Maria Lucente presidente della SIN Calabria: “ora gli Screening Neonatali Estesi”

A dare notizia della nomina il presidente della Commissione Nazionale Problematiche del Percorso Nascita nelle Regioni Meridionali della Società Italiana di Neonatologia (SIN) Gianfranco Scarpelli

 

COSENZA – Ad informare Scarpelli della nomina è stato il prof. Fabio Mosca, Presidente Nazionale della SIN: la dottoressa Maria Lucente è stata nominata Presidente della Società Italiana di Neonatologia Regione Calabria fino a completamento del Mandato 2019/2021. La Lucente, nella veste di nuovo presidente SIN Calabria e Direttore della TIN dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, ha voluto immediatamente farsi portavoce degli interessi dei neonati calabresi per i quali, a distanza di tre anni, ancora non sono stati attuati gli Screening Neonatali Estesi (SNE).

Dal settembre 2016 infatti è entrata in vigore la Legge 167/2016 “Disposizioni in materia di accertamenti diagnostici neonatali obbligatori per la prevenzione e la cura delle malattie metaboliche ereditarie”, che ha rappresentato un cambiamento epocale: le patologie oggetto dello screening sono passate da 3 a 40. Fino a quel momento le patologie controllate erano solo la fenilchetonuria, l’ipotiroidismo congenito e la fibrosi cistica.

“Grazie allo SNE, con lo stesso piccolo prelievo di sangue dal tallone che viene effettuato tra la 48esima e la 72esima ora di vita del neonato, è possibile identificare precocemente circa 40 patologie genetiche metaboliche, in alcuni casi, possono essere curate con successo intervenendo prima che si manifestino i sintomi o che si possano verificare danni irreversibili agli organi e al cervello”. Così la dott.ssa Maria Lucente che sottolinea come “ad oggi tutte le regioni italiane si sono adeguate all’esecuzioni dello screening neonatale esteso.
La Calabria, purtroppo, è l’unica Regione in cui non si effettua lo Screening Neonatale Esteso in quanto è ancora in corso la trattativa per stipulare un accordo di convezione”.

Maria Lucente insieme al Direttivo della SIN Calabria e a Gianfranco Scarpelli, Direttore della Neonatologia e TIN dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza, chiede una risposta immediata ai dirigenti regionali, per colmare questo disparità di trattamento dei neonati calabresi che hanno diritto, come accade già nelle altre regioni italiane, ad una diagnosi precoce e ad un tempestivo trattamento. Per questo motivo è stato consultato il dott. Antonio Belcastro, Direttore Generale del Dipartimento Tutela della Salute Regione Calabria. Il Dr. Belcastro ha garantito che entro il mese di Settembre si definirà la Convenzione con l’Università Federico II di Napoli dichiara e finalmente si risolverà una grave problematica fondamentale per la Salute dei Neonati Calabresi. I Neonatologi ( e soprattutto i Neonati ) Calabresi sono ormai stanchi di aspettare e chiedono con forza l’impegno inderogabile da parte delle istituzioni competenti affinchè questa ingiustificata ineguaglianza cessi nel più breve tempo possibile.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Elly Schlein (Pd) a Corigliano Rossano. L’allarme su tagli ai comuni che hanno fondi...

CORIGLIANO ROSSANO - La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, nel corso del suo tour elettorale in Calabria, ha fatto tappa a Corigliano Rossano,...
accoltellato morelli 2

Accoltellato e abbandonato davanti all’ospedale, muore 30enne: l’ipotesi di una rapina andata male

REGGIO CALABRIA - È di Catania l'uomo deceduto ieri davanti all'ospedale "Morelli" di Reggio Calabria. L'identità è stata accertata dalla squadra mobile e dai...
Ospedale di Paola

Ospedale di Paola, il reparto di chirurgia verso la chiusura. Presentato ricorso al Tar

PAOLA (CS) - Il Comitato per la difesa del diritto alla salute ha depositato un ricorso al Tar Calabria contro il piano di riordino...

Cosenza, siglato il protocollo “Codice rosso” fra Uepe e Csm

COSENZA - Siglato protocollo d’intesa fra il Dipartimento Giustizia minorile e di comunità – Ministero della Giustizia, Ufficio locale di esecuzione penale esterna di...
protesta-unical-per-Palestina

Unical, il Senato Accademico prende posizione: «cessate il fuoco in Palestina»

RENDE (CS) - Dopo le forti tensioni che hanno coinvolto diverse università italiane - tra cui anche l'Unical - il Senato Accademico della Calabria...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

A San Giovanni in Fiore abbattuto l’ecomostro, Legambiente «sono oltre 500...

SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) - "E’ sicuramente una buona notizia l’abbattimento a Rovale di un vecchio rudere da parte del comune di San...

Attivista curda detenuta a Castrovillari inizia sciopero fame, nega di essere...

CASTROVILLARI (CS) - Maysoon Majidi ha iniziato lo sciopero della fame. L'attivista curda arrestata a Crotone perché ritenuta una scafista da 5 mesi è...

Feroce aggressione ad un senzatetto: legato, umiliato e massacrato di botte....

SAN COSTANTINO CALABRO (VV) - Sei ragazzini, tutti minorenni, sono stati denunciati per maltrattamenti, percosse, lesioni e altri reati. Il gruppo si sarebbe accanito...

“Spirito Mediterraneo”: a Fuscaldo la prima rassegna mediterranea su liquori e...

FUSCALDO (CS) - Cresce l’attesa per uno degli eventi più attesi dell’anno. La prima rassegna regionale sul mondo degli amari, dei distillati e degli...

Cosenza: alfabetizzazione informatica, 6 punti di facilitazione digitale per le persone...

COSENZA - saranno 6 in tutto, i punti di facilitazione digitale che saranno attivati, al termine del corso di formazione dei facilitatori, all’interno dell’Ambito...

Operazione “Arangea”, estorsioni alle imprese e il controllo asfissiante della ‘ndrangheta

REGGIO CALABRIA - E' stata ribattezzata 'Arangea' l'operazione scattata questa mattina che ha portato in carcere 11 persone e una ai domiciliari, accusate a...