Operazione libri, in carcere Nicolò (FdI). Il padre sparì misteriosamente nel 2004

Pietro Nicolò, padre di Alessandro, il consigliere regionale della Calabria arrestato stamani, è scomparso nel gennaio del 2004 insieme ad un altro uomo

 

REGGIO CALABRIA –  Scomparsa che il gip del Tribunale di Reggio Calabria, in una ordinanza emessa nell’ambito di un’operazione contro la cosca Libri portata a termine il 20 luglio del 2007, attribuì a contrasti sorti all’interno della stessa cosca Libri. In particolare, il gip scrisse: “Stante quanto riferito dai collaboratori di giustizia Paolo Iannò e Giovanbattista Fracapane, gli omicidi verificatisi dal 2000 ad oggi nelle zone di competenza della cosca Libri, che hanno visto come vittime affiliati alla stessa, sono dovuti ad una risoluzione di contrasti sorti in seno all’associazione. In tale ottica vanno letti i recenti omicidi verificatisi nella zona d’influenza della consorteria criminale oggetto d’indagine” e “la scomparsa di Pietro Nicolò e Giuseppe Morabito, rispettivamente di anni 70 e 64, denunciata il 29 Gennaio 2004.

I due scomparsi erano entrambi appartenenti alla consorteria criminale oggetto d’indagine, in particolare Pietro Nicolò, padre di Alessandro Nicolo’, ex assessore alla Provincia di Reggio Calabria e già coordinatore provinciale di Forza Italia, aveva posizione verticistica nell’ambito della cosca essendo ‘capo del locale Spirito Santo’ ed era entrato in contrasto con il boss don Mico Libri, per questioni legate proprio al ‘controllo delle zone d’ influenza’”. Il giorno successivo, l’avv. Renato Milasi, legale di Alessandro Nicolò, diffuse una nota in cui affermava che “Pietro Nicolò, quando è stato destinatario di indagini nell’unico processo penale che, a torto, lo ha coinvolto, è stato assolto da ogni addebito per l’inconsistenza dei dati investigativi, addirittura dubitandosi della corretta identificazione del medesimo con il soggetto menzionato da collaboratori di giustizia”.

Un altro collaboratore di giustizia, Roberto Moio, nipote del presunto boss Giovanni Tegano, deponendo, nell’ottobre 2011, in un processo d’appello contro affiliati al clan Libri aveva sostenuto che Alessandro Nicolò aveva ricevuto voti dalla cosca Tegano. Anche in quel caso Nicolò, diffuse una nota in cui affermava di non avere mai avuto rapporti “di alcun genere né con il pentito Roberto Moio”. Alessandro Nicolò, nel corso della sua attività politica, è stato consigliere e assessore comunale a Reggio Calabria, assessore provinciale, e tre volte consigliere regionale ricomprendo anche la carica di vice presidente dell’Assemblea nella scorsa legislatura.

Alessandro Nicolò è stato eletto nel novembre 2014 nella lista di Forza Italia. Nel marzo del 2018, Nicolò, in contrasto con Fi, ha poi aderito a Fratelli d’Italia dopo che è sfumata la sua candidatura alle elezioni politiche con il partito di Berlusconi. La mancata candidatura aveva suscitato una serie di iniziative di protesta negli ambienti politici azzurri a lui vicini. Dopo l’adesione a Fdi, Nicolò si è iscritto al gruppo misto in quanto il partito della Meloni non ha al Consiglio regionale calabrese i numeri per costituire un proprio gruppo avendo solo due esponenti: Nicolò e Fausto Orsomarso.

 

FdI allontana Nicolò: pronti a costituirsi parte civile

“Complimenti alla Polizia di Stato, alla Dda e alla Procura di Reggio Calabria per l’operazione che ha inferto un duro colpo alla cosca Libri. Annunciamo che Alessandro Nicolò è stato immediatamente allontanato da Fratelli d’Italia a scopo cautelativo, e che siamo pronti a costituirci parte civile in un eventuale processo a suo carico”. Lo scrive una nota del partito. “Ci consideriamo, infatti parte lesa in questa vicenda, giacché sono note le nostre storiche battaglie contro ogni forma di criminalità organizzata”.
“Da tempo abbiamo lanciato l’allarme sulla difficoltà che i movimenti politici hanno a difendersi efficacemente da persone che fanno politica per interessi propri o addirittura di organizzazioni criminali. Come Fratelli d’Italia – prosegue la nota di FdI sull’operazione “Libro Nero” – siamo sempre stati estremamente cauti prima di accogliere qualcuno che era eletto altrove, fino ad arrivare a chiedere informazioni ai giornalisti e alle procure stesse. Non è bastato. Annunciamo perciò che metteremo in campo un organismo al quale inviteremo a partecipare magistrati in pensione, esponenti delle forze dell’ordine e cittadini non iscritti al Partito a cui demandare preventivamente il giudizio sull’eventuale ingresso in Fratelli d’Italia di chi ricopre già ruoli istituzionali e sulle candidature. Noi – conclude la nota – non vogliamo delinquenti tra le nostre fila”