ASCOLTA RLB LIVE
Search

Avevano comunicato il livellamento del terreno, ma era una cava abusiva. Sequestrata

Due denunce e una vasta area sequestrata dopo i controlli dei carabinieri forestali in un terreno di 5.000 metri quadri, utilizzato per l’esercizio abusivo di attività di cava

 

SERSALE (CZ) – Nel corso di servizi in aree forestali e rurali, i carabinieri forestali di Sersale, hanno proceduto al sequestro di un’area di circa 5000 metri quadri, utilizzata per l’esercizio abusivo di attivitĂ  di cava con prelievo di materiale inerte ad uso industriale, in localitĂ  “Olivotta” nel comune di Sersale. Dagli accertamenti svolti è emerso che per l’esercizio dell’attivitĂ  era stata presentata presso il competente ufficio del Comune di Sersale una semplice comunicazione per l’esecuzione di lavori di livellamento del terreno agricolo, mentre per l’esercizio dell’attivitĂ  di cava sono necessarie altre e molto piĂą complesse autorizzazioni amministrative nulla osta.

Dai controlli e dai rilievi eseguiti è risultato che l’estrazione del materiale è avvenuta in una area interessata da incendi nell’anno 2005 e nell’anno 2014 e come tale inserita nel catasto delle aree percorse da incendio, regolarmente istituito dal comune di Sersale, sulla quale vige il divieto assoluto di trasformazione urbanistica. Invece che acquisire preventivamente l’autorizzazione all’esercizio di attività di cava del competente ufficio cave della Regione e del permesso a costruire (che non potevano comunque essere rilasciati essendo stata percorsa da incendi), è stata presentata una semplice comunicazione che consente l’avvio dei lavori senza acquisire alcuna autorizzazione preventiva. Lo sbancamento e l’estrazione del materiale ha ovviamente comportato lo sradicamento della vegetazione preesistente, con la realizzazione di pareti verticali di consistente altezza, ed ha interessato una superficie di circa 5.000 metri quadri, con l’estrazione di circa 12.500 metri cubi di materiale. L’area è stata posta sotto sequestro e sono stati deferiti all’autorità giudiziaria il proprietario del terreno e l’impresa esecutrice dei lavori con sede legale a Cirò Marina.