ASCOLTA RLB LIVE
Search

Chiuso nel milanese negozio di prodotti calabresi. Usato per incontri di ‘ndrangheta

Un negozio di Corsico, in provincia di Milano, è stato raggiunto da un’interiettiva antimafia. Vendeva prodotti tipici calabresi ma per gli investigatori in realtĂ  era usato come base logistica per incontri tra esponenti di ‘ndrangheta della zona

.

CORSICO (MI) – Un’interdittiva antimafia è stata emessa contro un negozio di Corsico (nel Milanese) dove si vendevano prodotti tipici calabresi, ma che serviva – secondo gli investigatori – come base per il mantenimento di rapporti da parte di esponenti di ‘ndrangheta del posto. A riportare la notizia questa mattina è stata l’AGI.

Il provvedimento è stato eseguito dalla polizia municipale, ed è stato emesso dal prefetto di Milano in base al decreto 159 del 2011. Gli agenti hanno notificato questa mattina l’ordinanza di chiusura immediata dell’attivitĂ , al proprietario, un 44enne originario di Locri ma residente a Cesano Boscone (Milano). Il negozio di cui era titolare e che risponde all’impresa individuale “La Bottega dei Sapori”, si trova proprio a Corsico via 4 Novembre 59 e vende prodotti tipici calabresi. In base al provvedimento l’attivitĂ  mancava “requisiti morali e di onorabilità” per rimanere aperta. Proprio il 2 aprile, a Milano, era stato siglato un patto tra prefettura, procura, Comune e rappresentanti dei settori commerciali per mappare le imprese e controllare le infiltrazioni di capitali di origine mafiosa nell’economia milanese. L’obiettivo del patto era proprio quello di rafforzare la prevenzione anche nella cittĂ  metropolitana, per “salvaguardare l’economia sana e la concorrenza leale”, come, nell’occasione, aveva fatto presente il prefetto Renato Saccone