militari hanno ricostruito minuziosamente nei file dell’inchiesta è stata “accelerata” anche dalla collaborazione della vittima, convinto dagli stessi carabinieri a “lavorare” con lo Stato. La vittima, nel marzo scorso, subì una serie di danneggiamenti e furti nella sua azienda agricola. Gli fu ucciso anche il cane la cui carcassa fu data alle fiamme e fatta ritrovare all’agricoltore in una busta.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza