Operazione “Antiques”: due antiquari in manette per ricettazione di opere d’arte

I due antiquari finiti ai domiciliari sono ritenuti responsabili, in concorso, di ricettazione di un dipinto del seicento, provento del furto ai danni di un antiquario bolognese il 19 luglio 2016.

 

REGGIO CALABRIA – Il provvedimento cautelare che ha portato all’arresto dei due antiquari, scaturisce dal prosieguo dell’indagine “Antiques”, svolta dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza con il supporto dei militari del Nucleo TPC di Napoli e coordinata dal Procuratore Aggiunto di Reggio Calabria, Gerardo Dominijanni, e dai sostituti Giovanni Calamita e Alessandro Moffa.

Il 26 luglio scorso infatti, erano state eseguite 5 ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari, nonché 20 decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria a carico di altrettanti indagati (due dei quali sono gli odierni arrestati) ritenuti responsabili, a vario titolo, del reato di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione di opere d’arte, quali dipinti, sculture in bronzo e marmo e oggetti chiesastici provento di furto in territorio nazionale e della loro esportazione illecita, per la successiva commercializzazione in ambito internazionale.

Le indagini partite a novembre del 2015 a seguito di un controllo ad un esercizio commerciale d’antiquariato di Reggio Calabria, e corroborate anche da attività tecniche e di riscontro mediante l’utilizzo della Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, hanno consentito di acquisire numerosi elementi investigativi di colpevolezza nei confronti dei componenti di un pericoloso sodalizio criminale, con base a Napoli e provincia e con ramificazioni nel bresciano, dedito alla ricettazione di beni antiquariali trafugati sul territorio nazionale e commercializzati anche tramite antiquari calabresi compiacenti ovvero esportati illecitamente per essere venduti presso fiere di settore in Francia, come Avignone e Montpellier.

Recuperate diverse opere trafugate

Alcune opere di rilevante importanza, nonché un ingente quantitativo di oggetti d’antiquariato esportati in territorio francese, senza la prescritta autorizzazione dei competenti organi del MiBACT, sono state recuperate. Il 29 agosto scorso, a Reggio Calabria, era stato sequestrati il dipinto oggetto della ricettazione, che ha consentito l’emissione delle due misure cautelari in relazione, come motiva il gip, “all’attualità e alla concretezza del pericolo di reiterazione del reato”. Nello specifico, venivano recuperati beni di rilevanza storico artistica, provento di furto ai danni di abitazioni private del territorio nazionale, tra i quali emerge, per importanza, un dipinto, olio su tela, del ‘700, raffigurante “Madonna con Bambino”, di Scuola Napoletana, trafugato nel 2014 da un palazzo nobiliare di Arcevia (AN), nonché di sequestrare, al valico di Ventimiglia (IM), al confine con la Francia, centinaia di beni antiquariali, costituiti prevalentemente da elementi di arredo antico e di pregio, quali sculture in marmo e bronzo, consolle, dipinti su tavola e su tela, suppellettili antichi in argento, ceramica e porcellana, trasportati a mezzo di furgoni presi a noleggio per l’occasione dagli appartenenti al sodalizio criminale. Il valore economico di tutti i beni finora sequestrati è stato stimato in circa un milione e mezzo di euro.