ASCOLTA RLB LIVE
Search

Costruisce abusivamente un intero piano: scatta il sequestro. Rompe i sigilli e continua i lavori

I carabinieri di Reggio Calabria hanno denunciato 4 persone sorprese a costruire in modo abusivo e sequestrato 3 immobili. Gli illeciti accertati riguardano la realizzazione di manufatti in assenza di concessione edilizia, sopraelevazioni e consecutivi aumenti di cubatura e senza le più elementari norme per la sicurezza

.

REGGIO CALABRIA – Durante un controllo del territorio, finalizzato a verificare e reprimere abusi edilizi, i carabinieri hanno accertato, in 3 casi, chiare violazioni delle norme urbanistiche vigenti nelle aree urbane ed in netto contrasto a quelle relative alle costruzioni in zona sismica, nonché il mancato rispetto delle più elementari norme per la sicurezza. Il servizio straordinario effettuato dai carabinieri ha avuto lo scopo di impedire la costruzione di opere iniziate senza le autorizzazioni previste dalla legge, ha visto quattro persone deferite all’autorità giudiziaria poiché sono state sorprese a costruire in modo abusivo.

Un intero piano di 160 mq con tetto… totalmente abusivo

Nel quartiere Gallina, i militari hanno scoperto al quarto piano di uno stabile che un 80enne del luogo, senza la minima autorizzazione prevista per legge, peraltro su una zona sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico, ha costruito un intero piano con tanto copertura a falde. La struttura delimitata durante l’attività è stata calcolata in circa 160 mq. I carabinieri hanno pertanto effettuato il sequestro del piano apponendo i sigilli. Ma non finisce qui visto che l’8’0enne, incurante del provvedimento di sequestro e caparbio nel suo intento, ha continuato i lavori di copertura dell’intero piano. A distanza di 10 giorni dalla prima “visita”, l’uomo si è rivisto bussare alla porta i carabinieri di Gallina che gli hanno contestato la violazione dei sigilli e sequestrato “ex novo” l’intero piano realizzato totalmente in assenza di alcuna autorizzazione edile.

Altra denuncia ha riguardato una 71enne, incensurata, che su un edificio di vecchia realizzazione in via Strapunti, sempre a Reggio Calabria, ha effettuato lavori di ristrutturazione senza alcun titolo autorizzativo. Sul posto i carabinieri, nonostante non abbiamo trovato operai intenti nei lavori di ristrutturazione, in un’area di circa 120 mq, hanno trovato invece la presenza di manufatti in corso di ultimazione. Infine, i militari hanno denunciato due coniugi, entrambi 60enni. La coppia ha realizzato una copertura a falde con all’interno un intero piano abitativo non previsto dal progetto presentato agli uffici competenti. A conclusione di queste operazioni, i militari hanno denunciato a vario titolo le 4 persone e hanno sequestrato tre immobili, nei quali vi sono ancora in corso i lavori di costruzione/ristrutturazione.