ASCOLTA RLB LIVE
Search

La ‘ndrangheta nella sanità. Gratteri: “Quinta Bolgia lo ha dimostrato. Fidatevi di noi”

Il Procuratore di Catanzaro “lo scioglimento dell’Asp è partito dalla nostra indagine. Quinta Bolgia ha dimostrato la permeabilità della pubblica amministrazione, sopratutto nella sanità, alla ‘ndrangheta”. Intanto il Prefetto di Catanzaro ha nominato la commissione che dovrà gestire l’Ente

 

CATANZARO (ANSA) –  “Lo studio e la valutazione per lo scioglimento dell’Asp di Catanzaro parte proprio dalla nostra indagine ‘Quinta Bolgia‘ che dimostra la permeabilità della Pubblica amministrazione, in un settore delicato quale della Sanità, da parte della criminalità organizzata“. Così il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, a margine della conferenza stampa sull’operazione antimafia “Crisalide 3”, rispondendo alle domande dei giornalisti sullo scioglimento dell’Azienda sanitaria del capoluogo per condizionamenti mafiosi.

Continuate a denunciare, fidatevi di noi

“Sono lavori – ha aggiunto – che non nascono per caso. Diciamo che stiamo avanzando pian piano, stiamo pian piano portando un po’ di serenità alla gente. Proprio per questi motivi, per quello che stiamo riuscendo a produrre, invito a continuare a fidarsi di noi. Continuate a venire a denunciare. La cosa che abbiamo riscontrato è che molta gente sta venendo a denunciare. Voi sapete che ogni settimana io dedico un pomeriggio, o una serata a ricevere persone: usurati, estorti. C‘è tanta gente disperata, esasperata che si sta fidando di noi, della Procura distrettuale e delle forze dell’ordine. Questo ci rincuora, è la benzina nel motore che ci aiuta a fare di più e meglio se possibile“.

Asp sciolta, nominata la Commissione

Nel frattempo il Prefetto di Catanzaro Francesca Ferrandino, ha disposto, con proprio decreto, la sospensione dell’organo di direzione generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro nominando la commissione che sarà chiamata a gestire l’Ente. Il provvedimento fa seguito alla delibera del Consiglio dei ministri di ieri che ha disposto lo scioglimento dell’Azienda per condizionamenti della ‘ndrangheta. La commissione è composta da Domenico Bagnato, da Franca Tancredi e da Salvatore Gullì. A loro sono affidate le attribuzioni dell’organo di direzione generale nonché ogni altro potere ed incarico connesso, nelle more del perfezionamento dell’iter procedurale con emanazione del dpr di scioglimento.